AVVISO: Questo sito a breve non sarà più raggiungibile, Filo Diretto News con le sue notizie ed i suoi servizi sono disponibili al nuovo indirizzo web: www.filodirettonews.it
Oggi è 
 
 
   
Prima Pagina > Cultura e Società > Tradizioni > La festa del Patrono San Leone

 venerdì 19 febbraio 2016

ROMETTA

La festa del Patrono San Leone

di Alfonso Saya


alt

Il 20 febbraio, ricorre la festa di San Leone, Protettore della città di Rometta, l’acropoli di Messina, a detta di qualcuno, basti pensare che quando la Città dello Stretto assunse l’attuale stemma con croce dorata su sfondo porpora, diede il proprio emblema con le tre torri a Rometta, cittadina millenaria, dove si ammirano i ruderi del Castello di Federico II e tante altre vestigia del suo glorioso passato, come la Chiesa bizantina di oltre mille anni. San Leone visse nell’VIII Secolo dell’era cristiana tra il 720 e il 780, nacque a Ravenna dove trascorse la fanciullezza nello studio e nelle buone opere. Progredì tanto nelle virtù che il Signore gli concesse di operare miracoli per cui venne stimato di essere consacrato sacerdote. Volle entrare nell’Ordine di San Benedetto, lasciò Ravenna e venne nella nostra Sicilia dove l’Ordine era diffuso. A Reggio Calabria s’incontrò col vescovo Cirillo, che lo scelse come suo segretario e lo nominò arcidiacono.

La fama di Leone si diffuse e alla morte del vescovo di Catania, San Sabino, i Catanesi lo elessero loro Vescovo. Fu un Pastore pieno di zelo, difese, la Fede cristiana contro l’eresia iconoclasta e si distinse per la carità verso i poveri e l’austerità della vita. C’era un mago, Eliodoro, che, strumento di Satana, cercava di sedurre le anime dei Fedeli con sortilegi e magie e metteva in ridicolo gli insegnamenti del vescovo Leone e le verità della Fede. San Leone cercava di convertirlo e demolire con i miracoli la sua opera diabolica, ma lui lo denunciò come ribelle e nemico dell’ Imperatore Costantino il Copronimo, che perseguitava la Chiesa. San Leone fu chiamato a Costantinopoli a discolparsi. Col suo potere taumaturgico, riuscì ad ottenere la libertà. S’imbarcò su un legno corsaro e convertì il Capitano e la ciurma. Sbarcato a Catania, riprese, con più zelo, la sua missione pastorale, e nella Chiesa di Sant’Agata, affluivano gli infedeli per ricevere il Battesimo.

Eliodoro ritornò a Costantinopoli, e lo calunniò, nuovamente, e, stavolta, riuscì ne suo scopo. Leone, prima di separarsi dai suoi figli, li riunì nella Chiesa di Sant’Agata, raccomandò loro di resistere all’eresia iconoclasta ed alle arti sataniche del mago. Ispirato da Dio, li portò al celebre Panteon della città che era sormontato da un elefante a cui i pagani attribuivano potere divino, ed invocato l’aiuto della SS. Trinità, fatto un segno di Croce quel grande edificio crollò ai suoi piedi. Il simulacro dell’elefante restò sepolto tra i rottami. Eliodoro lo disseppellì al ritorno da Costantinopoli. San Leone condannato all’esilio, scelse come meta Rometta che ebbe, così il privilegio di ospitare il grande Santo. Rometta fu onorata della sua Presenza. Il suo primo rifugio fu una grotta scavata nella roccia che forma l’acrocoro, la rocca, sul quale siede Rometta.

Ivi, la sua anima potè ritemprarsi dalle lotte sostenute col mago Eliodoro, trascorrendo la vita nella preghiera, nella penitenza e nel lavoro, aiutando i legnaioli, osservando, quindi, la Regola di San Benedetto: “Ora et labora”. La Grotta in cui vi è l’acqua miracolosa fatta sgorgare dal Santo, è sacra ai Romettesi, non si contano, i prodigi compiuti dal grande Santo che, appunto, è il Protettore di Rometta.


 


Altre Notizie su

Cultura e Società > Tradizioni






 
Sostenitori
 
 
© 2011/21 - Filo Diretto News | Reg. Tribunale di Messina n° 4 del 25/02/2011 | Dir. Resp. Domenico Interdonato | Condirettore Armando Russo
Redazione - Via S. Barbara 12, 98123 Messina - P.Iva 02939580839