Oggi è 
 
 
   
Prima Pagina > Sociale > Associazionismo > INIZIATIVE ESTIVE DELLE ASSOCIAZIONI CULTURALI MESSINESI

 venerdì 17 agosto 2012

EVENTI ESTIVI

INIZIATIVE ESTIVE DELLE ASSOCIAZIONI CULTURALI MESSINESI

di Pasquale Ermio


alt

L’afosa stagione estiva non ha fermato le iniziative, promosse a Messina, da parte di alcune associazioni culturali.

L’AssociazioneTersicore” ha realizzato due eventi. A cura di Antonella Gargano, nella sede sociale, si è svolta una serata di sensibilizzazione contro l’abbandono degli animali, che ha visto la partecipazione di animalisti, volontari e rappresentanti di realtà che operano, con impegno, nel settore, quali: Piero Pino, dell’Associazione “Amici di Fido”; la “Lega Difesa del Cane”, che ha in gestione il Canile “Millemusi”, di Castanea, struttura ospitante circa 300 animali.

L’abbandono è un atto crudele, operato da chi è povero di sensibilità. Crea randagismo, ha conseguenze sociali, sanitarie ed economiche negative, potenzia i pericoli di incidenti stradali, anche, mortali, sia per gli animali, che per gli automobilisti (si pensi ai cani abbandonati in autostrada). Tale tema merita un approfondimento specifico, un’azione di contrasto efficace, attraverso dei piani e dei progetti realizzabili e sostenibili. Una mano la possono già dare le campagne di sensibilizzazione, l’anagrafe canina e le convenzioni con locali pubblici e strutture residenziali-alberghiere, che offrano l’opportunità di accogliere animali, in modo non troppo oneroso per i clienti. Sono intervenuti il dott. Federico Fischetti, che ha parlato di Pet Therapy, e la dott. Agata Pandolfino, presidente LEAL (Lega Antivivisezionista), sez. di Messina. Durante la serata sono stati esposti alcuni quadri, mentre i poeti presenti, Angela Viola, Francesca Guglielmo, Alberto Borgia e Pasquale Ermio, hanno declamato alcune poesie a tema.

Il secondo evento, ideato e diretto da Rosanna Gargano, è stato un galà di danza classica e spettacolo di teatro danza ispirato all’opera di Luigi Pirandello Uno, nessuno e centomila. Al Teatro “Padre Annibale di Francia”, di Messina, Francesca Guglielmo ha presentato l’esibizione, che ha visto impegnato il corpo di ballo dell’Associazione “Tersicore”, costituito da elementi di varie fasce di età: Eleonora Bonfiglio; Irene Chillè; Giovanna Cincotta; Angela Ciotto; Simona Filippini; Isabella Granata; Elisabetta Irrera; Chiara Zona; Nicole Zona; Irene Amato; Marilena Serranò; Francesca Pirri; Eleonora Currò; Francesca Carditello; Miriam Schillaci (eccellente l’assolo de “La morte del Cigno”) e Rosanna Gargano; attore della serata è stato Oreste De Pasquale. Hanno esposto quadri A. Donato; A. Gargano; F. Guglielmo; P. Mezzapica; V. Sajia; T. Triolo; G. Varaldo. Il ricavato, ottenuto grazie a offerte volontarie del pubblico intervenuto, è stato devoluto all’UNICEF. Secondo una stima, muoiono ogni giorno 22.000 bambini per cause prevenibili. Basterebbero due euro per salvare uno di loro. Il progetto dell’UNICEF si propone di azzerare le morti di questo tipo.

L’Associazione siciliana “Arte e Scienza” ha allestito, presso il bar Rizzo, in continuità con le precedenti attività svolte dal Caffè letterario “ASAS”, la Collettiva d’arte “Colori d’Estate”, aperta il 3 luglio u.s., con il consueto incontro letterario, e conclusasi il 17 luglio, quando al termine del seminario mensile, per la lingua siciliana, sono stati consegnati gli attestati di partecipazione agli artisti Mimmo Cirino; Fiorangelo Prestipino; Giovanni Mazzeo; Francesca Guglielmo; Pasquale Mazzullo; Franca Scolari Papalìa; Emy Palmieri; Ermelinda Ziino; Flavia Vizzari; Angela Viola; Rosario Bombaci; Maria Laura Giunta, per Aura Olistic Art, che, usando i sette colori dei chakra, ha realizzato, in gruppo, la tela Spazi di luce, frutto di un incontro di meditazione reiki, per essere poi donata al reparto di oncologia del Policlinico universitario di Messina. L’ASAS ha in preparazione il terzo raduno regionale che avrà, come nucleo centrale, il convegno sulla lingua siciliana, argomento dibattuto, che si propone di favorire la corretta scrittura di una lingua regionale comune e riconosciuta, al di là della fonografia locale.

L’Associazione letteraria “Kafka” e Kafkart, con l’incontro Il borgo di Case Basse è vivo, hanno voluto sottoporre, all’attenzione generale, le difficoltà attuali del borgo storico, sito nel villaggio Paradiso di Messina, e la necessità di valorizzarlo. Presso l’abitazione di Maria Costa, nota poetessa messinese, le cui liriche sono definite dall’UNESCO “patrimonio dell’umanità”, e che si è esibita declamando a memoria, anche, con note canore, alcune sue liriche, tra cui la leggendaria Colapesce, si sono ritrovati numerosi poeti, artisti e personalità.

Coordinati dal giornalista Rodrigo Foti, si sono susseguiti i vari interventi, a cominciare dal saluto di apertura dell’artista, nonché, organizzatrice, Vittoria Arena, che ha illustrato il significato dell’iniziativa, il tentativo di preservare e di valorizzare l’esistenza del borgo e del contesto socio-culturale di un luogo a valenza storica. Tale aspetto è stato approfondito, ampiamente, e con abbondanti particolari storici, ambientali e leggendari, dall’esperto architetto Nino Principato, che ha lanciato la proposta accolta, favorevolmente, dai presenti, in particolare dal presidente del comitato “Case basse”, Orazio Micali, di redigere una petizione popolare per la tutela e la valorizzazione dell’area. In tale contesto poeti, sensibili e attenti alle problematiche cittadine, hanno espresso il loro apporto lirico: Maria Romanetti; Roberto Lo Presti; Cristina Lania; Angela Viola; Pasquale Ermio, Antonio Cattino, Emanuele Cilenti, Francesca Guglielmo, Rocco Amato, Sebastiano Magazzù; Giò Furfaro; Franco Cambria; Giuseppe Cardarella; Gianni Amico e gli stessi Nino Principato e Rodrigo Foti. La serata è stata allietata dalle esibizioni canoro-musicali di Gianni Argurio e del duo Paolo Gaudenti – Lillo Guglielmo. Consegnate ai partecipanti opere grafiche del maestro Renato Fasanella, presente all’incontro.

L’arte, nelle sue varie forme, anche, poetica, e con i suoi contenuti, non prescinde, quasi mai, dalla sua valenza sociale e storica; questo concetto dovrebbe essere, sempre, tenuto presente da chi, in considerazione del proprio ruolo, al di sopra delle singole associazioni, potrebbe favorire cultura vera, con un impegno economico, davvero, minimo, coordinando e sostenendo, soprattutto, iniziative realizzabili con risorse umane qualificate e che si dedicano con passione, nonostante, l’afa e il periodo di vacanza. L’assenza o la disattenzione istituzionale è, davvero, ingiustificabile, anche, dalle alte temperature estive.



 


Altre Notizie su

Sociale > Associazionismo






 
Partner
 
 
© 2011/17 - Filo Diretto News | Reg. Tribunale di Messina n° 4 del 25/02/2011 | Dir. Resp. Domenico Interdonato | Condirettore Armando Russo
Redazione - Via Felice Bisazza 44, 98122 Messina - P.Iva 02939580839