AVVISO: Questo sito a breve non sarà più raggiungibile, Filo Diretto News con le sue notizie ed i suoi servizi sono disponibili al nuovo indirizzo web: www.filodirettonews.it
Oggi è 
 
 
   
Prima Pagina > Notizie > Polizie e Forze Armate > Scordia. Cittadinanza onoraria alla Brigata “Aosta”: L’Esercito riceve benemerenza per l’impegno dei suoi militari in Sicilia

 martedì 26 marzo 2019

NEL CATANESE

Scordia. Cittadinanza onoraria alla Brigata “Aosta”: L’Esercito riceve benemerenza per l’impegno dei suoi militari in Sicilia

di Redazione


alt

È stata consegnata, nell’Aula Consiliare del Comune di Scordia, in Provincia di Catania, la cittadinanza onoraria alla Brigata Meccanizzata “Aosta” per lastraordinaria rapidità, la professionalità e la grande umanità, con la quale i militari delle Brigata Aosta hanno operato durante la devastante alluvione che ha investito la zona sud di Scordia e l’intera piana di Catania nell’ottobre dello scorso anno”. Il sindaco, Franco Barchitta, durante il suo accorato intervento, ha evidenziato come “soldati e cittadini assieme si siano trovati a fronteggiare un’emergenza dai tratti disperata, spinti i primi dal dovere, i secondi dalla necessità”. Nel ricevere l’importante benemerenza, il generale Bruno Pisciotta, comandante della Brigata, ha ricostruito le fasi dell’intervento degli uomini e delle donne dell’Aosta, nelle concitate ore successive alla fase acuta della crisi. “Siamo una realtà fortemente radicata nel territorio siciliano e i militari effettivi alle unità presenti nell’Isola conoscono bene la compagine sociale, per esserne parte sin dalla nascita. Questo per noi è un valore aggiunto che arricchisce i già splendidi rapporti con la comunità locale, in piena e totale sinergia con le istituzioni e le pubbliche amministrazioni”.

La Brigata “Aosta”, grazie all’intervento di assetti specialistici del 4° Reggimento Genio e all’opera dei fanti del 62° Reggimento, ha lavorato, incessantemente, dal 19 ottobre al 31 ottobre, per consentire alla popolazione dei Comuni di Scordia e Palagonia il ritorno alla normalità, a seguito delle fortissime precipitazioni meteorologiche che hanno investito il catanese. Strade trasformate in fiumi di fango, torrenti diventati paludi e piazze trasformate in laghi, sono il triste scenario in cui ha operato l’Esercito in quelle settimane, schierando sul campo circa 100 uomini, 1 escavatore, 2 terne ruotate, 2 miniescavatori per raggiugere i vicoli più impervi dei paesini della Piana di Catania e 1 pala gommata, oltre a 2 veicoli del tipo Astra per il trasferimento di inerti.


 


Altre Notizie su

Notizie > Polizie e Forze Armate






 
Sostenitori
 
 
© 2011/19 - Filo Diretto News | Reg. Tribunale di Messina n° 4 del 25/02/2011 | Dir. Resp. Domenico Interdonato | Condirettore Armando Russo
Redazione - Via S. Barbara 12, 98123 Messina - P.Iva 02939580839