AVVISO: Questo sito a breve non sarà più raggiungibile, Filo Diretto News con le sue notizie ed i suoi servizi sono disponibili al nuovo indirizzo web: www.filodirettonews.it
Oggi è 
 
 
   
Prima Pagina > Cultura e Società > Riflessioni > Il regalo del Venerdì Santo

 domenica 21 aprile 2019

MALTA

Il regalo del Venerdì Santo

di Fra Mario Attard


alt

Questo Venerdì Santo ho avuto la grazia di preparare in lingua maltese il testo della Via Crucis, presieduta come sempre da Papa Francesco nel Colosseo di Roma. Come sappiamo, le meditazioni di quest’anno 2019 sono state scritte da suor Eugenia Bonetti, una missionaria della Consolata e anche la presidente dell’Associazione Slaves no more. Questo testo così contemporaneo, coraggioso e anche profetico, conclude con questa espressione-chiave: mai più trattati da schiavi. Infatti, esso espone con ampia chiarezza la malvagità, la crudeltà e l’ipocrisia nel traffico di persone umane innocenti. L’intero testo non cessa mai di denunciare l’atto stesso del trafficante che vende carne umana come niente. Su questo argomento mi hanno colpito le seguenti frasi ricavate da questa riflessione.

La prima è presente nella sesta stazione, quando la Veronica asciuga il volto di Cristo. In questo contesto, suor Eugenia scrive:Pensiamo ai bambini, in varie parti del mondo, che non possono andare a scuola e che sono, invece, sfruttati nelle miniere, nei campi, nella pesca, venduti e comperati da trafficanti di carne umana, per trapianti di organi, nonché usati e sfruttati sulle nostre strade da molti, cristiani compresi, che hanno perso il senso della propria e altrui sacralità”. La seconda frase sulla malignità del trafficare di persone si trova nella nona stazione, quando Gesù cade la terza volta. Qui leggiamo: “Signore, per la terza volta sei caduto, sfinito e umiliato, sotto il peso della croce. Proprio come tante ragazze, costrette sulle strade da gruppi di trafficanti di schiavi, che non reggono alla fatica e all’umiliazione di vedere il proprio giovane corpo manipolato, abusato, distrutto, insieme ai loro sogni”.

Un’altra riflessione è quella che spiega la tredicesima stazione, Gesù è deposto dalla croce.Quanto è orribile e scandaloso quando una persona soffre e muore ingiustamente! Senza che nessuno sappia nulla! Chi ricorda, in quest’era di notizie bruciate alla svelta, quelle ventisei giovani nigeriane inghiottite dalle onde, i cui funerali sono stati celebrati a Salerno? È stato duro e lungo il loro calvario. Prima la traversata del deserto del Sahara, ammassate su bus di fortuna. Poi la sosta forzata negli spaventosi centri di raccolta in Libia. Infine, il salto nel mare, dove hanno trovato la morte alle porte della ‘terra promessa’. Due di loro portavano in grembo il dono di una nuova vita, bimbi che non vedranno mai la luce del sole. Ma la loro morte, come quella di Gesù deposto dalla croce non è stata vana. Tutte queste vite affidiamo alla misericordia del Padre nostro e di tutti, ma soprattutto Padre dei poveri, dei disperati e degli umiliati”.

Ovviamente, i governi e le comunità Cristiane sono fortemente chiamati a fare il loro compito a combattere questo terribile crimine umano. La preghiera dell’undicesima stazione, Gesù è inchiodato sulla croce, parla assai su questo!Signore, quante persone ancora oggi sono state inchiodate su una croce, vittime di uno sfruttamento disumano, private della dignità, della libertà, del futuro. Il loro grido di aiuto ci interpella come uomini e donne, come governi, come società e come Chiesa. Come è possibile che continuiamo a crocifiggerti, rendendoci complici della tratta di esseri umani? Donaci occhi per vedere e un cuore per sentire le sofferenze di tante persone che ancora oggi sono inchiodate sulla croce dai nostri sistemi di vita e di consumo”.

Leggendo e lavorando su questo testo così pratico, ma profondo, mi sono reso conto perché suor Eugenia stessa ha confessato che lo scopo di queste riflessioni e quello di dimostrare cosa significa essere un samaritano oggi. Il punto d’arrivo è anche il punto di partenza per eseguire una impresa così nobile, cioè ridare la dignità a questi schiavi di oggi. Esso rimane la resurrezione del Cristo. Dice la preghiera di conclusione del Via Crucis: “Al termine della tua Via Crucis ti preghiamo, Signore, affinché ci insegni a vegliare, insieme a tua Madre e alle donne che ti hanno accompagnato sul Calvario, nell’attesa della tua resurrezione. Essa sia faro di speranza, di gioia, di vita nuova, di fratellanza, di accoglienza e di comunione tra i popoli, le religioni e le leggi”.Si! È la resurrezione di Gesù che da senso al Venerdì Santo esistenziale che, tu e io, insieme a questi fratelli e sorelle sofferenti silenziosi, viviamo quotidianamente! Già essere coscienti di questo mi fa più riconoscente di questo regalo che ho ricevuto personalmente in questo Venerdì Santo!


 


Altre Notizie su

Cultura e Società > Riflessioni






 
Sostenitori
 
 
© 2011/20 - Filo Diretto News | Reg. Tribunale di Messina n° 4 del 25/02/2011 | Dir. Resp. Domenico Interdonato | Condirettore Armando Russo
Redazione - Via S. Barbara 12, 98123 Messina - P.Iva 02939580839