AVVISO: Questo sito a breve non sarà più raggiungibile, Filo Diretto News con le sue notizie ed i suoi servizi sono disponibili al nuovo indirizzo web: www.filodirettonews.it
Oggi è 
 
 
   
Prima Pagina > Cultura e Società > Riflessioni > Le virtù che ci insegna San Giuseppe

 mercoledì 20 marzo 2019

MALTA

Le virtù che ci insegna San Giuseppe

di Fra Mario Attard


alt

Martedì 19 marzo, la Chiesa universale ha celebrato la solennità di San Giuseppe. San Matteo, nel suo vangelo, lo descrive come uomo giusto (Mt 1,19). Secondo Papa Francesco, San Giuseppe è l’esempio perenne di uomo buono, perché se Gesù uomo ha imparato a dire “papà”, “padre”, al suo Padre che conosceva come Dio, lo ha imparato dalla vita, dalla testimonianza di Giuseppe: “l’uomo che custodisce, l’uomo che fa crescere, l’uomo che porta avanti ogni paternità e ogni mistero, ma non prende nulla per sé”.Ci sono cinque virtù forti nella santa vita di San Giuseppe.

La prima: il silenzio. San Giuseppe nella Santa Scrittura non disse una parola. Questo silenzio di San Giuseppe è molto eloquente. Ci insegna un atteggiamento fondamentale per entrare in una profonda preghiera: il silenzio. Se siamo, costantemente, bombardati dai rumori, allora diventa impossibile per noi udire la parola di Dio, lo Spirito Santo che ci parla nella dolce brezza del silenzio. Anche il silenzio di San Giuseppe ci insegna l’importanza dell’esempio. Dobbiamo dimostrare la nostra autenticità non solo con le parole, ma, e perlopiù, con le nostre azioni. San Giuseppe insegnò al mondo tramite la sua santa vita che viveva. Possa egli essere un esempio per noi oggi per mezzo del suo esempio.

La seconda: la preghiera. San Giuseppe era un uomo di preghiera. Quale ruolo straordinario ha svolto nella storia della salvezza! Egli era sia il coniuge di Maria, Madre di Dio, sia il padre adottivo di Gesù, il figlio del Dio vivente. San Giuseppe, in realtà, insegnò a Gesù a parlare e a rivolgersi a Dio come “Abba” — che significa “Papà”. In un certo senso, San Giuseppe insegnò a Gesù a usare le parole umane per parlare al Padre celeste: questa è la preghiera. Pertanto, se San Giuseppe insegnava a Gesù come pregare, quanto poteva insegnarmi a pregare se semplicemente chiederei il suo aiuto! Inizio ora: San Giuseppe, Insegnami a pregare!

La terza: il coraggio e la virilità. In una società, in cui troppi uomini sottraggono ai loro doveri verso le mogli, i figli e la famiglia e rivolgersi ai vizi e alla vita facile di fronte alle difficoltà, San Giuseppe brilla come un modello di coraggio e fortezza. Viaggiò per molte miglia di chilometri al freddo e al vento, solo per incontrare il rifiuto. Trovò rifugio in un posto per gli animali per la nascita di Gesù. Egli si alzò presto per fuggire in Egitto salvando il bambino Gesù dalle minacce viziose e omicida del re Erode. Di fronte a tante difficoltà, San Giuseppe si alzò e affrontò gli ostacoli con coraggio virile. Gli uomini della generazione attuale sollevino lo sguardo verso l’uomo dolce, ma coraggioso di Dio, il buon San Giuseppe.

La quarta: la provvidenza e la protezione. San Giuseppe ha protetto e provveduto per la Sacra famiglia. Era un duro lavoratore, esercitando il mestiere di un falegname. Ha guadagnato il suo vivere con il sudore della fronte. Egli non pensava di se stesso, ma di come poteva meglio provvedere e proteggere la famiglia che Dio l’aveva affidato alla sua cura. Preghiamo il buon San Giuseppe di provvedere e proteggere la nostra vita spirituale. Il materialismo, il consumismo, l’edonismo sono gli dèi della nostra cultura attuale. Questi in realtà soffocano la spiritualità. Le preghiere di San Giuseppe possono aiutarci a guardare oltre l’acquisto, il consumismo e il possedersi. Egli può aiutarci a renderci conto che la vera gioia e la felicità non provengono dall’avere le cose ma dal possedere Dio. Tenere Gesù risorto nel nostro cuore vale più di tutti i soldi e i possedimenti del mondo intero. Il buon San Giuseppe può insegnarci questa lezione semplice, ma profonda!

La quinta: unione con Gesù e Maria. Per giungere a una vera e autentica devozione a Maria, il buon San Giuseppe può servire da potente ponte. A parte Gesù stesso, nessuno sulla terra sapeva, comprendeva, accarezzava e amava la Beata Vergine Maria più di San Giuseppe. Rivolgiamo a San Giuseppe e supplichiamolo per la grazia di una maggiore conoscenza e amore per Maria, sua amata sposa. La nostra devozione a Maria farà un salto enorme! Poi, rivolgiamo a San Giuseppe e supplichiamolo per la grazia dell’intima conoscenza di Gesù per amarlo e seguirlo più da vicino. A parte Maria, nessuno conosceva meglio Gesù sulla terra dal buon San Giuseppe. La Sacra famiglia è completa solo quando i tre membri sono riconosciuti, onorati e amati. Che le preghiere di San Giuseppe apriranno i nostri cuori agli immensi tesori che Dio ha in serbo per noi in questo periodo quaresimale. Allora, Gesù possa risorgere nel profondo del nostro cuore nella solennità della Pasqua!

Preghiamo ogni giorno questa fortissima preghiera a San Giuseppe: A te, o beato Giuseppe, stretti dalla tribolazione, ricorriamo, e fiduciosi invochiamo il tuo patrocinio, dopo quello della tua santissima sposa. Per quel sacro vincolo di carità che ti strinse all’Immacolata Vergine Maria, Madre di Dio, e per l’amore paterno che portasti al fanciullo Gesù, riguarda, te ne preghiamo, con occhio benigno la cara eredità che Gesù Cristo acquistò col suo Sangue, e col tuo potere ed aiuto sovvieni ai nostri bisogni. Proteggi, o provvido custode della divina Famiglia, l’eletta prole di Gesù Cristo: allontana da noi, o Padre amatissimo, gli errori e i vizi, che ammorbano il mondo; assistici propizio dal cielo in questa lotta col potere delle tenebre, o nostro fortissimo protettore; e come un tempo salvasti dalla morte la minacciata vita del pargoletto Gesù, così ora difendi la santa Chiesa di Dio dalle ostili insidie e da ogni avversità; e stendi ogni ora sopra ciascuno di noi il tuo patrocinio, affinché a tuo esempio e mediante il tuo soccorso, possiamo virtuosamente vivere, piamente morire e conseguire l’eterna beatitudine in cielo. AMEN. Buona Festa del Papà a tutti!


 


Altre Notizie su

Cultura e Società > Riflessioni






 
Sostenitori
 
 
© 2011/20 - Filo Diretto News | Reg. Tribunale di Messina n° 4 del 25/02/2011 | Dir. Resp. Domenico Interdonato | Condirettore Armando Russo
Redazione - Via S. Barbara 12, 98123 Messina - P.Iva 02939580839