AVVISO: Questo sito a breve non sarà più raggiungibile, Filo Diretto News con le sue notizie ed i suoi servizi sono disponibili al nuovo indirizzo web: www.filodirettonews.it
Oggi è 
 
 
   
Prima Pagina > Cultura e Società > Riflessioni > Visita al Polin, il Museo ebraico di Varsavia

 domenica 5 maggio 2019

POLONIA

Visita al Polin, il Museo ebraico di Varsavia

di Redazione


alt

Giovedì 4 aprile 2019, Festa di San Isidoro Vescovo, ho avuto la grazia di vistare il museo Polin, il museo ebraico di Varsavia. L’idea di creare un Museo della storia degli ebrei polacchi emerse presso l’Associazione dell’Istituto Storico Ebraico. Grazie al generoso aiuto di donatori individuali e istituzionali provenienti da tutto il mondo, l’opera di realizzazione del Museo hanno avuto inizio nel 1995 e continuarono come iniziativa sociale fino al 2005. Fu, allora, che il Museo della storia degli ebrei polacchi fu formalmente istituito sotto gli auspici del Presidente della Repubblica della Polonia, Aleksander Kwaśniewski.Grazie al sostegno finanziario ricevuto principalmente da donatori privati e fondazioni provenienti dagli Stati Uniti, Germania, Gran Bretagna e Polonia, il progetto finale del futuro Museo è stato completato. Il Polin è una documentazione unica vivente sull’ebraismo polacco, sia a livello locale e anche all’estero. È il primo partenariato pubblico-privato in Polonia, creato congiuntamente dal governo centrale, dal governo locale e da un’organizzazione non governativa. In base a un accordo tripartito firmato il 25 gennaio 2005 dal ministro della cultura e del patrimonio nazionale, il sindaco di Varsavia e il presidente dell’Associazione del JHI (Jewish Heritage Initiative cioè Iniziativa del Patrimonio Ebraico), il partito pubblico finanziò, tra l’altro, la costruzione dell’edificio e le sue attrezzature. L’Associazione del JHI è stata responsabile per il finanziamento e l’organizzazione del processo di produzione della Mostra di base.

Il Polin è una moderna istituzione culturale, un museo narrativo che presenta una storia millenaria di ebrei polacchi. È anche un luogo di incontri e conversazioni per tutti coloro che desiderano saperne di più sul passato e sul presente della cultura ebraica, per confrontarsi con gli stereotipi e per affrontare i pericoli del mondo odierno come la xenofobia e i pregiudizi nazionalistici. Promuovendo l’apertura, la tolleranza e la verità, il Museo Polin contribuisce alla comprensione reciproca e al rispetto tra i polacchi e gli ebrei. Il Polin è un museo insolito in una posizione unica, 1000 anni di storia sono raccontate in un luogo simbolico nel centro di Varsavia nel distretto pre-bellico abitato principalmente dagli ebrei e, durante la guerra, trasformato dai tedeschi in un ghetto. Il Museo ripristina la memoria della loro ricca cultura e patrimonio. Prima di iniziare la visita fai bene a prestare attenzione all’edificio stesso, che nasconde molti simboli e significati, ad esempio: la sala principale che “taglia” l’edificio del Museo dal sottofondo al tetto, simbolizzando la spaccatura nella storia degli ebrei polacchi causati dall’olocausto.

Sulle lastre di vetro che coprono le facciate è la parola ebraica Polin, che significa “Polonia” o qui si riposeranno. Un viaggio attraverso i secoli seguendo il percorso designato da otto gallerie a tema. Oggetti antichi, dipinti, mostre interattive, ricostruzioni e proiezioni video ti porteranno più vicino a questa affascinante storia. Nel Polin, scoprirai le tracce del primo insediamento ebraico nella Polonia medievale, e vedrai lo statuto reale del XIII secolo che garantisce loro la sicurezza così come la libertà personale e religiosa e imparerai ciò che l’era d’oro della cultura degli ebrei polacchi. Nella Galleria della Città ebraica, vedrai una delle principali attrazioni del Museo, la struttura del tetto ricostruito della sinagoga in legno di Gwoździec. Successivamente, camminerai attraverso una strada ebraica prima della guerra dove due culture si intrecciano. Poi, andrai al Ghetto di Varsavia dalla seconda guerra mondiale e finalmente ti ritroverai nel periodo del dopoguerra.

Non dimenticate di vedere il monumento degli Eroi del ghetto di fronte al Museo. Proprio di fronte a questo monumento storico, in un gesto storico, il cancelliere tedesco Willi Brandt si inginocchiò. Questo evento è stato considerato un’apologia simbolica della Germania per i crimini dell’Olocausto. Nelle vicinanze, si trova anche un monumento a Jan Karski, l’emissario dello Stato sotterraneo polacco. Nell’autunno 1942, viaggiò verso il Regno Unito, dove passò il suo rapporto da testimone oculare sullo sterminio degli ebrei alle più alte autorità alleate. Jerzy Halbersztadt, il primo direttore del Museo della storia degli ebrei polacchi, ha giocato un ruolo importante nella sua creazione. Dal 1999 al 2011, ha supervisionato tutto il lavoro dell’associazione nella creazione del Museo, inizialmente lavorando come direttore del progetto e poi come coordinatore dell’Associazione. Dal 2006 fino al 2011, Halbersztadt fu il primo direttore del Museo. Poi, fu succeduto da Agnieszka Rudzińska che fu direttrice d’azione del Museo fino al giugno del 2012. Andrzej Cudak è stato, poi, nominato direttore del Museo fino a quando è succeduto dall’attuale direttore del Museo, il professor Dariusz Stola.

Nel 2016, il Museo Polin ha vinto il titolo del Premio Europeo del Museo dell’Anno (European Museum of the Year Award EMYA 2016). Il comunicato dell’EMYA dice così: “Il Museo Polin è salito alla sfida di creare una mostra di base coinvolgente e persuasiva senza una sostanziale raccolta di artefatti. Il programma di mostre temporanee, attività educative, conferenze, residenze accademiche e artistiche rendono il Museo una piattaforma vibrante per il dialogo e per diffondere le conoscenze sulla storia e il patrimonio ebraico”. Come dice un aforisma che porto ovunque nel mio cuore dal Polin: “Da Mosè a Mosè non c’è nessuno come Mosè”. Perché non farai anche tu questa esperienza come ho fatto io? Basta visitare con un cuore aperto il Polin a Varsavia!


 


Altre Notizie su

Cultura e Società > Riflessioni






 
Sostenitori
 
 
© 2011/20 - Filo Diretto News | Reg. Tribunale di Messina n° 4 del 25/02/2011 | Dir. Resp. Domenico Interdonato | Condirettore Armando Russo
Redazione - Via S. Barbara 12, 98123 Messina - P.Iva 02939580839