Oggi è 
 
 
   
Prima Pagina > Sociale > Associazionismo > DIVERSABILITÀ AD OSTACOLI: UN INCONTRO FRUTTUOSO

 martedì 12 giugno 2012

ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO “SENZA BARRIERE”

DIVERSABILITÀ AD OSTACOLI: UN INCONTRO FRUTTUOSO

di Giovanni Tomasello


alt

Il convegno voluto dall’Associazione di volontariato “Senza Barriere”, in un confronto diretto con l’amministrazione comunale, con le associazioni, con la cittadinanza, il 9 giugno ha registrato una discreta affluenza di pubblico formata, più che altro, da addetti ai lavori, alcuni disabili in carrozzina, che, pazientemente, e in silenzio hanno seguito i lavori che si sono protratti per circa tre ore, durante le quali vi è stato, anche, un accenno ad un dibattito dai toni costruttivi.

Personalmente, in qualità di addetto stampa dell’associazione, e con grande spirito volontaristico, ho seguito in prima persona i lavori di preparazione e di svolgimento dell’importante appuntamento che ha portato diverse associazioni del settore ad essere presenti, come le associazioni “Mirko Piskeo”, CittadinanzAttiva, “Familiari Vittime della Strada”, ma, anche, presenze che non avevo mai immaginato venissero ad un appuntamento del genere, e per le quali ne ho gradito la presenza, come Grazia Maria Pistorino, del F.L.C. C.G.I.L., la Meter e Miles che ha proposto un tavolo di concertazione tra le associazioni che vogliono starci, per promuovere più iniziative a difesa delle categorie svantaggiate, ma, anche, la presenza inaspettata di Emanuele Tripodo, responsabile welfare del partito democratico. Naturalmente, l’Associazione “Senza Barriere” è aperta a qualsiasi contributo, da qualunque parte provenga, non abbiamo nessuna preclusione, ma, sicuramente, non vogliamo essere imbrigliati in sigle politiche alle quali non apparteniamo, perché “Senza Barriere” appartiene a tutti noi, è di quei cittadini di buona volontà, che desiderano fare qualcosa di concreto per questa città.

Sono rimasto deluso, però, dalla mancata presenza di alcuni assessori, come Pippo Isgrò, Melino Capone che hanno deleghe, strettamente, legate alla nostra attività, e che mi avevano assicurato la loro partecipazione. Evidentemente, il richiamo mediatico dell’inaugurazione del monumento ai marinai russi che hanno contribuito a risollevare Messina dopo il terremoto del 1908, senza alcuna vena polemica, è stato più forte. Sarà per un’altra occasione. Tra le proposte che ho lanciato a nome dell’associazione vi è il coinvolgimento delle circoscrizioni nell’individuazione di uno o più punti sul loro territorio, che hanno bisogno di abbattimento di barriere architettoniche, e i cui lavori possono essere coperti da una dotazione finanziaria di circa 47.000 euro, a disposizione dell’assessorato comunale alle infrastrutture del nostro Pippo Isgrò. Già, sono riuscito a coinvolgere tre quartieri su sei: il secondo, il quarto e il quinto, che mi hanno dimostrato disponibilità nel concretizzare la proposta. In questi giorni, mi recherò presso ciascuno di loro per capire a che punto siamo. Ecco, l’Associazione “Senza Barriere” rappresenta l’associazione del “fare”, come ho sottolineato in un mio breve intervento, durante i lavori, ricordando alla sparuta platea (molti erano già andati via, come l’assessore Caroniti e il presidente del consiglio comunale, Pippo Previti, che, assieme al consigliere comunale, Gaetano Caliò, e ai consiglieri del quarto quartiere, Guanta e Sanfilippo, unici presenti delle istituzioni, desidero ringraziare per la sensibilità dimostrata), anche, la nostra partecipazione ad uno spot voluto dall’Istituto “Don Bosco”, i cui ragazzi si sono dimostrati, veramente, sensibili verso i problemi dei diversamente abili. Mi spiace per i problemi tecnici intervenuti che hanno impedito la visione dello stesso che dura un minuto, ma molto efficace e di grande impatto emotivo, ve lo posso assicurare io che l’ho visto in anteprima alla visione presso il salone dello stesso istituto lo scorso 26 maggio.

Concludo con il ringraziare tutti a partire dal presidente Nino Morabito, che ha seguito le mie idee, e Lucia Cardillo, anima della manifestazione, che ha, fortemente, “voluto”, riuscendo a coinvolgere i relatori della manifestazione, i quali hanno discusso di tematiche legate alla diversabilità, come le barriere architettoniche, il lavoro e lo sport. Sapientemente, descritti dalla stessa Cardillo; dal nostro vice presidente, Nino Fiannacca (mondo del lavoro e disabili); Fabio Chillemi, del comitato Italiano paralimpico di Messina; Antonio Laganà, docente del corso di laurea del nostro ateneo, in scienze motorie; Libera Gullotta, amministratore unico dell’Associazione musicale “Nov’Arte”, che ha relazionato sul “progetto danza sportiva in carrozzina”. Senza dimenticare padre Gaetano Tripodo, direttore della Caritas Diocesana, che, a breve, si renderà protagonista di una bellissima iniziativa nella quale l’Associazione “Senza Barriere” è coinvolta, in prima persona, e di cui parleremo, successivamente.

Concludo con il ricordare che le foto della manifestazione, più alcuni brevi filmati (girati grazie al contributo del nostro moderatore, nonché amico carissimo, Domenico Interdonato), saranno resi pubblici nel più breve tempo possibile.

Grazie, ancora, a tutti e un pensiero finale lo rivolgo all’assessore, Dario Caroniti, che ci ha sostenuto in questo nostro lavoro e che spero porterà frutti con la consegna delle circa 1500 firme per il sostegno all’abbattimento delle barriere architettoniche in città che gli abbiamo consegnato e che siamo sicuri ne farà buon uso.


 


Altre Notizie su

Sociale > Associazionismo






 
Partner
 
 
© 2011/17 - Filo Diretto News | Reg. Tribunale di Messina n° 4 del 25/02/2011 | Dir. Resp. Domenico Interdonato | Condirettore Armando Russo
Redazione - Via Felice Bisazza 44, 98122 Messina - P.Iva 02939580839