Oggi è 
 
 
   

 mercoledì 11 aprile 2018

MALTA

La Grande Festa

di Fra Mario Attard


alt

Sabato 7 aprile, a La Valletta si è fatta la prima celebrazione della il-Festa l-Kbira (La Grande Festa). Una marea di gente ha riempito le strade della capitale maltese per questa bellissima celebrazione. In questo evento mai visto dalla città dei cavalieri, quattro feste e due società musicali si sono unite insieme per inondare le strade di La Valletta con la musica e l’allegria. La celebrazione è stata ambientata attorno ai rituali cattolici con cui le feste dei santi si celebrano all’Isola di Paolo. Il pubblico aveva la favolosa opportunità di godere le processioni tradizionali che si fanno in ogni città e villaggio maltese durante le feste dei santi patroni. Questa festa fu nominata il-Festa l-Kbira, (La Grande Festa), proprio perché si sono portati in processione le quattro statue titolari de La Valletta, la stutua di San Paolo Naufrago, San Domenico, La Madonna delle Carmine e Sant’Agostino. Dunque, per l’evento erano presenti le tre parrocchie di La Valletta, ossia la parrocchia di San Paolo Naufrago, la parrocchia di Sant’Agostino e la parrocchia di Porto Salvo e San Domenico, insieme con la partecipazione del santuario della Madonna delle Carmine. Le due società bandistiche che hanno partecipato a questa manifestazione singolare erano la Società Filarmonica Nazionale “La Valette” e La Società Filarmonica “King’s Own”.

Il 4 aprile ha visto la consacrazione della Chiesa e l’inaugurazione del nuovo pavimento interno alla Basilica della Madonna delle Carimine. Nella sua omelia, per l’occasione, l’arcivescovo di Malta, mons. Charles J. Scicluna, ha sottolineato che questo posto di culto, dedicato alla Madonna delle Carmine e tanto caro a noi maltesi e gozitani, è una memoria viva che Dio è con noi. Ulteriormente, il venerdì 6 aprile ha visto la partecipazione congiunta delle Società Filarmonice de “La Valette” e “King’s Own”. Infatti, entrambe le società hanno suonato per le strade de La Valletta fino alla Piazza. Poi, nel medesimo posto, tutte le due società hanno eseguito un concerto congiunto di un programma musicale di 40 minuti ciascuna. Il 7 aprile, ci sono state varie attività intorno a La Valletta e Senglea, includendo, ovviamente, la famosa Regata per la Jum il-Ħelsien (Festa della Liberazione) svoltasi nel Port il-Kbir (Il Porto Grande) con il saluto con la batteria dei fucili nella Barrakka Superiore, che è stato organizzato dalla Fondazione Wirt Artna (L’Eredità della Nostra Patria). Nel pomeriggio, è avvenuta la presentazione dello scudo della Regata e i premi per Valletta 2018.

Celebrata la Messa preseduta dall’arcivescovo Scicluna nelle quattro chiese che ospitano le quattro statue, esse sono state poi condotte in processione con le bande musicali. La Grande Festa mi fa ricordare le preziosissime parole che San Giovanni Paolo II rivolse ai noi maltesi nella sua omelia della Santa Messa e beatificazione di tre servi di Dio maltesi, il mercoledì 9 maggio 2001: “Vi esorto, dunque, a prendervi cura delle vostre tradizioni di pietà, purificandole dove necessario e rafforzandole con una catechesi e un’istruzione sane (n. 4)”.


 


Altre Notizie su

Cultura e Società > Riflessioni






 
Partner
 
 
© 2011/18 - Filo Diretto News | Reg. Tribunale di Messina n° 4 del 25/02/2011 | Dir. Resp. Domenico Interdonato | Condirettore Armando Russo
Redazione - Via Felice Bisazza 44, 98122 Messina - P.Iva 02939580839