Oggi è 
 
 
   
Prima Pagina > Notizie > Messina > Messina – CittadinanzAttiva. No alla riesumazione della variante di salvaguardia ambientale

 giovedì 8 novembre 2018

DICCI LA TUA

Messina – CittadinanzAttiva. No alla riesumazione della variante di salvaguardia ambientale

di Redazione


alt

In merito a notizie di stampa riguardanti la riproposizione da parte del Movimento Messinaccomuna, riconducibile alla passata amministrazione Accorinti, della Variante di Salvaguardia, per CittadinanzAttiva si tratta soltanto di un maldestro tentativo di cavalcare l’emozione dei cittadini suscitata dalla recente tragedia causata dal dissesto idrogeologico, che ha falciato vite e ha colpito varie zone della Sicilia e dell’Italia. Non è, infatti, ammissibile presentare tale elaborato come uno strumento utile per fronteggiare la problematica della sicurezza del territorio. Già verso la fine della scorsa legislatura, CittadinanzAttiva, intervenendo nel dibattito cittadino, sosteneva che l’adozione della cosiddetta Variante di Salvaguardia Ambientale, sosteneva che essa, lungi dall’essere uno strumento di tutela dell’ambiente e del territorio, di fatto proponeva di cassare l’edificabilità di alcuni terreni, trasferendone altrove, e in modo squilibrato, una grossa parte della cubatura.

Non solo CittadinanzAttiva, ma anche gli Ordini Professionali del settore, tante Associazioni e numerosi cittadini firmatari di apposito documento, si opponevano, convinti che, di fatto, si trattava di una falsa Variante, in quanto non conteneva né una vera strategia ambientale né una corretta visione dello sviluppo. Entrando nel merito, CittadinanzAttiva non riusciva a spiegarsi per quale motivo si riteneva necessario spostare cubature in presenza di un grave decremento demografico, che negli ultimi anni ha assunto la connotazione della gravità, mentre restava un’ingente patrimonio urbanistico ed edilizio da riqualificare. Se si volevano salvaguardare le colline, e fare effettiva prevenzione del dissesto, nonché manutenzione e interventi di messa in sicurezza, lo si sarebbe potuto fare mediante l’intercettazione dei finanziamenti comunitari esistenti, destinati al contenimento dei dissesti ed alla salvaguardia degli habitat.

CittadinanzAttiva chiedeva, allora, e lo chiese ancora oggi, di rispettare le finalità della Zps, utilizzandola quale strumento di sviluppo e salvaguardia del territorio, attuando le Fasi 2-3 del Piano di Gestione. Per quanto sopra argomentato, si diffida il presidente del Consiglio Comunale dal voler riproporre al Consiglio, in qualsiasi forma, la discussione sulla Variante di Salvaguardia, tanto contestata per i suoi contenuti e, da più parti, giudicati illegittimi.


 


Altre Notizie su

Notizie > Messina






 
Partner
 
 
© 2011/18 - Filo Diretto News | Reg. Tribunale di Messina n° 4 del 25/02/2011 | Dir. Resp. Domenico Interdonato | Condirettore Armando Russo
Redazione - Via Felice Bisazza 44, 98122 Messina - P.Iva 02939580839