AVVISO: Questo sito a breve non sarà più raggiungibile, Filo Diretto News con le sue notizie ed i suoi servizi sono disponibili al nuovo indirizzo web: www.filodirettonews.it
Oggi è 
 
 
   
Prima Pagina > Cultura e Società > Riflessioni > Un pioniere nell’iconografia del Venerdì Santo

 lunedì 22 aprile 2019

MALTA

Un pioniere nell’iconografia del Venerdì Santo

di Fra Mario Attard


alt

I nostri antenati hanno sempre e costantemente mostrato interesse e devozione durante questi giorni che commemoravano la passione, la morte e la risurrezione di Gesù Cristo. Una caratteristica della Settimana Santa a Malta è, senza dubbio, la processione nelle parrocchie di Malta e Gozo. La maggior parte delle statue portate a spalla in queste processioni sono fabbricate in cartapesta. Ce ne sono alcuni che sono scolpite in legno. Sebbene alcune siano importazioni dall’estero, principalmente dall’Italia, la maggior parte di esse proviene dalle abili mani di scultori e statuari maltesi. Uno sguardo rapido alle linee anatomiche di Statue come la Crocifissione e la Flagellazione alla Colonna è già sufficiente a rivelare l’estensione degli studi degli scultori rispettivi sull’anatomia umana. Inoltre, alcune statue rivelano il più alto livello mai raggiunto nell’arte delle figure fabbricate in cartapesta, un commento applicabile anche alle rappresentazioni scolpite nel legno. Uno degli statuari maltesi più conosciuti è, indubbiamente, Carlo Darmanin. Ciò non solo per l’enorme numero di statue che ha prodotto, ma anche per le sue innovazioni nell’iconografia delle statue processionali del Venerdì Santo.

Carlozzo, come era affettuosamente conosciuto, nacque a Senglea il 30 agosto 1825, da Giuseppe e Maria nata Cumbo. Insieme ai suoi fratelli, fu educato all’arte statuaria dal padre, un uomo di mestiere. La famiglia Darmanin aveva una società chiamata Giuseppe Darmanin e Figli che avrebbe assunto incarichi di lavoro in marmo sia per le chiese che per il governo britannico. Le loro opere consistevano principalmente di tavoli, targhe commemorative, altari, statue, fonti, colonne e lapidi. Carlo iniziò presto a specializzarsi in cartapesta. Alcuni dicono che fosse su suggerimento di suo cugino, Giovanni, mentre altri lo attribuiscono al fatto che un marmocchio italiano aprì una bottega a Malta e divenne un forte concorrente della famiglia Darmanin. Ciò ha portato Carlo a concentrarsi sui lavori di cartapesta per diventare il più famoso statuario locale nella seconda metà del XIX secolo.

Tutti si stupivano dei bei volti che Darmanin scolpiva, specialmente i volti della Madonna, degli angeli e delle donne nell’Antico Testamento. Utilizzò sua moglie e i suoi figli come modelli per le sue statue. Inoltre, usava anche particolari stampi che potevano essere importati dall’Italia, dove suo padre aveva buoni contatti grazie alla sua azienda di marmo. Le sue statue erano di solito fatte in uno stile purista con un pizzico di romanticismo. Esso non solo produsse un vasto numero di angeli e diverse statue per le decorazioni delle feste di strada del villaggio, ma anche cinque statue titolari per le chiese parrocchiali, tre delle quali sono ancora venerate e utilizzate nelle processioni di oggi. Queste sono la Statua di Cristo il Salvatore (con Elia e Mosè durante la Trasfigurazione), per la Chiesa parrocchiale di Lija (fatta nel 1864), San Gaetano, per la Chiesa parrocchiale di Ħamrun (fatta nel 1885) e San Giuliano, per la chiesa parrocchiale di Julians (realizzata nel 1893).

Insieme a queste opere, Darmanin lavorò la Statua di San Leonardo per la Parrocchia di Kirkop nel 1877, che nel 1949 fu cambiata con un’altra scolpita in legno in Italia. Nel 1863, Darmanin fece la Statua di Santa Margarita per la Parrocchia di Sannat. Quest’ultima fu anche sostituita da un’altra statua fatta dalla società francese Gallard et Fils Statuaries, nel 1891. Tuttavia, il nome di Darmanin è principalmente collegato alle diverse statue processionali ispirate dal Venerdì Santo. La prima Statua fu quella raffigurante la Madonna Addolorata per la Chiesa parrocchiale di Għaxaq. Era il 1851. Più tardi, nel 1901, lo sostituì con un’altra statua che lo stesso Darmanin donò alla parrocchia. Infatti, sulla sua base, si legge Carlo Darmanin fecit et donavit 1901. Per la Chiesa parrocchiale di Mosta ha quasi fatto l’intera serie di statue, sette su una serie di nove statue del Venerdì Santo. Nel 1866, realizzò la Statua dell’Agonia nel Giardino e la Flagellazione alla Colonna. Tre anni dopo, Darmanin lavorò la Statua del Redentore e la Crocifissione, mentre nel 1895 fece le Statue dell’Ecce Homo e la Veronica.

La Statua più importante di tutte queste è quella della Veronica. Qui l’artista, basando la sua ispirazione sulle rivelazioni della mistica tedesca Benedetta Caterina Emmerich, ha presentato una versione più recente della Veronica con l’inclusione di un’effigie di una ragazza che tiene in mano un vaso oltre a quella dell’immagine tradizionale. Sembra esserci un distacco tra questa ragazza e la Veronica. Questa separazione trasmessa da Darmanin in questa rappresentazione artistica, crea due figure prive di ogni forte intimità. Allo stesso tempo, c’è vicinanza e intimità nelle loro emozioni mentre si trovano faccia a faccia con l’uomo sofferente. Questa innovazione è stata introdotta in altre serie di Statue come quelli di Nadur (1914), Paola (1972) e Għargħur (1993). In Cospicua, si trovano tre statue fatte da Darmanin. Nel 1876, realizzò le effigi di Nostra Signora, San Giovanni e Maria Maddalena per il quadro della Crocifissione e la Statua dell’Addolorata. Nel 1878, Darmanin produsse la Statua dell’Agonia di Gesù in giardino. Questa Statua, che rappresenta l’angoscia di Gesù nel Getsemani, è considerata veramente un capolavoro. Particolare attenzione nella serie di statue a Qormi è dovuta alla Statua del Tradimento, realizzata da Darmanin, nel 1903.

Questa fu un’altra innovazione per le statue processionali del Venerdì Santo. Questa Statua che raffigura Giuda che tradiva Gesù baciandolo, rimase unica fino al 1961 quando la Parrocchia di Żejtun portò, da Lecce, in Italia, una statua simile. Questo esempio fu seguito da Mosta, nel 1963, e Xagħra a Gozo, nel 1964, tra le altre parrocchie.Per la Chiesa parrocchiale di Senglea, la sua Città natale, Darmanin lavorò la Statua la Flagellazione alla Colonna, che è di dimensioni piuttosto ridotte ma allo stesso tempo mostra le grandi capacità di Darmanin nel trattare la cartapesta. La statua della Veronica, in cui il volto pietoso di una donna così buona è molto allusivo e la Nostra Signora e Maria Maddalena per quadro della Crocifissione. Quando realizzò queste Statue della crocifissione, Darmanin le pose anche nella loro posizione attuale. Le espressioni sui volti e il modo in cui sono collocati sotto il Crocifisso, li rendono molto reali e si completano a vicenda. Questi sono stati tutti fatti all’inizio del XX secolo.

Altre statue processionali del Venerdì Santo fatte da Darmanin includono il Flagello alla Colonna per Għargħur nel 1868, i quattro angeli per la Deposizione di Luqa nel 1884 e La Valletta nel 1868. Darmanin realizzò anche la Statua di Cristo portacroce per La Valletta (1894) e per Żejtun (1880 circa), e la Veronica nel 1880, la Crocifissione nel 1880 e Nostra Signora dei Dolori nel 1863 per Rabat, a Malta. Il 26 novembre 1909, questa brillante carriera artistica si concluse con la morte di Darmanin. Carlo Darmanin dovrebbe essere conosciuto come il pioniere dei primi cambiamenti noti nell’iconografia delle Statue del Venerdì Santo. Fu il primo statuario a produrre un’Agonia in giardino con due angeli invece del solito singolo; una rappresentazione di Veronica in cui la protagonista non è sola; e soprattutto, è degno di nota per la produzione di una scena completamente nuova con la sua rappresentazione della Statua del Tradimento. Soprannominato il principe degli statuari maltesi da Nikola Zammit di Siġġiewi, Darmanin permise che le ispirazioni religiose formassero la spina dorsale delle sue numerose opere artistiche.


 


Altre Notizie su

Cultura e Società > Riflessioni






 
Sostenitori
 
 
© 2011/20 - Filo Diretto News | Reg. Tribunale di Messina n° 4 del 25/02/2011 | Dir. Resp. Domenico Interdonato | Condirettore Armando Russo
Redazione - Via S. Barbara 12, 98123 Messina - P.Iva 02939580839