AVVISO: Questo sito a breve non sarà più raggiungibile, Filo Diretto News con le sue notizie ed i suoi servizi sono disponibili al nuovo indirizzo web: www.filodirettonews.it
Oggi è 
 
 
   
Prima Pagina > Cultura e Società > Riflessioni > La devozione maltese al “Santo dei miracoli” è fortemente viva

 mercoledì 8 maggio 2019

MALTA

La devozione maltese al “Santo dei miracoli” è fortemente viva

di Fra Mario Attard


alt

Quest’anno, la comunità Dominicana sta commemorando il 600° Anniversario della morte di San Vincenzo Ferrer, uno dei più grandi santi dell’ordine dei predicatori (Domenicani). È, quindi, opportuno guardare alla storia riguardante la devozione a questo santo a Malta. La devozione a San Vincenzo Ferrer risale agli anni immediatamente successivi alla sua canonizzazione, nel 1455, trenta anni dopo la sua morte. Una testimonianza tangibile di questa precoce devozione è un affresco raffigurante il Santo nella Chiesa medievale dell’Annunciazione a Ħal Millieri, vicino a Żurrieq. Poiché questa chiesa è stata costruita a metà del XV secolo, si può supporre che l’affresco possa essere stato dipinto poco dopo la canonizzazione del Santo. Altri affreschi nella stessa chiesa ritraggono altri santi associati ai primi anni della chiesa cattolica.

La devozione a San Vincenzo fu rafforzata con l’arrivo dei frati domenicani a Malta, nel 1513, avendo la loro prima Chiesa a Rabat, sopra il Santuario della Madonna della Grotta. Infatti, in questa chiesa si trova un’effigie dipinta del Santo e un altro dipinto nel coro della chiesa che mostra San Vincenzo nella resurrezione dei morti. A causa del gran numero di miracoli compiuti durante la sua vita, San Vincenzo è uno dei pochi santi sui quali è stato conferito il titolo di taumaturgo, un interprete di miracoli. Quando i domenicani hanno messo piede nella città nuovamente costruita, La Valletta, nel 1569, era più che ovvio che la devozione al Santo dei miracoli dovesse essere propagata anche qui. Poco dopo il completamento della loro prima chiesa nel 1593, una Cappella dedicata a San Vincenzo fu costruita sotto il coro della chiesa. Un anno dopo, questa cappella è stata impreziosita da un’effigie del Santo.

Un evento importante fu la fondazione della Confraternita di San Vincenzo Ferrer, il 18 luglio 1576, che fu sanzionato dall’inquisitore, mons. Pietro Sant’Urbano. Il 27 ottobre, la confraternita fu registrata come l’Arciconfraternita dell’Orazione e Morte a Roma. Questo è riportato nella Curia del vescovo di Malta, recante la data del 7 maggio 1580. Il 15 aprile 1577, l’ordine domenicano concesse alla confraternita il permesso di costruire il proprio oratorio. È stato costruito in Strada San Giorgio, ora Republic Street. Tuttavia, la Confraternita divenne presto estinta e l’Oratorio fu chiuso. Nonostante ciò, la devozione al Santo rimase forte. Circa 200 anni dopo, nel 1744, un gruppo di devoti presentò una richiesta al vescovo Paul Alpheran de Bussan per ristabilire la confraternita. Poco dopo, una processione in onore al Santo cominciò a essere tenuta.

Il 4 febbraio 1842, un’altra richiesta venne fatta al vescovo Francesco Saverio Caruana in modo che i laici potessero indossare una veste di confraternità. La richiesta fu accettata e ai laici fu permesso di indossare una veste bianca con una mozzetta nera, una corda cordata intorno ai loro fianchi, e attaccata alla corda c’era un rosario di perline nere. Una statua di San Vincenzo è stata portata, nel 1790, per essere condotta in processione ogni anno. La devozione a San Vincenzo Ferrer divenne presto diffusa, con dipinti che raffigurano il Santo e che sono trovati in diverse chiese in tutta Malta e Gozo. Nella Basilica di Nostra Signora di Porto Salvo e San Domenico, a La Valletta, si trovano rappresentazioni artistiche del Santo. La più notevole è la pala d’altare in una delle cappelle della chiesa dipinte da Francesci, nel 1903, sostituendo quella di Francesco Zahra, collocata nella sacrestia.Un’altra immagine del Santo fa parte della pittura a volta di Giuseppe Calì, mentre un affresco del Santo si trova sopra una delle camere dei frati che fiancheggiano il corridoio del Priorato.

Altri dipinti presenti in vari luoghi, uno di Ġanni Vella presso la chiesa domenicana di Vittoriosa, una pala d’altare di Calì nel transetto sinistro della chiesa di Nostra Signora di Pompei a Marsaxlokk e un altro, anche esso di Calì, presso la chiesa parrocchiale di Nostra Signora del Sacro Cuore a Sliema. Un piccolo dipinto del Santo si trova nella sala d’ingresso del Priorato della chiesa parrocchiale Domenicana di Gesù di Nazaret a Sliema. Questo dipinto adornava uno degli altari della chiesa.Altri dipinti di San Vincenzo si trovano nelle chiese parrocchiali di Gudja (sopra la pala d’altare della Madonna del Rosario), la Chiesa parrocchiale di Sant’Andrea a Luqa, nella sacrestia del Santuario di Nostra Signora delle Grazie a Żabbar, la pala d’altare della Madonna del Rosario alla Chiesa parrocchiale di San Gaetano e nella Cappella di Santunuzzu, entrambi a Ħamrun, la pala d’altare di Nostra Signora del Monte Carmelo alla Chiesa parrocchiale di San Publio a Floriana, e alla Chiesa parrocchiale di San Paulo Naufragio e la Chiesa di Santa Lucia, ambedue a La Valletta. A Gozo, i dipinti del Santo si trovano presso il Santuario di Nostra Signora di Pompei, gestito dalle suore domenicane, e nella Basilica di San Giorgio a Victoria, dove la pala d’altare di San Gaetano presenta anche San Vincenzo Ferrer.

La devozione al “Santo dei miracoli” non è solo limitata alle chiese, anche le strade che portano il nome del Santo si trovano a Rabat (vicino al priorato domenicano), Sliema, Marsa e Ħamrun. A parte questo, sette nicchie con statue del Santo si trovano in vari luoghi, tra cui Rabat, all’angolo tra le strade di George Borg Olivier e Nicola Saura, che quest’ultima ha un disperato bisogno di restauro. Marsa ha una nicchia in via dei pescatori con una tavoletta sotto che ricorda le indulgenze concesse dal vescovo Pietro Pace, nel 1894. Una nicchia con la statua del Santo, che sembra essere stata fatta da mani non qualificate, ma devozionali, si trova anche in Via Sant’Angelo, a Marsascala. Marsaxlokk ha una nicchia del Santo all’angolo tra il lungomare e la strada San Pio. Questa è stata fatta da Don Vincenzo la Corte, che aveva una residenza estiva nelle vicinanze. Nel 1901, il vescovo Pace concesse indulgenze a coloro che pregavano davanti alla nicchia. Un’altra nicchia si trova in Via Sammat, a Paola, mentre un’altra statua di San Vincenzo, che è recentemente restaurata si trova nell’angolo tra la Via Msida e Via San Rocco, a Birkirkara.

Un medaglione ad alto rilievo che raffigura San Vincenzo Ferrer sulla facciata di Villa Bonici si trova a Sliema. Fu commissionato dalla famiglia Noble Testaferrata Bonici Axiaq, che portò il titolo di marchese di San Vincenzo. Le statue di strada di San Vincenzo sono esposte durante le Feste di San Domenico a La Valletta e Vittoriosa e nella Piazza principale di Gudja durante la festa della Madonna del Rosario. La statua è di proprietà della Società Filarmonica La Stella. Preghiere, coroncine e novene a San Vincenzo Ferrer sono stati considerati importanti oggetti religiosi durante momenti speciali, tra cui la gravidanza e il parto. La Confraternità di San Vincenzo Ferrer di La Valletta aveva anche reliquie del Santo che potevano essere portate a casa in modo che le madri potessero avere un parto sicuro. I neonati furono presentati a San Vincenzo Ferrer davanti alla sua statua nella Chiesa parrocchiale di San Domenico come segno di ringraziamento. Questa breve, ma toccante cerimonia, fu spesso eseguita dopo il battesimo nella stessa chiesa.

San Vincent non fu solo invocato dalle donne per partorire, ma anche dai genitori i cui figli soffrivano di infezioni gastro-intestinali e febbre tifoide, che erano dilaganti al momento. Un atto di devozione comune era prendere un sorso dall’Acqua Santa di San Vincenzo. Questo è stato, spesso, somministrato ai bambini affetti da varie malattie contagiose. L’acqua fu periodicamente benedetta dal padre priore domenicano. L’atto più comune di ringraziamento da parte dei genitori dopo che un bambino recuperò da una malattia era vestirlo in una veste Dominicana su misura e portarli in chiesa il giovedì, essendo il giorno della devozione al Santo. Questa usanza era una manifestazione a tutti i vicini che il bambino era stato curato attraverso l’intercessione al Santo. La devozione a San Vincenzo Ferrer è ancora molto attiva oggi. Molti genitori continuano a presentare i loro figli al Santo e a tenere a disposizione l’acqua Santa del Santo per cercare la sua intercessione nei momenti di bisogno. La festa di San Vincenzo Ferrer è celebrata nella Chiesa parrocchiale di San Domenico, a La Valletta, tra il 6 al 11 maggio.

La preghiera a Lui dedicata:

O Glorioso Apostolo e Taumaturgo San Vincenzo Ferreri, vero Angelo dell’Apocalisse e nostro potente Protettore, accogliete le nostre umili preghiere e fate discendere su di noi l’abbondanza dei divini favori. Per quell’amore di cui avvampò il vostro cuore, otteneteci dal Padre delle misericordie: prima di tutto il perdono dei nostri numerosi peccati, poi la stabilità nella fede e la perseveranza nelle opere buone, sicché vivendo da ferventi cristiani, siamo fatti sempre più degni del vostro patrocinio. Degnatevi di estendere questo patrocinio anche ai nostri interessi temporali, conservandoci la nostra salute corporale o risanandoci dalle malattie, benedicendo le nostre campagne dalla grandine e dalle tempeste, tenendo lontano da noi ogni infortunio; onde provvisti a sufficienza degli aiuti terreni, con cuore più libero attendiamo alla ricerca degli eterni beni. Così, favoriti da voi, vi saremo sempre più devoti e potremo giungere un giorno ad amare, lodare e benedire con voi Iddio nella patria celeste per tutti i secoli. Così sia.


 


Altre Notizie su

Cultura e Società > Riflessioni






 
Sostenitori
 
 
© 2011/20 - Filo Diretto News | Reg. Tribunale di Messina n° 4 del 25/02/2011 | Dir. Resp. Domenico Interdonato | Condirettore Armando Russo
Redazione - Via S. Barbara 12, 98123 Messina - P.Iva 02939580839