AVVISO: Questo sito a breve non sarà più raggiungibile, Filo Diretto News con le sue notizie ed i suoi servizi sono disponibili al nuovo indirizzo web: www.filodirettonews.it
Oggi è 
 
 
   
Prima Pagina > Cultura e Società > Riflessioni > Un tributo a Anna Frank nel novantesimo anniversario dalla nascita

 lunedì 17 giugno 2019

MALTA

Un tributo a Anna Frank nel novantesimo anniversario dalla nascita

di Fra Mario Attard


alt

Mercoledì 12 giugno, è stato il novantesimo anniversario dalla nascita di Anna Frank. Anna Frank era un’adolescente ebrea che si è nascosta durante l’Olocausto. Riuscì a raccontare le sue esperienze e le ha conservate in un diario che, ormai, è diventato un’opera letteraria famosa, e che porta il titolo “Il diario di Anna Frank”. Annelies Marie “Anne” Frank, nacque il 12 giugno 1929 a Francoforte in Germania. Anna fu una diarista di origine tedesca di fama mondiale e vittima dell’Olocausto della seconda guerra mondiale. Il suo lavoro, “Il diario di Anna Frank”, è stato letto da milioni di persone. Fuggendo dalle persecuzioni naziste contro gli ebrei, la famiglia Frank si trasferì ad Amsterdam e, in seguito, si nascose per due anni. Durante questo periodo, Anna scrisse le sue esperienze e i suoi desideri. Aveva 15 anni quando la famiglia fu trovata e mandata nel campo di concentramento Bergen-Belsen dove Anna morì nel marzo del 1945 nell’estrema scarsezza del cibo, i servizi igienico-sanitari erano terribili e la malattia dilagava. Per tutti i suoi passaggi di disperazione, il diario di Frank è essenzialmente una storia di fede, speranza e amore di fronte all’odio razziale. Il 12 giugno 1942, i genitori di Anna Frank le diedero un diario a scacchi rosso per il suo tredicesimo compleanno.

Scrisse il suo primo articolo, indirizzato a un’amica immaginaria di nome Kitty, in quello stesso giorno scrisse: Spero di essere in grado di confidare tutto a te, come non sono mai stata in grado di confidare con nessuno, e spero che sarai una grande fonte di conforto e sostegno”.Durante i due anni, in cui Anna Frank trascorse a nascondersi dai nazisti con la sua famiglia nell’allegato segreto di Amsterdam, scrisse ampie pagine nel suo diario per passare il tempo. Alcuni hanno tradito la profondità della disperazione in cui occasionalmente fu affondata giorno dopo giorno nel suo confinamento. Ma la pagina del 3 febbraio 1944 definisce la grande angoscia e sofferenza interiore che stava vivendo Anna nella sua prigionia confinata. Ella scrisse: “Ho raggiunto il punto in cui non mi interessa se vivo o muoio. Il mondo continuerà a girare senza di me e, comunque, non posso fare nulla per cambiare gli eventi”. Nonostante questa sofferenza tremenda Anna trovò tanta guarigione nella scrittura. Il 5 aprile 1944 scrive: “Quando scrivo, posso scrollarmi di dosso tutte le mie preoccupazioni”.

Anna non ha solo tenuto un diario. Essa scrisse anche racconti e pianificò di pubblicare un libro sul suo tempo nell’allegato posto di nascondimento. Dopo la guerra, suo padre, Otto Frank, esaudì il suo desiderio. Da allora, “Il diario di Anna Frank” è stato tradotto in più di 70 lingue. Alcune frasi particolarmente rigeneranti del suo diario sono le seguenti: “La ricchezza, la bellezza, tutto si può perdere, ma la gioia che hai nel cuore può essere soltanto offuscata: per tutta la vita tornerà a renderti felice. Prova, una volta che ti senti solo e infelice o di cattivo umore, a guardare fuori quando il tempo è così bello. Non le case e i tetti, ma il cielo. Finché potrai guardare il cielo senza timori, saprai di essere puro dentro e che tornerai a essere felice. I genitori possono solo dare ai figli buoni consigli o indirizzarli sulla buona strada, ma la formazione definitiva della personalità di una persona è nelle mani della persona stessa. Anche le donne dovrebbero essere rispettate! In generale, gli uomini sono molto stimati in ogni parte del mondo, quindi perché non dovrebbero esserlo anche le donne? Soldati ed eroi di guerra sono onorati e commemorati, agli esploratori è garantita fama imperitura, i martiri sono riveriti, ma quanti considerano anche le donne come combattenti? Le donne, che lottano e soffrono per assicurare la sopravvivenza della razza umana, sono soldati molto più forti e coraggiosi di tutti quegli eroi che lottano per la libertà messi insieme!”. Il Diario di Anna Frank è un colpo di acqua fresca… vi consiglio di leggerlo e meditarlo. Sicuramente vi farà bene come ha fatto a me e anche a milioni di persone in ogni parte del mondo!


 


Altre Notizie su

Cultura e Società > Riflessioni






 
Sostenitori
 
 
© 2011/20 - Filo Diretto News | Reg. Tribunale di Messina n° 4 del 25/02/2011 | Dir. Resp. Domenico Interdonato | Condirettore Armando Russo
Redazione - Via S. Barbara 12, 98123 Messina - P.Iva 02939580839