AVVISO: Questo sito a breve non sarà più raggiungibile, Filo Diretto News con le sue notizie ed i suoi servizi sono disponibili al nuovo indirizzo web: www.filodirettonews.it
Oggi è 
 
 
   
Prima Pagina > Cultura e Società > Riflessioni > Papa Francesco ringrazia i sacerdoti

 martedì 13 agosto 2019

MALTA

Papa Francesco ringrazia i sacerdoti

di Fra Mario Attard


alt

Domenica 4 agosto, Papa Francesco pubblicò una lettera ai sacerdoti. La circostanza per questa lettera fu il 160° Anniversario della morte del santo curato d’Ars, San Giovanni Maria Vianney. In questa bellissima lettera del Papa, mette in evidenza la grande stima fraterna che il Santo Padre nutre per ogni sacerdote. ll Santo Padre apprezza moltissimo il grande lavoro silenzioso e assai faticoso compiuto da tanti nostri fratelli sacerdoti. Egli scrive: “Mi rivolgo a ciascuno di voi che, in tante occasioni, in maniera inosservata e sacrificata, nella stanchezza o nella fatica, nella malattia o nella desolazione, assumete la missione come un servizio a Dio e al suo popolo e, pur con tutte le difficoltà del cammino, scrivete le pagine più belle della vita sacerdotale”.

Nella lettera, il Papa comincia subito con la vicenda degli abusi sessuali che hanno danneggiato molto la chiesa e il sacerdozio ministeriale. Negli ultimi tempi, abbiamo potuto sentire più chiaramente il grido, spesso silenzioso e costretto al silenzio, dei nostri fratelli, vittime di abusi di potere, di coscienza e sessuali da parte di ministri ordinati. Indubbiamente, è un tempo di sofferenza nella vita delle vittime che hanno subìto diverse forme di abuso; anche per le loro famiglie e per tutto il Popolo di Dio. Di fronte a questa situazione dolorosa, Papa Francesco afferma l’impegno della chiesa di fermare ogni tipo di abuso e anche di introdurre una cura pastorale che risana tutto il Corpo di Cristo da questa malattia orribile. Siamo fortemente impegnati nell’attuazione delle riforme necessarie per dare impulso, dalla radice, a una cultura basata sulla cura pastorale in modo che la cultura dell’abuso non riesca a trovare lo spazio per svilupparsi e, ancor meno, perpetuarsi.

Papa Francesco ha anche spiegato che senza negare e misconoscere il danno causato da alcuni dei nostri fratelli, sarebbe ingiusto non riconoscere tanti sacerdoti che, in maniera costante e integra, offrono tutto ciò che sono e hanno per il bene degli altri (cfr 2 Cor 12,15). Infatti, sono innumerevoli i sacerdoti che fanno della loro vita un’opera di misericordia in regioni o situazioni spesso inospitali, lontane o abbandonate anche a rischio della propria vita. Il Santo Padre li ha ringraziati tutti per il loro coraggioso e costante esempio. Egli li invita a non scoraggiarsi mai perché il Signore sta purificando la sua Sposa e ci sta convertendo tutti a sé. Ci sta mettendo alla prova, affinché si comprenda che senza di Lui siamo polvere.Personalmente, come sacerdote mi ha incoraggiato molto la litania di grazie che il Papa ha fatto a tutti noi, sacerdoti, peccatori, ma nello stesso tempo gioiosi di essere salvati e chiamati a collaborare con Gesù misericordioso per la salvezza di tutti noi.

Egli dice: Grazie per la gioia con cui avete saputo donare la vostra vita, mostrando un cuore che nel corso degli anni ha combattuto e lottato per non diventare angusto e amaro, ed essere, al contrario, quotidianamente allargato dall’amore di Dio e del suo popolo; un cuore che, come il buon vino, il tempo non ha inacidito, ma gli ha dato una qualità sempre più squisita; perché è eterna è la sua misericordia. Grazie, perché cercate di rafforzare i legami di fraternità e di amicizia nel presbiterio e con il vostro vescovo, sostenendovi a vicenda, curando colui che è malato, cercando chi si è isolato, incoraggiando e imparando la saggezza dall’anziano, condividendo i beni, sapendo ridere e piangere.

Grazie, per la testimonianza di perseveranza e ‘sopportazione’ (hypomoné) nell’impegno pastorale, il quale tante volte, mossi dalla parresia del pastore, ci porta a lottare con il Signore nella preghiera, come Mosè in quella coraggiosa e anche rischiosa intercessione per il popolo (cfr Nm 14,13-19; Es 32,30-32; Dt 9,18-21)”.

Grazie, perché celebrate quotidianamente l’Eucaristia e pascete con misericordia nel sacramento della riconciliazione, senza rigorismi né lassismi, facendovi carico delle persone e accompagnandole nel cammino della conversione verso la nuova vita che il Signore dona a tutti noi.

Grazie, perché ungete e annunciate a tutti, con ardore, ‘nel momento opportuno e non opportuno’ il Vangelo di Gesù Cristo (cfr 2 Tm 4,2), sondando il cuore della propria comunità ‘per cercare dov’è vivo e ardente il desiderio di Dio, e anche dove tale dialogo, che era amoroso, sia stato soffocato o non abbia potuto dare frutto’.

Grazie, per tutte le volte in cui, lasciandovi commuovere nelle viscere, avete accolto quanti erano caduti, curato le loro ferite, offrendo calore ai loro cuori, mostrando tenerezza e compassione come il Samaritano della parabola (cfr Lc 10,25-37)”.

Ringraziamo anche per la santità del Popolo fedele di Dio che siamo invitati a pascere e attraverso il quale il Signore pasce e cura anche noi con il dono di poter contemplare questo popolo ‘nei genitori che crescono con tanto amore i loro figli, negli uomini e nelle donne che lavorano per portare il pane a casa, nei malati, nelle religiose anziane che continuano a sorridere. Vi chiedo umilmente di continuare a pregare col vostro cuore per noi sacerdoti che l’umiltà, la dolcezza, la tenerezza, la pace, la perseveranza, il perdono, la fortezza, la saggezza, il discernimento, la preghiera, la fraternità e la gioia del Signore ci continuano a convertirci quotidianamente a Gesù, il Buon Pastore, perché ‘eterna è la sua misericordia’ (cfr Sal 135)”.


 


Altre Notizie su

Cultura e Società > Riflessioni






 
Sostenitori
 
 
© 2011/19 - Filo Diretto News | Reg. Tribunale di Messina n° 4 del 25/02/2011 | Dir. Resp. Domenico Interdonato | Condirettore Armando Russo
Redazione - Via S. Barbara 12, 98123 Messina - P.Iva 02939580839