AVVISO: Questo sito a breve non sarà più raggiungibile, Filo Diretto News con le sue notizie ed i suoi servizi sono disponibili al nuovo indirizzo web: www.filodirettonews.it
Oggi è 
 
 
   
Prima Pagina > Cultura e Società > Riflessioni > Studenti maltesi si piazzano secondi in un concorso di matematica

 venerdì 14 giugno 2019

MALTA

Studenti maltesi si piazzano secondi in un concorso di matematica

di Fra Mario Attard


alt

Studenti maltesi hanno ottenuto il secondo posto complessivo nella 13a Edizione della Supertmatik Mental Math Challenge, che ha visto la partecipazione di ben 257.259 studenti di 45 nazionalità. Questo è stato il miglior risultato mai raggiunto da Malta in questa sfida. Il campionato internazionale di matematica mentale annuale è un concorso per studenti di età compresa tra sei e 15 anni. Studenti maltesi in diversi gruppi, nelle scuole primarie e secondarie, hanno partecipato a una delle nove categorie secondo della loro età. Il concorso promuove l’interesse per la matematica mentale e fornisce agli studenti un’altra opportunità per rafforzare le loro competenze nei numeri e calcoli mentali attraverso il gioco costruttivo. Esso ha come scopo di mira quello di perfezionare e celebrare il talento nella matematica mentale.

Mentre prendo l’opportunità di augurare tante bellissime cose a questi studenti straordinari colgo anche questo attimo di grande gioia e soddisfazione per ricordargli a continuare a crescere nel talento non soltanto quello della matematica, ma anche qualsiasi talento che il Signore gli ha dato. Val la pena anche ricordare che questo è possibile se il telefonino viene controllato. Come ha detto stupendamente Papa Francesco agli studenti del Liceo ‘Visconti’ di Roma nel sabato 13 aprile 2019 nell’Aula Paulo VI: Il telefonino è un grande aiuto, è un grande progresso; va usato, è bello che tutti sappiano usarlo. Ma quando tu diventi schiavo del telefonino, perdi la tua libertà. Il telefonino è per comunicare, per la comunicazione: è tanto bello comunicare tra noi. Ma state attenti, che c’è il pericolo che, quando il telefonino è droga, la comunicazione si riduca a semplici ‘contatti’. Ma la vita non è per ‘contattarsi’, è per comunicare!


 


Altre Notizie su

Cultura e Società > Riflessioni






 
Sostenitori
 
 
© 2011/20 - Filo Diretto News | Reg. Tribunale di Messina n° 4 del 25/02/2011 | Dir. Resp. Domenico Interdonato | Condirettore Armando Russo
Redazione - Via S. Barbara 12, 98123 Messina - P.Iva 02939580839