AVVISO: Questo sito a breve non sarà più raggiungibile, Filo Diretto News con le sue notizie ed i suoi servizi sono disponibili al nuovo indirizzo web: www.filodirettonews.it
Oggi è 
 
 
   
Prima Pagina > Cultura e Società > Media > L’amore di Claretta Petacci

 mercoledì 24 maggio 2017

PERSONAGGI

L’amore di Claretta Petacci

di Alfonso Saya


alt

“Non c’è più grande amore di colui che dà la vita...!”. L’Amore è condivisione, è Sacrificio, “Solo il sangue è Spirito, solo il sangue dà la porpora e la Gloria!”. Il supremo Sacrificio di Claretta, per l’uomo che tanto amava, fu un sublime atto d’amore evangelico! Si può definire, senza dubbio, è un Fatto incontestabile, l’eroina dell’Amore! Ha voluto condividere le ultime, drammatiche ore e la tragica sorte del dittatore, fu un olocausto d’Amore senza precedenti storici. Un amore così grande, così commovente, se si riflette, non si è mai registrato nella storia, è unico e solo! Si rimane colpiti, smarriti e reverenti davanti a un sentimento umano così eccelso e sublime.

Un giorno, una bambina, figlia prediletta del famosissimo scienziato dott. Petacci, medico personale di tre papi, rimase come traumatizzata quando vide in una rivista, la foto del duce. Fin da allora, inizia a scrivergli letterine legate da un nastro tricolore in cui esprime il suo amore per la Patria e l’ammirazione per lui che la rappresenta. In estrema sintesi, una bella domenica di aprile del 1932, la famiglia Petacci percorre, con una grande macchina targata “Città del Vaticano”, l’autostrada, Ostia-Lido, Claretta vide una potente Alfa Spider rossa, tentare il sorpasso. Riconobbe il duce, si affacciò sporgendosi, gridando con tutta la voce che aveva in gola, con tutto l’amore che aveva nel cuore, con tutte le lacrime che aveva accumulato durante i suoi sogni, i suoi desideri d’incontrarlo almeno una volta. Il duce che si accorse della bimba straordinaria ed euforica, la volle premiare, rallentò fino a tanto da avvicinare la macchina vaticana.

Si videro, si salutarono, si sorrisero... fu un attimo, ma in quell’attimo fuggente, nacque l’Amore con la lettera maiuscola che li avrebbe uniti per tutta la vita fino alla tragica morte. Un amore infinito che non avevano mai sentito. Così, inizia la lunga storia d’Amore... Indro Montanelli, l’unico che ha seguito passo passo tutta la vita e le opere del duce come vero storico, autore di molti libri compreso la Storia d’Italia, scrive tutto dei due amanti eccezionali da ogni punto di vista. “I primi quattro lunghi anni, furono solo incontri romantici, culturali, intellettuali, spirituali. Dopo il primo incontro, ebbero una ventina di colloqui molto brevi, corretti, puri. All’adorazione della ragazza, Mussolini rispondeva come un vero padre per la sua figlia prediletta, sfogando con essa la sua solitudine, la sua malinconia da morire, pur essendo potente.

Col tempo, non potendo vivere senza di lei, l’accolse come la sua donna, pur essendo ancora una bambina, la donna preferita che voleva vicina non tanto per il sesso (aveva 30 anni più di lei) quanto per la gioia, la compagnia, la giovinezza che emanava la dolce fanciulla, colta, bella, diligente, disinteressata, semplice sportiva. È certo il fatto – conclude il principe dei giornalisti – che Mussolini trovandosi a Roma, ogni sera, era sempre, infallibilmente, a casa con la famiglia, lo attesta Donna Rachele. Ogni uomo, pur non pensando al letto e all’amore, gode la compagnia di una donna, specie se è bella e dotata di una spiccata femminilità. Claretta fu la sua ispiratrice, ha consacrato tutta la sua vita per lui, volle, assolutamente morire con lui. L’aveva detto tante volte: “Ti seguirò fino alla morte!”.


 


Altre Notizie su

Cultura e Società > Media






 
Sostenitori
 
 
© 2011/21 - Filo Diretto News | Reg. Tribunale di Messina n° 4 del 25/02/2011 | Dir. Resp. Domenico Interdonato | Condirettore Armando Russo
Redazione - Via S. Barbara 12, 98123 Messina - P.Iva 02939580839