AVVISO: Questo sito a breve non sarà più raggiungibile, Filo Diretto News con le sue notizie ed i suoi servizi sono disponibili al nuovo indirizzo web: www.filodirettonews.it
Oggi è 
 
 
   
Prima Pagina > Cultura e Società > Riflessioni > Anche sul 25 Aprile è scontro tra i due vice presidenti

 giovedì 25 aprile 2019

IL TACCUINO DI NUCCIO FAVA

Anche sul 25 Aprile è scontro tra i due vice presidenti

di Nuccio Fava


alt

Non si era mai visto neppure ai tempi del governo Tambroni, costretto a dimettersi da veri e propri moti di protesta popolare, comunisti in testa. Ma anche per la fermezza e la ripulsa della Democrazia cristiana di Aldo Moro. Come ai tempi del 25 aprile che si ricorda e si celebra oggi in tutta Italia, si concludeva vittoriosamente la lotta di resistenza e di liberazione, con l’apporto determinante degli alleati anglo americani dopo la resa di Cassibile. Nel resto d’Italia, specie sopra la linea gotica, si sviluppò man mano la lotta di liberazione dal nazifascismo, con l’apporto di forze diverse, con differente ispirazione ideale, unite però dalla forte passione per la libertà e per la sconfitta dello straniero in Italia ed in Europa. Fu un moto straordinario, di popolo, che voleva riscattare l’Italia dall’ignominia e dal terrore. Nei paesi e nelle città, nelle campagne e sui monti si formarono brigate di partigiani che progressivamente misero in fuga i nazifascisti, vendicarono le loro crudeltà e con un generale scampanio annunziarono che finalmente l’Italia era libera. Non mancarono episodi tristi e di guerra civile, che non possono però offuscare il valore di fondo della Resistenza e del 25 aprile, data di nascita della nuova Italia e del suo cammino democratico.

Che un vicepresidente del Consiglio banalizzi gravemente tutto questo e parli della inutilità di ricordare la lotta “tra comunisti e fascisti” che ora non esistono più è incredibilmente grave, prima di tutto sotto il profilo politico istituzionale, non meno che su quello storico e specialmente culturale. Se gli uomini più rappresentativi del governo, alle prese per altro con difficoltà insolubili, offrono alle nuove generazioni una visione e interpretazione siffatta della Liberazione, tutto ciò contribuisce a rendere pericolosamente inadeguato tutto il processo formativo dei nostri ragazzi, privato di ogni riferimento storico e istituzionale, delle ragioni del nostro stare insieme, della scelta per rinnovare l’Europa e per conquistare nuovamente un ruolo di equilibrio e di pace nel nuovo contesto internazionale. C’è certo anche una grande responsabilità della scuola e delle famiglie che restano, però, disarmate dinanzi ad affermazioni come quelle di Salvini che contraddirebbero qualunque sforzo di formazione civica da parte di insegnanti e genitori. Purtroppo, è l’immagine complessiva di un governo inetto, che litiga su tutto e si preoccupa solo di sopravvivere e di continuare, in una lotta quotidiana, per sconfiggere con ogni mezzo l’alleato avversario, sperando di conquistare qualche voto di più, mentre tutto va in malora.


 


Altre Notizie su

Cultura e Società > Riflessioni






 
Sostenitori
 
 
© 2011/20 - Filo Diretto News | Reg. Tribunale di Messina n° 4 del 25/02/2011 | Dir. Resp. Domenico Interdonato | Condirettore Armando Russo
Redazione - Via S. Barbara 12, 98123 Messina - P.Iva 02939580839