AVVISO: Questo sito a breve non sarà più raggiungibile, Filo Diretto News con le sue notizie ed i suoi servizi sono disponibili al nuovo indirizzo web: www.filodirettonews.it
Oggi è 
 
 
   
Prima Pagina > Notizie > Regionali > Comune di Gela – Banco Alimentare ed Eni insieme per le fasce più deboli del territorio

 venerdì 14 settembre 2018

BISOGNI ALIMENTARI

Comune di Gela – Banco Alimentare ed Eni insieme per le fasce più deboli del territorio

di Redazione


alt

L’unione delle professionalità dà sempre buoni frutti e riassume, in una frase che sa di buono, l’accordo che è stato firmato nei locali della Pinacoteca Comunale “In Saecula Seculorum” di Gela e che mira allo sviluppo di un progetto territoriale che risponda ai bisogni alimentari delle fasce vulnerabili della popolazione gelese. A siglare l’accordo quadro di collaborazione a supporto della sicurezza alimentare a Gela sono stati il sindaco Domenico Messinese per l’Amministrazione Comunale, Andrea Giussani, presidente di Fondazione Banco Alimentare onlus, Pietro Maugeri, presidente Banco Alimentare della Sicilia ONLUS; Eugenio Lopomo, AD e presidente di EniMed S.p.A., Ignazio Arces, AD di Raffineria di Gela S.p.A., e Francesco Misuraca, direttore Italian Environmental e Operational Activities di Syndial S.p.A.

Il progetto che prevede la creazione di una sede decentrata che riesca a ottimizzare e incrementare la raccolta delle eccedenze alimentari favorendone, poi, l’immediata distribuzione tra i bisognosi. Il deposito è quello dell’ex macello che viene dato in comodato d’uso gratuito al Banco Alimentare dal Comune per lo stoccaggio e la distribuzione degli alimenti attraverso le strutture caritative convenzionate. Eni, invece, si occuperà della ristrutturazione, finanziandola. Agire, direttamente, sul problema dell’accesso al cibo è il nocciolo di questo progetto che è stato intitolato “Sicurezza alimentare a Gela” e che intende ridurre la vulnerabilità sociale del territorio gelese e offrire un supporto a favore della coesione sociale. L’analisi del contesto ha messo in evidenza l’esistenza di sacche di povertà di una parte della popolazione gelese e le cause che hanno generato questa condizione. Il progetto è coerente con i piani di intervento regionali e locali rivolti al contrasto alla povertà alimentare. Nello specifico, l’Amministrazione Comunale di Gela è impegnata, tramite l’Ufficio ai Servizi Sociali, in una attività di supporto alle persone in difficoltà attraverso i progetti della “Carta REI”.

Tra i benefici attesi dal progetto sono previsti il miglioramento della logistica di approvvigionamento, l’incremento delle derrate alimentari recuperate e distribuite, l’aumento qualitativo e quantitativo degli alimenti che compongono il mix alimentare, il rafforzamento della rete di collaborazione tra istituzioni locali e stakeholder non istituzionali, tra cui le organizzazioni caritative che operano a Gela. L’iniziativa rappresenta un esempio importante di economia collaborativa dove soggetti pubblici e privati e associazioni lavorano assieme per migliorare la vita della comunità.


 


Altre Notizie su

Notizie > Regionali






 
Sostenitori
 
 
© 2011/21 - Filo Diretto News | Reg. Tribunale di Messina n° 4 del 25/02/2011 | Dir. Resp. Domenico Interdonato | Condirettore Armando Russo
Redazione - Via S. Barbara 12, 98123 Messina - P.Iva 02939580839