AVVISO: Questo sito a breve non sarà più raggiungibile, Filo Diretto News con le sue notizie ed i suoi servizi sono disponibili al nuovo indirizzo web: www.filodirettonews.it
Oggi è 
 
 
   
Prima Pagina > Cultura e Società > Media > Unione Sovietica: a rischio la libertà di espressione e di culto

 domenica 11 settembre 2016

DIRITTI DELL’UOMO

Unione Sovietica: a rischio la libertà di espressione e di culto

di Redazione


alt

La “Dichiarazione dei diritti dell’uomo” afferma all’articolo 18:Ogni individuo ha il diritto alla libertà di pensiero, coscienza e di religione; tale diritto include la libertà di cambiare religione o credo, e la libertà di manifestare, isolatamente o in comune, sia in pubblico che in privato, la propria religione o il proprio credo...”! In qualità di rappresentante stampa dei Testimoni di Geova, in Messina e provincia, desidero mettervi al corrente di una questione relativa ai Testimoni di Geova in Russia che si sta sviluppando, rapidamente, e rischia di avere pesanti ripercussioni su tutta la comunità russa.

È vero, noi siamo chiamati in causa, direttamente, ma il problema potrebbe coinvolgere presto anche altri. In gioco c’è la salvaguardia dei diritti umani – afferma Daniele Anselmo, portavoce dei Testimoni di Geova di Messina e Provincia – in gioco c’è la libertà di espressione, soprattutto la libertà di religione, che tra le grandi libertà di pensiero è la più importante. Recentemente, l’ufficio del procuratore generale della Federazione Russa ha inviato alla nostra organizzazione in Russia una lettera formale che annuncia la proscrizione del nostro culto, sebbene in Russia ci siano quasi 180.000 Testimoni di Geova. La lettera minaccia lo scioglimento del nostro ente giuridico in Russia, a meno che i Testimoni di Geova cessino quelle che il governo definisce attività ‘estremiste’. Questo ultimatum ha implicazioni molto estese e preoccupanti. Ingiunzioni del genere, infatti, spesso preludono ad una escalation di violazioni di diritti umani verso molti altri cittadini e organizzazioni. Lo conferma il fatto che il 20 luglio scorso sia entrata in vigore in Russia una nuova legge che criminalizza qualsiasi individuo o associazione religiosa ‘diffonda informazioni sulle proprie credenze’ senza il permesso del governo. Alcuni considerano questa nuova legge più dannosa per la libertà di espressione e di culto, rispetto alle leggi in vigore nell’ex Unione Sovietica.

I 1208 cittadini russi che vivono in Sicilia (283 in prov. di Messina) sono preoccupati per quello che sta succedendo in Russia e per i pericoli a cui questi sviluppi espongono i loro familiari e amici che vivono ancora lì”. Questo articolo non potrà cambiare nulla di questa assurda situazione che stanno vivendo i nostri fratelli russi, ma può, tramite il mezzo della condivisione digitale, servire da ‘tam tam’ che si diffonde in ogni parte del mondo per scuotere le coscienze e difendere il bene di tutti: La libertà di pensiero, i pericoli a cui questi sviluppi espongono i loro familiari e amici che vivono ancora lì”. Essere liberi. Forza dirompente che non conosce ostacoli!


 


Altre Notizie su

Cultura e Società > Media






 
Sostenitori
 
 
© 2011/21 - Filo Diretto News | Reg. Tribunale di Messina n° 4 del 25/02/2011 | Dir. Resp. Domenico Interdonato | Condirettore Armando Russo
Redazione - Via S. Barbara 12, 98123 Messina - P.Iva 02939580839