Oggi è 
 
 
   
Prima Pagina > Notizie > Regionali > MARCIA DI PROTESTA: IN PRIMA FILA GLI AGRICOLTORI MESSINESI

 giovedì 1 marzo 2012

CUPLA MESSINESE

MARCIA DI PROTESTA: IN PRIMA FILA GLI AGRICOLTORI MESSINESI

di Rita Serra


alt

Il CUPLA – Coordinamento Unitario Pensionati Lavoro Autonomo, che rappresenta le associazioni pensionistiche di CIA; Coldiretti; Confagricoltura; Confartigianato; CNA; SADA-Casartigiani; Confesercenti; 50ePiù Confcommercio, ha aderito e partecipato alla marcia per il lavoro produttivo e l’esigenza di cambiare per rilanciare l’economia e modernizzare la Sicilia che si è tenuta a Palermo oggi, giovedì 1 marzo alle ore 11,00.

Il CUPLA messinese esprime seria preoccupazione per lo stato dei servizi sociali e sanitari. La stampa, quasi giornalmente, segnala disservizi, casi di sospensione di assistenza domiciliare, rischio di non utilizzare a pieno le risorse finanziarie, ritardi attuazione piani 328, casi di malasanità, chiusura centri aggregazione anziani, diffuse irregolarità case di riposo private, lunghe attese corsie ospedaliere che colpiscono la dignità degli ammalati. Cresce una diffusa percezione di non affidabilità delle nostre strutture ospedaliere.

È, pertanto, urgente e necessario affrontare le seguenti questioni:

a) garantire in tutti i comuni il servizio di assistenza domiciliare e costituire le consulte comunali anziani;

b) attivare l’ADI (Assistenza Domiciliare Integrata) promuovendo protocolli operativi, in modo da garantire tale servizio agli anziani non autosufficienti con programmi di cura e assistenza personalizzati;

c) potenziare i punti di urgenza-emergenza ospedalieri, gli hospice, il day hospital oncologico evitando le lunghe attese in pronto soccorso o quelle astanterie, ancora, più traumatiche per i malati terminali e i loro congiunti;

d) favorire le dismissioni ospedaliere con le cure e assistenze a casa, attivando, anche, le moderne tecnologie con la tele-assistenza domiciliare;

e) approntare un piano straordinario di creazione di strutture territoriali per favorire e stimolare tutti quei servizi di assistenza, prestazioni sanitarie, esami diagnostici che limitino il ricorso ai ricoveri ospedalieri;

f) affrontare con urgenza le criticità nell’attuazione dei piani di zona 328 ed evitare che, ancora, una volta piani triennali diventino di fatto attuati in 6 o più anni diffondendo una pessima immagine della Sicilia;

g) revisione dei meccanismi esenzione ticket alla luce della recente normativa regionale che ha generato incertezze e confusione.


 


Altre Notizie su

Notizie > Regionali






 
Partner
 
 
© 2011/17 - Filo Diretto News | Reg. Tribunale di Messina n° 4 del 25/02/2011 | Dir. Resp. Domenico Interdonato | Condirettore Armando Russo
Redazione - Via Felice Bisazza 44, 98122 Messina - P.Iva 02939580839