AVVISO: Questo sito a breve non sarà più raggiungibile, Filo Diretto News con le sue notizie ed i suoi servizi sono disponibili al nuovo indirizzo web: www.filodirettonews.it
Oggi è 
 
 
   
Prima Pagina > Notizie > Pr. Jonica > Duomo di Sant’Agata di Alì - Incontro culturale sui beni architettonici siciliani

 venerdì 10 maggio 2019

FORMAZIONE GIORNALISTI

Duomo di Sant’Agata di Alì - Incontro culturale sui beni architettonici siciliani

di Domenica Timpano


alt

“Comunicare i beni culturali, architettonici, le tradizioni religiose e popolari di Sicilia”, questo è il tema che è stato trattato in un convegno che si è tenuto nel Duomo di Sant’Agata di Alì (Me), sabato 4 maggio u.s. L’incontro, primo di una serie, valido come evento formativo, è stato organizzato dall’Amministrazione Comunale di Alì, in sinergia con la Parrocchia, l’Unione Cattolica Stampa Italiana, l’Ordine dei Giornalisti di Sicilia, l’Ordine degli Architetti di Messina. Moderatrice la dott.ssa Lucia Gaberscek, giornalista. Dopo i saluti del vice sindaco di Alì, Roberto Roma, e del parroco, padre Vincenzo D’arrigo, che ha espresso il compiacimento per esercitare il suo ministero in una cattedrale, una chiesa considerata tra le più ricche di opere d’arte di tutta l’Arcidiocesi di Messina, che rappresenta un gioiello dell’architettura del tardo Rinascimento, già manierismo, copia piccola di quella esistente a Messina, già nel 500, ha preso avvio l’incontro formativo di studio.

Tanti i temi trattati che hanno coinvolto i presenti attenti a recepire i diversi contenuti. Gli argomenti all’ordine del giorno hanno messo in evidenza, tra l’altro, l’importanza del connubio tra architetti e giornalisti nel comunicare la notizia per allargare i confini della cultura, per l’approfondimento della conoscenza di luoghi e beni architettonici altrimenti dimenticati. Il dott. Domenico Interdonato, giornalista, presidente dell’UCSI Sicilia, dopo avere ringraziato gli intervenuti, ha ricordato che il 3 maggio del 1958 nasceva a Roma l’Unione Cattolica Giornalisti Italia con l’obiettivo di difendere e diffondere i valori cristiani. Ha evidenziato, altresì, l’importanza dell’evento promosso che vuole riportare alla memoria la necessità della giusta, intelligente, comunicazione e condivisione con quanti sentono la stessa passione.

Dopo il presidente Interdonato, hanno avuto luogo gli interventi dell’architetto Michele Palamara, consigliere dell’Ordine degli Architetti di Messina, della dott.ssa Tommasa Siragusa, giornalista, direttore della Biblioteca “Giacomo Longo” di Messina, del giornalista, prof. Marco Grassi, e dell’architetto Nino Principato, studioso e storico dell’Arte, che si sono alternati per porgere le proprie conoscenze, sostenute da esperienze maturate, con riferimento ai temi proposti e, soprattutto, per evidenziare le proprie idee per una migliore individuazione, fruizione e cura, dei numerosi beni che trovano luogo nella nostra bella terra. Da Palamara, che ha riportato alla memoria dominazioni e stili architettonici cui hanno dato vita, che ha ribadito l’importanza dell’interazione tra giornalisti, architetti, ingegneri e la necessità di sensibilizzare i giovani, alla direttrice Siragusa che ha posto l’accento sulla necessità di focalizzare l’attenzione sulla Sicilia, “pietra miliare” in ambito letterario e artistico. Una terra che ha subito molte dominazioni che hanno inciso anche sul carattere dei siciliani. Nella sua dettagliata relazione, ha riportato alla memoria anche il grande Johan Wolfgang Goethe che, pur avendo preso conoscenza durante il suo “Tour” dell’esistenza delle baracche a Messina, disse: “Non si può avere la più pallida idea dell’Italia se non si è vista la Sicilia: qui è la chiave di tutto”. Dopo un excursus sulle leggi che tutelano il paesaggio e i beni culturali, sui decreti attuativi, sull’autonomia statutaria della Sicilia, sulle attuali normative e codici urbani, sulle Sovrintendenze, ha richiamato l’attenzione sulla Biblioteca Giacomo Longo”, valore aggiunto per creare utenti e valori culturali” nella nostra Città che conserva antichi manoscritti fruibili, nelle forme opportune, dalla collettività.

L’intervento del giornalista, prof. Marco Grassi, si è sviluppato sull’Araldica e ha suscitato vivo interesse, per la dovizia di particolari espressi, considerato i più variegati segni di identificazione degli stemmi nobiliari ed episcopali. Una rassegna supportata da slide che hanno incuriosito, tenuto conto che facevano riferimento alla nostra Città e a molti nobili e religiosi assai noti. Dallo stemma arcivescovile di mons. Paino e di mons. Di Pietro, a quello dei reali di Asburgo, del Regno delle due Sicilie, e, ancora, di San Giovanni di Malta, che si conserva a Montevergine, del cardinale Montenegro, e di tanti altri ancora, si è passati a quello “inquietante” della Santa Inquisizione e del vicerè Colombo, discendente da Cristoforo Colombo.

L’architetto Nino Principato, studioso e storico dell’Arte, ha relazionato su “I beni architettonici in Sicilia e l’arte di farli conoscere”, ponendo l’accento sulla questione che molti beni di notevole importanza, in Sicilia – che detiene un patrimonio inestimabile – sono dimenticati, trascurati. Partendo da questo assunto, ha messo in luce molti siti, tra questi la “Val di Noto” ricchi di storia e arte. La sua attenzione si è fermata, in particolare, sul “Duomo di Sant’Agata” di Alì e sulla Chiesa simbolica di “Santa Maria degli Alemanni” di Messina, unico esempio in Sicilia di stile Gotico, sorta nello stesso periodo in cui la Francia diede vita alle Cattedrali di “Notre Dame” e “Chartres”. In questo luogo suggestivo, ancora oggi possiamo ammirare strani personaggi, come l’Uomo Verde che vuole significare l’unione dell’uomo con la natura, il Basilisco, animale mitologico, le Erinni, divinità metà donne e metà volatili, Giove che bastona Saturno, un capitello con tre volti che stanno a indicare la Trinità e tanto altro ancora, oltre a elementi di ordine squisitamente architettonico, che nel Medioevo assumeva un significato particolare.

L’evento è stato organizzato dall’Amministrazione Comunale, con la Parrocchia, l’Unione Cattolica Stampa Italiana, l’Ordine dei Giornalisti, l’Ordine degli Architetti e con il patrocinio di Unitelma Sapienza “Polo Didattico della Sicilia” di Messina, della SIPBC Società Italiana per la protezione dei Beni Culturali, Sezione e l’Associazione “L’Aquilone” ONLUS.



 


Altre Notizie su

Notizie > Pr. Jonica






 
Sostenitori
 
 
© 2011/20 - Filo Diretto News | Reg. Tribunale di Messina n° 4 del 25/02/2011 | Dir. Resp. Domenico Interdonato | Condirettore Armando Russo
Redazione - Via S. Barbara 12, 98123 Messina - P.Iva 02939580839