AVVISO: Questo sito a breve non sarà più raggiungibile, Filo Diretto News con le sue notizie ed i suoi servizi sono disponibili al nuovo indirizzo web: www.filodirettonews.it
Oggi è 
 
 
   
Prima Pagina > Cultura e Società > Riflessioni > La comunità di Kirkop finanzia lavori di restauro delle cornici dei dipinti della Via Crucis

 mercoledì 17 luglio 2019

MALTA

La comunità di Kirkop finanzia lavori di restauro delle cornici dei dipinti della Via Crucis

di Fra Mario Attard


alt

Un gruppo di 14 quadretti (piccoli dipinti) della Via Crucis e le loro cornici dorate, che sono nella chiesa parrocchiale di Kirkop, sono state recentemente restaurate utilizzando i fondi raccolti dai parrocchiani. Secondo i restauratori, le cornici dorate delle 14 Stazioni della Croce nella chiesa di Kirkop, dedicata a San Leonardo, sarebbero realizzate da Emmanuel Buhagiar (1876-1962), poiché lo stile, il disegno, la composizione e le proporzioni sono simili ad altre opere di artigianato. Buhagiar decorò anche 14 Stazioni trovate nella vicina chiesa parrocchiale di Qrendi. I restauratori si sono espressi così: “È tuttavia difficile accertare che questi telai siano stati realizzati da Buhagiar, dal momento che non è stata trovata alcuna documentazione. D’altra parte, all’epoca era prassi comune, anche se, perfino al giorno d’oggi, che gli artisti si copiassero l’un l’altro”.

Le modanature a telaio intagliate sono state sottoposte a un grado di logorio, derivanti dall’ambiente della chiesa. I danni della superficie variavano da piccoli graffi ad abrasioni maggiori. Il danno sulla foglia d’oro, utilizzata per dorare le cornici, era evidente come lo strato di bolo di argilla (una tonalità di rosso), ha cominciato a mostrare attraverso la foglia usurata sulle parti più prominenti dei telai. I conservatori hanno cercato di mantenere la maggior parte della finitura originale possibile, che è stata raggiunta stabilizzando prima le aree insicure e deboli, prima che un esercizio di restauro completo sia stato effettuato. Questo includeva il rinforzo strutturale del legno di base, la replica di elementi decorativi mancanti, la riparazione di ornamenti danneggiati e la doratura in modo tradizionale. I restauratori hanno notato che nessuno dei telai era, tuttavia, completamente dorato e solo le aree abrase, gesso rotto e parti mancanti sono stati trattati, mescolando con attenzione il nuovo con il vecchio.

In contrasto con le cornici, la maggior parte dei dipinti ha mostrato interventi precedenti, tra cui sovra-pittura e rivestimento. Il rivestimento si riferisce al processo per cui una nuova tela è attaccata alla parte posteriore di quella esistente per rafforzare, appiattire o consolidare i dipinti su una tela. Sopradipinti, soprattutto se fatti male, o che coprono lo strato di vernice originale, devono essere rimossi completamente, se possibile. Se questi non vengono trattati, possono alterare la composizione principale e il significato del dipinto nel tempo e diminuirne il valore, hanno detto i restauratori. Dopo che i dipinti sono stati puliti dai vari ritocchi fatti da dilettanti, si scoprì che i dipinti originali erano stati eseguiti da non uno, ma due artisti che avevano stili simili. Le principali differenze si vedono dalle caratteristiche di alcune delle figure principali, hanno sottolineato i restauratori. Altri interventi sono stati effettuati su quei dipinti che non erano stati restaurati in passato e che avevano sviluppato un’intensa sfaldatura dello strato di vernice. I dipinti completamente restaurati e le loro preziose cornici possono ora essere visti nella piccola chiesa parrocchiale di Kirkop, che ha festeggiato la festa di San Giuseppe domenica 14 luglio. Il Paese celebrerà la festa del suo santo patrono, San Leonardo, il 25 agosto.


 


Altre Notizie su

Cultura e Società > Riflessioni






 
Sostenitori
 
 
© 2011/20 - Filo Diretto News | Reg. Tribunale di Messina n° 4 del 25/02/2011 | Dir. Resp. Domenico Interdonato | Condirettore Armando Russo
Redazione - Via S. Barbara 12, 98123 Messina - P.Iva 02939580839