AVVISO: Questo sito a breve non sarà più raggiungibile, Filo Diretto News con le sue notizie ed i suoi servizi sono disponibili al nuovo indirizzo web: www.filodirettonews.it
Oggi è 
 
 
   
Prima Pagina > Cultura e Società > Riflessioni > San Giovanni di Shanghai

 domenica 16 giugno 2019

MALTA

San Giovanni di Shanghai

di Fra Mario Attard


alt

Un carissimo fratello e amico sacerdote ortodosso mi ha introdotto al santo ortodosso San Giovanni di Shanghai. Chi era questo santo dell’oriente cristiano? Il Santo gerarca Giovanni nacque nella Russia meridionale il 4 giugno 1896, nel distretto di Kharkov. Fu nominato Michele in onore dell’Arcangelo. Era di nobile discendenza dal lignaggio di Maximovich di origine serba. Uno dei suoi antenati era l’illuminatore della Siberia, San Giovanni di Tobolsk. I genitori di Michele lo educavano nella religiosità per difendere sempre per la verità. Al compimento dei suoi studi presso la scuola militare di Poltava (Le Cadette l’imperatore Pietro), Michele entrò nella scuola di legge presso l’Università imperiale di Kharkov, da cui si laureò nel 1918. Durante i suoi anni universitari, fu fortemente influenzato dall’arcivescovo di Kharkov, il futuro metropolita Antonio (Kharpovitsky). Contemporaneamente con lo studio della conoscenza laicale Michele approfondì lo studio della vita spirituale. Durante la guerra civile russa la famiglia Maximovich fu costretta a fuggire dalla loro casa e fu evacuata in Jugoslavia. Lì Michele si laureò, nel 1925, presso la Scuola di teologia dell’Università di Belgrado. Nel 1926, il metropolita Antonio (kharpovitsky), il capo della Chiesa Russa fuori dalla Russia, tonsurò Michele all’ordine monastico con il nome di Giovanni, in onore di San Giovanni di Tobolsk. Nel 1929, Giovanni fu ordinato sacerdote.

Nel 1934, il Metropolita Antonio consacrò il ieromonaco Giovanni come vescovo di Shanghai. Al suo arrivo a Shanghai, il vescovo Giovanni ha rapidamente riconciliato le parrocchie ortodosse lì, terminò la costruzione della cattedrale in onore dell’icona della madre di Dio “la Garante dei peccatori”, finanziò l’orfanotrofio di San Tikhon di Zadonsk e aprì una casa per gli anziani. Visitò quotidianamente gli ammalati e condusse una rigorosa vita ascetica. Fu qui che, per la prima volta, divenne noto per la potenza delle sue preghiere: i miracoli fatti furono il frutto di queste preghiere. Quando, nel 1949, i comunisti presero il potere in Cina, circa 5.000 immigrati russi provenienti dalla Cina vennero evacuati nell’Isola di Tubabao, nelle Filippine. L’arcivescovo Giovanni lasciò Shanghai sull’ultima nave. Per più di due anni i rifugiati rimasero sull’Isola in una tenda che fu istituita dai loro sforzi nella giungla tropicale. Viaggiando personalmente a Washington DC nel 1950, l’arcivescovo Giovanni fece una petizione con successo al governo americano per concedere agli emigranti russi su Tubabao lo stato di rifugiati. Così facendo il governo americano permise loro di trasferirsi negli Stati Uniti e in Australia. Fino al 1951 tutti i rifugiati avevano lasciato l’Isola di Tubabao.

Nello stesso anno, San Giovanni fu nominato capo della diocesi dell’Europa occidentale. Qui, proseguì il suo lavoro caritativo e pastorale, così come la pubblicazione della letteratura liturgica in francese e olandese. Nella sua vita privata, l’arcivescovo Giovanni non era pretenzioso. Camminava a piedi nudi in sandali. Nel 1962, a causa delle difficoltà nel costruire la nuova cattedrale dedicata alla Santa Vergine “gioia degli afflitti” di San Francisco, e su richiesta dei suoi figli spirituali che sono stati salvati da lui dai comunisti in Cina, l’arcivescovo Giovanni fu nominato per guidare la diocesi dell’America occidentale. Qui pacificò la parrocchia e completò la costruzione della nuova cattedrale. Il 2 luglio 1966 questo grande e retto uomo si riposò nel Signore. È stato collocato in un sepolcro sotto la cattedrale che aveva costruito, ma le sue reliquie incorrotte sono ora in un santuario nella navata della cattedrale della Santa Vergine e molte persone hanno acquisito la fede e ricevuto la guarigione fisica e la forza spirituale dalle preghiere pregate alle sante reliquie incorruttive di San Giovanni. Oggi, centinaia di miracoli attestano a lui in tutto il mondo.

Nel 1994, fu canonizzato come Santo della Chiesa ortodossa russa il 2 luglio. La sua glorificazione fu, in seguito, riconosciuta per la venerazione universale da parte del Patriarcato di Mosca il 2 luglio 2008. La sua festa si celebra il sabato più vicino al 2 luglio, il giorno del suo riposo. Si riposò durante una visita a Seattle il 2 luglio 1966, mentre accompagnava l’icona della Madre di Dio del segno di Kursk. Mi colpisce assai la sua riflessione su che consiste la santità. Dice: “La santità non è semplicemente rettitudine, per la quale i giusti meritano il godimento della beatitudine nel Regno di Dio, ma piuttosto una tale altezza di rettitudine che gli uomini sono pieni della grazia di Dio nella misura in cui scaturisce da loro su coloro che gli associano. Grande è la loro beatitudine; Essa procede dall’esperienza personale della gloria di Dio. Essere riempiti anche con l’amore per gli uomini, che procede dall’amore di Dio, rispondono alle necessità degli uomini, e sulla loro supplica appaiono anche come intercessori e difensori per loro davanti a Dio”.


 


Altre Notizie su

Cultura e Società > Riflessioni






 
Sostenitori
 
 
© 2011/20 - Filo Diretto News | Reg. Tribunale di Messina n° 4 del 25/02/2011 | Dir. Resp. Domenico Interdonato | Condirettore Armando Russo
Redazione - Via S. Barbara 12, 98123 Messina - P.Iva 02939580839