Oggi è 
 
 
   
Prima Pagina > Notizie > Sport > AL SAN FILIPPO RI-TORNA A BATTERE UN NUOVO CUORE GIALLOROSSO DEL TIFO MESSINESE

 mercoledì 29 agosto 2012

PRIMA DI COPPA ITALIA

AL SAN FILIPPO RI-TORNA A BATTERE UN NUOVO CUORE GIALLOROSSO DEL TIFO MESSINESE

di Domenico Interdonato


alt

I gemelli del gol, Corona e Cocuzza, hanno regalato la vittoria ai duemila tifosi giallorossi, assiepati nella curva “Sud” dello stadio senza nome (perché, ancora non è stato intitolato), meglio conosciuto come “San Filippo”. In un pomeriggio molto afoso di domenica 26 agosto u.s., le due squadre hanno evitato di sfidare l’anticiclone estivo, denominato “Lucifero”, che ha fatto soffrire tutti (sportivi compresi); infatti, sugli spalti e in campo l’aria era pesantissima, la gara è stata condotta al galoppo. Certo, è stato un galoppo utile al Messina, non si è visto molto gioco, ma la squadra di mister Catalano ha dimostrato, subito, di essere spietata e, anche, un pochino fortunata. Il Paternò, oggi “Comprensorio Normanno”, allenato dal mister Strano, ha dimostrato, sul manto erboso del San Filippo, di essere un buon team; il fraseggio c’è, manca, ancora, la forma e il fiato, ma è certo che si farà valere nell’imminente prossimo campionato di serie “D”. Al Messina mancavano sei titolari per vari motivi: squalifiche, infortuni e ritardato tesseramento, ma i sostituti sono stati validi. Da evidenziare la buona prova del portierino, Lagomarsini, e del centrocampista di fascia, Parachì. Sufficiente la prova del direttore di gara, Andrea Capone, di Palermo; anche, lui ha sofferto il caldo e ha avuto momenti di poca lucidità, ma, da buoni tifosi giornalisti, diciamo che è riuscito a svegliarsi in tempo per concedere i due rigori, che hanno fissato il risultato sul 2 a 0.

Entrare nello stadio San Filippo crea un pochino di disagio; l’ampiezza è tanta e non bastano duemila spettatori per scaldare l’ambiente, ma il clima si comincia a respirare e pare sia quello buono, quello che porterà alla promozione subito. Ancora, ci sarà molto da lavorare, perché, a Messina, manca di tutto e, sicuramente, la proprietà si è accorta e sta cercando di metterci una pezza. Per iniziare è stato individuato, in provincia (a Villafranca), il campo per gli allenamenti, ma questo non è sufficiente e i Lo Monaco lo sanno, basta vedere quello che sono riusciti a creare a Catania. A Messina, manca un “Centro sportivo” con palestra, deposito, foresteria, ristorante e, almeno, 5 campi di calcio, di cui 2 in sintetico, che permettano, a tutti i componenti dello staff (settore giovanile compreso), di allenarsi in modo adeguato, senza i pellegrinaggi indecorosi, che, negli ultimi tempi, siamo stati abituati a vedere con le precedenti società calcistiche messinesi.

Ancora, attorno allo stadio e all’interno, si nota l’aria di abbandono con erbacce in ogni luogo, muro e strada crollati, svincolo, parzialmente, agibile per frana, ma, rispetto allo scorso anno, almeno all’interno, l’area ristoro è stata pulita ed è funzionante, e alcune erbacce, lungo i viali e le scalinate di accesso alle tribune, sono state strappate alla meno peggio. I tifosi, la città e la stampa devono convergere tutti per sostenere lo sforzo della nuova proprietà. Noi tutti siamo fiduciosi!

Al San Filippo “ri-torna” a battere un nuovo cuore giallorosso.


 


Altre Notizie su

Notizie > Sport






 
Partner
 
 
© 2011/17 - Filo Diretto News | Reg. Tribunale di Messina n° 4 del 25/02/2011 | Dir. Resp. Domenico Interdonato | Condirettore Armando Russo
Redazione - Via Felice Bisazza 44, 98122 Messina - P.Iva 02939580839