Oggi è 
 
 
   
Prima Pagina > Cultura e Società > Riflessioni > Malta piange la scomparsa del prof. Joseph Buttigieg

 martedì 5 febbraio 2019

MALTA

Malta piange la scomparsa del prof. Joseph Buttigieg

di Fra Mario Attard


alt

È stato un bel viaggio”, queste le ultime parole dell’acclamato professore Joseph Buttigieg, scomparso domenica 27 gennaio all’età di 71 anni. Padre del candidato presidenziale democratico americano Pete Buttigieg, il sindaco di South Bend ha annunciato la sua morte attraverso un post su Facebook. Con la famiglia al suo fianco, è morto pacificamente nel pomeriggio. Ci manca già, ma il suo amore per la vita e la sua passione morale rimarranno con noi per sempre. Come amico, collega, pensatore ed educatore, ha toccato innumerevoli vite e speriamo di trovare un modo per onorarlo, più tardi in primavera. “Ti amiamo, papà”, ha scritto il sindaco Buttigieg. Il ministro della Pubblica Istruzione, Evarist Bartolo, ha descritto il prof. Buttigieg come un mentore che ha guidato un gruppo di studenti universitari 47 anni fa. Era un intellettuale e un gigante morale, intriso di un tale senso dell’umorismo: “era davvero un faro di speranza per tutti noi nei primi anni ‘70”. Ha sottolineato il ministro Bartolo, “Ha creduto nei valori della giustizia sociale e della democrazia e ha condotto una campagna contro la credenza del ‘denaro può comprarti ogni cosa’, il nostro Paese dovrebbe onorare persone come lui”.

Il prof. Buttigieg è stato professore e traduttore e ha lavorato come William R. Kenan, professore di inglese presso l’Università di Notre Dame fino al 2017, quando divenne professore emerito. Le principali aree di interesse di Buttigieg erano la letteratura moderna, la teoria critica e il rapporto tra cultura e politica. Oltre a numerosi articoli, è stato autore di A Portrait of the Artist in different Perspective (Un ritratto dell’artista in prospettive diverse), un libro sull’estetica di James Joyce. Tra le altre opere, ha tradotto e curato l’edizione inglese dei Prison Notebooks (Quaderni dal carcere) di Antonio Gramsci. Questo progetto è stato sostenuto da un’importante borsa di studio del National Endowment for the Humanities. Molti dei suoi articoli su Gramsci, il filosofo, scrittore e politico italiano, sono stati tradotti in italiano, tedesco, spagnolo, portoghese e giapponese. Fu membro fondatore della International Gramsci Society, di cui fu presidente, e il ministro della cultura italiano lo nominò a una commissione di esperti per supervisionare la preparazione della “edizione nazionale” (edizione nazionale / opere complete) degli scritti di Gramsci. Buttiġieġ è stato anche membro del comitato editoriale e consultivo di varie riviste ed è stato membro di boundary 2, un collettivo editoriale che pubblica un diario di letteratura e cultura.

Buttigieg ha diretto il programma Hesburgh-Yusko dal suo primo anno, nel 2010, fino al 2017. Il programma è una borsa di studio basata sul merito e sull’iniziativa di sviluppo della leadership che fornisce agli studenti un impatto di trasformazione sul mondo. Prende il nome dal defunto rev. Theodore M. Hesburgh, CSC, presidente di Notre Dame dal 1952 al 1987, e uno dei leader più influenti del XX secolo nella Chiesa cattolica, l’istruzione superiore e gli affari nazionali e internazionali, e Mark W. e Stacey Miller Yusko, che ha sottoscritto la creazione del programma con un regalo generoso nel 2009. Buttiġieġ è cresciuto e ha iniziato la sua formazione a Malta, completando i suoi studi universitari e un master all’Università di Malta. Ha conseguito, poi, un secondo corso di laurea all’University College di Londra e, infine, un dottorato presso la State University di New York a Binghamton a New York. Il professore dell’Università di Malta, Peter Mayo, ha affermato che il mondo accademico si è impoverito senza il professor Buttigieg.

Confessa prof. Mayo: Ho perso un grande amico, mentore e collaboratore, è stato anche un grande commentatore dell’attuale politica americana, anche la sinistra è più povera senza Joe”. In un articolo di apprezzamento sul Times of Malta del giovedì 31 gennaio, lo stesso prof. Mayo lo ha descritto così: “A livello personale era affabile, spesso sorridendo e scherzando. Nulla gli dava più piacere che vedere produzioni culturali eccellenti, in particolare libri, che uscivano dalla gente nascosta nel suo Ppaese di nascita. Aveva una vasta conoscenza di fondo che si estendeva ben oltre Gramsci. Era uno che non solo assorbiva e impartiva conoscenze, ma lo produceva anche in riviste di alto livello, libri e altri punti vendita, compresi vari seminari registrati ai quali si può accedere online”.

L’autore e professore David Ruccio lo ha descritto come “intellettuale di sinistra, pensatore critico, studioso rigoroso, saggista prolifico e relatore frequente in tutto il mondo”. Il rev. John I. Jenkins, C.S.C., presidente di Notre Dame ha detto su Prof. Buttiġieġ: “Joe è stato un eccellente studioso, un insegnante ispiratore e un leader pionieristico come direttore inaugurale del nascente programma di studiosi Hesburgh-Yusko. Ci uniamo con i suoi molti, molti familiari e amici a piangere la sua scomparsa. Ci mancherà a Notre Dame. Dio faccia riposare la sua anima”. Come ha detto bene il ministro Evarist Bartolo, Malta dovrebbe onorarlo. La sua vita intera è stata una fonte d’ispirazione non soltanto per il suo amatissimo figlio Pete, ma anche per tutti quelli che lo conoscevano, incluso me. Come posso dimenticare il grandissimo apprezzamento che il prof. Buttiġieġ mi mostrò quando celebrò quella indimenticabile messa accanto il letto della sua adorabile ed esemplare mamma agonizzante? Sono soltanto i grandi uomini di statura morale e culturale come Joe che sanno apprezzare a fondo e condividere il loro apprezzamento cogli altri! Grazie di cuore Joe!


 


Altre Notizie su

Cultura e Società > Riflessioni






 
Partner
 
 
© 2011/19 - Filo Diretto News | Reg. Tribunale di Messina n° 4 del 25/02/2011 | Dir. Resp. Domenico Interdonato | Condirettore Armando Russo
Redazione - Via S. Barbara 12, 98123 Messina - P.Iva 02939580839