AVVISO: Questo sito a breve non sarà più raggiungibile, Filo Diretto News con le sue notizie ed i suoi servizi sono disponibili al nuovo indirizzo web: www.filodirettonews.it
Oggi è 
 
 
   
Prima Pagina > Cultura e Società > Riflessioni > Malta – Dipinti Mariani restaurati a Mqabba

 venerdì 10 maggio 2019

MALTA

Malta – Dipinti Mariani restaurati a Mqabba

di Fra Mario Attard


alt

Due importanti dipinti, che si trovano nella Chiesa parrocchiale dell’Assunzione della Vergine Maria a Mqabba, hanno subito un vasto restauro e sono stati svelati in una cerimonia, domenica 5 maggio. I dipinti in questione sono la Pala d’Altare principale che raffigura l’Assunzione di Maria (opera di Filippo Fortunato Venuti, 1897) e un dipinto del XVII secolo dell’Immacolata Concezione che è stato gravemente danneggiato durante la seconda guerra mondiale. Per molti decenni, la Pala d’Altare titolare si pensò che fosse stata realizzata nel 1896, fino a quando uno studio pubblicato due anni fa dal rev. dott. Jonathan Farrugia, un residente di Mqabba per gli ultimi 32 anni, ha rivelato che è stato dipinto da Venuti un anno dopo. Infatti, don Farrugia aveva precedentemente pubblicato uno studio dettagliato sugli antenati di Venuti dal XVII secolo fino al suo soggiorno a Malta alla fine del XIX secolo. L’Assunzione di Maria di Mqabba è considerata il suo capolavoro.

La pittura barocca dell’Immacolata Concezione è menzionata, per la prima volta, nella visita pastorale fatta dal vescovo Cocco Palmieri, nel 1686. Essa è considerata il lavoro del pittore maltese Stefano Erardi. Quando la chiesa fu bombardata il 9 aprile 1942, l’altare dell’Immacolata Concezione fu completamente distrutto, il dipinto, anche se ampiamente danneggiato, sopravvisse. Purtroppo, è stato collocato dietro un armadio nella stanza del negozio della Chiesa e ignorato per molti anni. È stato, nel frattempo, sostituito da un dipinto di Cleto Luzzi nel 1949, che è attualmente in fase di conservazione. Nel 2017, il dipinto dell’Immacolata Concezione insieme ad altri manufatti che erano nella Chiesa, prima di essere distrutti durante la seconda guerra mondiale, sono stati esposti in occasione del 75° Anniversario dal bombardamento. L’interesse mostrato dalla gente del posto si rivelò a essere l’occasione giusta per don Farrugia per suggerire il restauro di diversi dipinti al parroco, don John Curmi, diede la sua approvazione e lo nominò direttore dell’impresa. Il denaro è stato raccolto dalla comunità di Mqabba da due parrocchiani, senza l’aiuto di sponsor o sovvenzioni. I restauratori a cui sono stati affidati i lavori sono Prevarti, per la pittura titolare dell’Assunzione, e Sabine Azzopardi, per il dipinto dell’Immacolata. I processi hanno rivelato dettagli interessanti che erano finora sconosciuti o dimenticati.

La pittura dell’Assunzione necessitava principalmente di una pulizia accurata da cera e sporcizia che si erano accumulate nel corso degli anni. Quando la pala d’altare è stata presa giù dalla sua nicchia, una nota sul telaio barella ha rivelato che era stato restaurato, nel 1943. Esso deve avere anche poi subito alcuni danni durante il bombardamento del 1942. Questo restauro consistette principalmente nel bendare una lacerazione nell’angolo in basso a destra, dove gli Apostoli, guardando la tomba vuota di Maria, sono raffigurati. Più interessante, quando il telaio è stato svitato dal dipinto, si è rivelato che era stata nascosta sia la firma dell’artista e la data della sua esecuzione, nel 1897, così dimostrando che l’ipotesi di don Farrugia era corretta. Il processo di pulizia ha rivelato che le delineazioni della matita che Venuti disegnava sulla tela come guide per la composizione erano ancora visibili. La rimozione della pala d’altare dalla sua nicchia ha anche fornito la giusta opportunità di dipingere e ri-decorare il muro barocco.

Il conservatore è del parere che molto probabilmente le parti del dipinto che non sono mai state ritoccate sono le nuvole intorno alla figura di Maria con i loro putti e la figura di Sant’Anna sulla sinistra. Le alterazioni, sia dall’artista originale che da qualcun altro poco dopo la fine del dipinto, sono state eseguite sull’abito, sul mantello, sui capelli e sulle mani della Madonna e, molto probabilmente, anche sul viso. Dopo consultazione tra gli esperti d’arte, si è deciso di mantenere l’ultimo strato. Questi due dipinti fanno parte di una lista più lunga del patrimonio artistico di Mqabba che don Farrugia sta lavorando duramente per preservare. Alcuni mesi fa, due dipinti del XVII secolo, uno che raffigura l’incoronazione della Vergine e un altro che raffigura San Rocco, sono stati restaurati, rivelando molti dettagli interessanti. Attualmente, viene purificato il nuovo dipinto dell’Immacolata Concezione, mentre un altro dipinto del XVIII secolo della Pietà, anch’esso danneggiato nel 1942, è in fase di restauro. Un piccolo Museo parrocchiale dove gli artefatti di altri tempi saranno esposti permanentemente è ancora da fare. Questa bellissima iniziativa mi ricorda quello che dice Papa Francesco sull’arte: “L’arte, oltre a essere un testimone della bellezza del creato, è anche uno strumento di evangelizzazione. Guardiamo la Cappella Sistina: cosa ha fatto Michelangelo? Un lavoro di evangelizzazione”.


 


Altre Notizie su

Cultura e Società > Riflessioni






 
Sostenitori
 
 
© 2011/20 - Filo Diretto News | Reg. Tribunale di Messina n° 4 del 25/02/2011 | Dir. Resp. Domenico Interdonato | Condirettore Armando Russo
Redazione - Via S. Barbara 12, 98123 Messina - P.Iva 02939580839