AVVISO: Questo sito a breve non sarà più raggiungibile, Filo Diretto News con le sue notizie ed i suoi servizi sono disponibili al nuovo indirizzo web: www.filodirettonews.it
Oggi è 
 
 
   
Prima Pagina > Notizie > Messina > Messina. Commemorato Giorgio Boris Giuliano, per non dimenticare

 giovedì 8 agosto 2019

MESSINA

Messina. Commemorato Giorgio Boris Giuliano, per non dimenticare

di Domenica Timpano


alt

Era il 21 luglio 1979, quando il capo della Squadra Mobile di Palermo, Giorgio Boris Giuliano, medaglia d’oro al valore civile, fu ucciso. Nato a Piazza Armerina, dopo l’infanzia vissuta in Libia, rientrò in Italia con la famiglia che si stabilì a Messina dove, giovanissimo, Giuliano frequentò il Liceo La Farina e successivamente l’Università laureandosi in giurisprudenza. Trascorsa gran parte della sua vita nella città, dove si impegnò anche in diverse attività lavorative, si spostò con la famiglia a Milano. Dopo avere vinto un concorso come Commissario di Polizia, chiese di essere trasferito a Palermo dove fu nominato Capo della Squadra Mobile. Investigatore attivo e competente, in quella città, senza concedersi tregua, forte dell’esperienza acquisita anche presso l’FBI National Academy, lottò contro la mafia, fino alla morte, avvenuta per mano di Leoluca Bagarella mentre in un bar stava pagando il suo ultimo caffè.

Il 21 luglio u.s., giorno dell’anniversario della sua morte, Messina ha voluto ricordare Giorgio Loris Giuliano tributandogli il giusto onore. Con il Patrocinio gratuito della città di Messina, del Sindaco on. Cateno De Luca, del Comitato Cittadino 100messinesi per Messina 2mila8, Coordinatore il prof. Piero Chillè, responsabile del Comitato Scientifico Josè Gambino e con la collaborazione della Polizia di Stato , ha avuto luogo a Piazza Unità d’Italia una cerimonia per non dimenticare Giuliano. Numerose le autorità civili, militari e religiose presenti a testimoniare un comune sentire. Tra queste il nuovo Questore di Messina, dott. Vito Calvino, che ha ripercorso, con commozione l’attività di un uomo che si è posto al servizio dello Stato con generosità fino al sacrificio della sua vita, il vice sindaco, Salvatore Mondello, che ha porto il saluto dell’Amministrazione esprimendo rispetto ed ammirazione per le qualità umane e professionali di Giuliano, il colonnello Gerardo Mastrodomenico, comandante Provinciale della Guardia di Finanza, il colonnello Lorenzo Sabatino, comandante Provinciale dei Carabinieri.

Alle 8,10, nello stesso orario in cui fu ucciso Giuliano, alla presenza di un “Picchetto d’onore” della Polizia di Stato, è stata deposta una Corona d’alloro, offerta dall’Amministrazione comunale di Messina, ai piedi del Monumento ai caduti, mentre padre Giovanni Ferrari cappellano della Questura di Messina-Polizia di Stato impartiva la sua benedizione e il Silenzio d’Ordinanza, a cura di un trombettiere della Brigata Meccanizzata Aosta, rendeva con le sue note, assieme ai ricordi, tanta commozione. Nel pomeriggio, e fino a tarda sera, altre iniziative culturali, sportive e religiose hanno avuto luogo per sottolineare un evento che si ripete da diversi anni per non dimenticare un uomo coraggioso di cui soprattutto i giovani devono avere memoria per rinvigorire la loro stima e fiducia.


 


Altre Notizie su

Notizie > Messina






 
Partner
 
 
© 2011/19 - Filo Diretto News | Reg. Tribunale di Messina n° 4 del 25/02/2011 | Dir. Resp. Domenico Interdonato | Condirettore Armando Russo
Redazione - Via S. Barbara 12, 98123 Messina - P.Iva 02939580839