AVVISO: Questo sito a breve non sarà più raggiungibile, Filo Diretto News con le sue notizie ed i suoi servizi sono disponibili al nuovo indirizzo web: www.filodirettonews.it
Oggi è 
 
 
   
Prima Pagina > Cultura e Società > Internet e Tecnologia > ISTAT, IL PUNTO SULL’INFORMATICA NELLE FAMIGLIE ITALIANE

 giovedì 18 ottobre 2012

UNA STATISTICA ISTAT DIMOSTRA UN UTILIZZO MOLTO SCARSO

ISTAT, IL PUNTO SULL’INFORMATICA NELLE FAMIGLIE ITALIANE

di Maurizio D'Onofrio


alt

Negli ultimi anni e, specialmente, nell’ultimo decennio, si è notato un aumento delle tecnologie informatiche e delle telecomunicazioni nelle famiglie italiane, come segnala l’Istat in una sua elaborazione statistica su un campione di 19 mila famiglie, pari ad un totale di 48 mila individui, con riferimento al 2009 da una indagine multiscopo del 2010.

Il 95% delle famiglie posseggono la Tv, il 95,6% i cellulari e l'89,5% il computer. La connessione a banda larga resta stabile al 43,4%. Secondo quanto elaborato dalle statistiche risulta un aumento dei nuclei familiari che posseggono un personal computer, per la precisione un + 3,3% di cui il 57,6% ha un accesso ad Internet con varie tipologie di connessione. Da queste analisi risulta che le famiglie più tecnologiche risultano essere quelle con almeno 1 minorenne, l’81,8% di esse possiede un Pc; il 74,7% ha l’accesso ad Internet e il 63% possiede una connessione a banda larga. All’estremo opposto si collocano le famiglie di soli anziani, di 65 anni e più, che continuano ad essere escluse dal possesso di beni tecnologici e informatici.

Purtroppo, si rivela che tra il Nord e il Sud del Paese si registra un divario che, però, nel 2010 si è mantenuto costante. Il personal computer è posseduto da circa il 60% delle famiglie di Nord e Centro e dal 51,8% delle famiglie meridionali.

Rispetto all’Europa, l’Italia si colloca in una bassa posizione, con il 59% delle famiglie con almeno 1 accesso a Internet, mentre al 1° posto troviamo l’Olanda con il 91%; in Germania rappresentano l'82%, nel Regno Unito l’80%, in Francia il 74%.

Questa elaborazione Istat afferma che nel 2010 il 51% della popolazione di 3 anni e più utilizza il personal computer e il 48,9% della popolazione di 6 anni e più naviga su Internet. In linea con gli anni precedenti, si riscontrano forti differenze di genere, generazionali e territoriali sia nell’uso del personal computer che in quello di Internet e si è riscontrato che sono diminuite le differenze sociali. Tra gli operai l’uso del personal computer è passato dal 45,1% nel 2009 al 51,4% nel 2010 e l’uso di Internet dal 40,9% al 48,4%, mentre i dirigenti, imprenditori, liberi professionisti, che presentano tassi di utilizzo molto superiori a quelli degli operai, fanno registrare incrementi più contenuti: l’uso di Internet passa dal 79,1% all’85,0% e l’utilizzo del personal computer dall’81,3% all’85,9%.


 


Altre Notizie su

Cultura e Società > Internet e Tecnologia






 
Sostenitori
 
 
© 2011/20 - Filo Diretto News | Reg. Tribunale di Messina n° 4 del 25/02/2011 | Dir. Resp. Domenico Interdonato | Condirettore Armando Russo
Redazione - Via S. Barbara 12, 98123 Messina - P.Iva 02939580839