Oggi è 
 
 
   
Prima Pagina > Cultura e Società > Riflessioni > Il Palazzo dell’Inquisitore a Birgu

 sabato 12 maggio 2018

MALTA

Il Palazzo dell’Inquisitore a Birgu

di Fra Mario Attard


alt

Il Palazzo dell’Inquisitore, situato nel cuore di Vittoriosa, è uno dei pochissimi palazzi superstiti del suo genere che, all’inizio dell’età moderna, si potevano trovare in tutta Europa e in Sud America. Il Palazzo non fu costruito appositamente come residenza per i vari inquisitori. Esso fu eretto nel 1530, poco dopo l’arrivo dell’Ordine Ospedaliero di San Giovanni a Malta. Il suo scopo originale fu quello di ospitare i tribunali civili dell’Ordine. Le più belle tracce di questo edificio originale sono gli elementi particolari del cortile gotico a forma di quadripartita, con pareti a strappo e pannelli in stile gotico, simili a quelli di altri edifici di Vittoriosa, tutti eretti negli anni 1530. Probabilmente, l’architetto fu fra Diego Perez de Malfreire, che era l’ingegnere dell’Ordine quando i cavalieri arrivarono a Malta e che introdusse questo sistema obsoleto di costruzione nelle isole maltesi.

Ereditando l’ex Magna Curia Castellania dell’Ordine (le corti e i tribunali durante il regno dell’Ordine di San Giovanni) nel 1574, gli inquisitori massimizzarono le risorse a loro disposizione per trasformare un edificio medievale in un “palazzo romano” comprensivo di un tribunale e di un austero complesso carcerario. Con gli anni, il palazzo subì numerose importanti revisioni raggiungendo una sistemazione soddisfacente con l’ampio progetto 1733-34 del genio dell’alto barocco Romano Carapecchia. Come guardiani di fede e inviati papali, ci si aspettava che gli inquisitori apparissero santi, giusti, colti e potenti. Questa era la loro immagine pubblica e il palazzo era il loro teatro.Dopo il 1574, tutti i 61 inquisitori erano italiani. Questi delegati apostolici erano in genere giovani uomini istruiti di una notevole carriera ecclesiastica. Abituati agli splendori della vita italiana, la maggior parte fece del suo meglio per infondere gusto e lucentezza alla vita di palazzo. Tra i 61 inquisitori che vissero in questo palazzo, due furono eletti papi. L’inquisitore Antonio Pignatelli (1646-1649), diventò Papa Innocenzo XII (1691-1700) e Fabio Chigi (1634-1639) diventò Alessandro VII (1655-1667).

Il personale domestico dell’inquisitore fu chiamato familiares. Questi godevano delle stesse esenzioni degli ufficiali, ma i loro doveri erano di servire l’inquisitore in faccende domestiche e di accompagnare lui e i suoi ufficiali, e difendendoli con le armi quando necessario. I familiares comprendevano: un maggiordomo, istruito nelle questioni quotidiane, alcuni eleganti servi, un portiere, un segretario, un cappellano, un cameriere, un cuoco e un giovane aiuto in cucina, e un barcaiolo e parrucchiere. Nella sua soppressione dell’eresia in tutte le sue forme, l’inquisizione perseguitò contro: abuso di sacramenti, possesso di libri proibiti, violazione dell’astinenza, bigamia, apostasia, attività magiche e rimedi superstiziosi, opinione eretica; falsa testimonianza; profanazione del sacro; bestemmia e ostruendo il tribunale.

I colpevoli furono puniti, corporalmente e spiritualmente. Le punizioni corporali contennero un elemento di vergogna per compensare i danni commessi come inginocchiamento o adorazione in pubblico, canottaggio sulle galere, assistenza infermieristica in ospedale, lavoro sulle fortificazioni e reclusione. Tali sanzioni furono inflitte in meno del 10% dei casi. La stragrande maggioranza dei casi era di natura spirituale, destinata a curare lo spirito del condannato. Tra questi, inclusero la recita di preghiere e salmi penitenziali, la frequentazione dei sacramenti, il digiuno pane e acqua e pellegrinaggi in genere ai santuari mariani. Occasionalmente, il Sant’Uffizio richiedeva certificati per verificare che la penitenza fu eseguita. La storia del sacerdote siciliano, don Francesco Vestuso, palermitano di 37 anni, include sia la punizione corporale che quella spirituale.

Così, racconta questo sacerdote:Sono arrivato a Malta nel 1636, quando mi è stato concesso il perdono di una condanna a remi sulle galee per dieci anni, dopo aver ucciso una donna siciliana. In Sicilia, avevo imparato molti incantesimi magici e possedevo un certo numero di libri proibiti sull’invocazione e sulla stregoneria del diavolo. Quando sono venuto a Malta, le persone hanno iniziato a usare le mie conoscenze per le loro personali necessità quotidiane. In un’occasione, fui contattato per l’Inquisitore per aver fatto uso inappropriato dell’olio santo e di altri strumenti sacramentali. Sono stato imprigionato il 29 settembre 1637, dopo due giorni in fuga dai funzionari dell’Inquisizione e sottoposto a torture. Sono stato dichiarato colpevole su tutti i fronti e fui rilasciato dal carcere il 29 settembre 1637, il giorno della mia condanna, secondo il quale dovevo partecipare alla Messa la domenica seguente inginocchiato davanti alla porta della Chiesa di Porto Salvo a La Valletta con una candela in mano e con un cartello che mostra il mio crimine. Sono stato anche esiliato perpetuamente da Malta”.


 


Altre Notizie su

Cultura e Società > Riflessioni






 
Partner
 
 
© 2011/18 - Filo Diretto News | Reg. Tribunale di Messina n° 4 del 25/02/2011 | Dir. Resp. Domenico Interdonato | Condirettore Armando Russo
Redazione - Via Felice Bisazza 44, 98122 Messina - P.Iva 02939580839