Oggi è 
 
 
   
Prima Pagina > Cultura e Società > Riflessioni > Malta – Una casa a Marsa trasformata in una cappella

 lunedì 7 gennaio 2019

MALTA

Malta – Una casa a Marsa trasformata in una cappella

di Fra Mario Attard


alt

Al primo colpo d’occhio, potrebbe sembrare una normale casa di città dall’esterno. Adagiata lungo una strada periferica a Marsa, una piccola casa è stata trasformata in una cappella. Questo, precisamente, era il sogno del suo fedele proprietario da ormai oltre 20 anni. Mario Grima, che ha ereditato la proprietà da suo zio, aveva progettato la trasformazione di questa casa in una cappella per ben 20 anni. Infatti, Mario ha raccontato come la Casa di preghiera di San Giuseppe ha tenuto la sua prima Messa all’inizio dell’ultima settimana di dicembre 2018, poco dopo essere stata benedetta dall’arcivescovo Charles Scicluna. “Avevamo circa 100 persone accalcate da tutta l’Isola per la prima messa”, ha spiegato Grima.

Ed ancora: La messa è stata un tale successo che molti dei partecipanti hanno dovuto sedersi in una stanza adiacente a quella che è stata trasformata in una cappella. La stanza successiva è piena di sedie che si affacciano su una TV collegata via Bluetooth a una webcam che consente loro di seguire anche la messa. Sì, abbiamo una macchina fotografica e gli oratori riprendono l’omelia che può essere ascoltata da tutto l’edificio”. La cappella, nella quale si celebra la Messa il primo lunedì di ogni mese, è dedicata alla santificazione del clero, alle anime sante del purgatorio e alla famiglia. C’è un elenco di ben 40 sacerdoti che sono in fila per celebrare la messa nella nuova cappella nei prossimi mesi. Il signor Grima ha detto che ogni volta che si celebra la messa ci saranno due sacerdoti nella cappella, uno per celebrare la messa e l’altro per confessare.

Un devoto di San Giuseppe, il signor Grima, ha detto di aver ricevuto telefonate 24 ore su 24 da persone che volevano visitare la cappella, o altri che avevano semplicemente il bisogno di parlare. Mario Grima afferma: “Con l’aiuto di un benefattore e di molti amici e collaboratori, la cappella è aperta. Ora non vediamo l’ora di costruire una comunità di fede”. Per saperne di più sulla cappella, cerca la sua pagina Facebook, Dar tat-Talb San Ġuzepp. Che in questa cappella si senta sempre il canto adorante di San Francesco d’Assisi, nella cui parrocchia questa cappella felicemente risiede. Ti adoriamo, Signore Gesù Cristo, qui e in tutte le tue chiese che sono nel mondo intero e ti benediciamo, perché con la tua santa croce hai redento il mondo.


 


Altre Notizie su

Cultura e Società > Riflessioni






 
Partner
 
 
© 2011/19 - Filo Diretto News | Reg. Tribunale di Messina n° 4 del 25/02/2011 | Dir. Resp. Domenico Interdonato | Condirettore Armando Russo
Redazione - Via Felice Bisazza 44, 98122 Messina - P.Iva 02939580839