AVVISO: Questo sito a breve non sarà più raggiungibile, Filo Diretto News con le sue notizie ed i suoi servizi sono disponibili al nuovo indirizzo web: www.filodirettonews.it
Oggi è 
 
 
   
Prima Pagina > Cultura e Società > Media > Disoccupazione giovanile ai massimi storici

 domenica 12 gennaio 2014

IL MONDO DEL LAVORO

Disoccupazione giovanile ai massimi storici

di Redazione


alt

Il Governo Letta si mostrò soddisfatto per il decreto-lavoro, varato qualche tempo fa, che avrebbe dovuto dare una spinta alla ripresa. Tanti i provvedimenti previsti a favore dei giovani, dei disabili, dei disoccupati over 50, delle imprese. Un pacchetto da 1,50 miliardi che ha lasciato tutti contenti.Tutti quelli che non hanno, forse, letto in modo accurato il Decreto Legislativo, soprattutto nella parte che riguarda gli incentivi alle assunzioni. Il testo sul lavoro, che prevede un incentivo fino a un massimo di 650 euro mensili per ogni lavoratore assunto a tempo indeterminato, è destinato ai giovani di età compresa fra i 18 e i 29 anni che possiedono i seguenti requisiti:

- essere privi d’impiego, regolarmente, retribuito da almeno sei mesi;

- essere privi di un diploma di scuola media superiore o professionale;

- devono vivere soli con una o più persone a carico.

Condizioni che sono apparse assurde, se non capestri, e riservate, forse non ai nostri giovani.

Riassumendo, dunque, il giovane per avere diritto alle provvidenze che scaturiscono dal Decreto Legislativo dovrebbe non avere conseguito studi superiori, vivere solo, non godere di alcun reddito e avere, persino, una o più persone a carico!

Abbiamo fatto finta di crederci, allora, nella bontà del decreto per non smorzare gli entusiasmi di un Governo nato da poco, sperando in qualche miracolo al buio, ma oggi, alla luce dei dati diffusi sulla disoccupazione giovanile ai massimi storici, preso atto che il Governo da mesi pone l’attenzione, ma non più di tanta, visto il caos che si è determinato, solo per Tares, mini Imu e Tari, che di legge elettorale si parla e si straparla senza arrivare a conclusione, non ci illudiamo più.

Le speranze le riponiamo non più in chi ci governa, ma negli extraterrestri che ci aiutino a uscire dallo stagno in cui ci troviamo.


 


Altre Notizie su

Cultura e Società > Media






 
Sostenitori
 
 
© 2011/21 - Filo Diretto News | Reg. Tribunale di Messina n° 4 del 25/02/2011 | Dir. Resp. Domenico Interdonato | Condirettore Armando Russo
Redazione - Via S. Barbara 12, 98123 Messina - P.Iva 02939580839