Oggi è 
 
 
   
Prima Pagina > Cultura e Società > Riflessioni > Inaugurazione della statua di Gesù Redentore a Senglea

 giovedì 8 marzo 2018

MALTA

Inaugurazione della statua di Gesù Redentore a Senglea

di Fra Mario Attard


alt

Dopo nove mesi di studio e lavoro intensivo di restauro e conservazione, il 3 marzo 2018, è stata inaugurata la statua di Gesù Redentore nella Basilica di Senglea. La statua aveva bisogno dei restauri per conservare la singolare bellezza artistica che possiede. La cerimonia dell’inaugurazione della statua ha incluso anche la presentazione del lavoro intenso dei lavori effettuati. Venerdì 9 marzo, alle ore 18.00, a Senglea si organizzerà il tradizionale pellegrinaggio quaresimale con la statua devota di Gesù Redentore. Terminato il pellegrinaggio, mons. Charles J. Sciculna, l’arcivescovo di Malta, celebrerà la messa nella chiesa parrocchiale. Questo sarà il primo impegno pastorale pubblico che l’arcivescovo svolgerà dalla sua venuta dalla missione che il Santo Padre ha chiesto di svolgere in Cile.

Durante tutta la quaresima, la statua devotissima del Redentore sarà esposta per la devozione e venerazione pubblica nella stessa Basilica. Seguendo le celebrazioni della Settimana Santa, la statua subirà un trattamento speciale che si chiama anoxia che protegge questa santa immagine dai visitatori. Dunque, durante il mese di aprile il Redentore non sarà esposto alla venerazione pubblica dei fedeli. In collegamento con l’intero processo di restauro che si sta compiendo sulla statua di Gesù Redentore, nelle prossime settimane sarà pubblicato un libro con il titolo Ir-Redentur: History, Art, and Cult of the Miraculous Effigy of Christ the Redeemer at Senglea (Il Redentore: La Storia, l’Arte e il Culto della Immagine Miracolosa di Cristo il Redentore a Senglea). Il libro includerà anche la documentazione storica legata alla statua nel contesto della processione del Venerdì Santo a Senglea.

Interessante elencare che la devozione per l’immagine miracolosa di Gesù Redentore risale al diciottesimo secolo, precisamente al 1727. Infatti, questa data ci indica che la statua era già esposta per la venerazione dei fedeli nell’Oratorio della Fratellanza del Crocifisso. Nel corso della peste del 1813, il capitolo della Collegiata di Senglea fece un voto che se la loro città fosse stata risparmiata dalla terribile sorte di questo flagello, si sarebbero svolte, annualmente, tre processioni di ringraziamento intorno alla città. Una di queste processioni, con la statua di Gesù Redentore, proprio nella Terza Domenica dopo la Pentecoste. Non sappiamo né la data e neanche lo scultore originale della statua. Nonostante questa mancanza d’informazione sappiamo che il grande statuario maltese e sengleano, noto come Carlozzu, fece dei grandi lavori di restauro su questa statua nel diciannovesimo secolo.

Quando vedo questa devotissima e veneratissima statua di Gesù Redentore, mi vengono spontaneamente in mente le bellissime parole di Papa Francesco fatte alla messa mattutina a Casa Santa Marta del 26 settembre 2014.Il Figlio dell’uomo, cioè il Messia, l’Unto, deve soffrire molto, essere rifiutato dagli anziani, dai capi dei sacerdoti e degli scribi, venire ucciso e risorgere. Questa è la strada della vostra liberazione. Questa è la strada del Messia, del Giusto: la Passione, la Croce. E a loro spiega la sua identità... È tanto l’amore di Dio, è tanto brutto il peccato, che Lui ci salva così: con questa identità nella Croce. Non si può capire Gesù Cristo Redentore senza la Croce: non si può capire! Possiamo arrivare fino a pensare che è un gran profeta, fa cose buone, è un santo. Ma il Cristo Redentore senza la Croce non lo si può capire... Ci prepara a essere dei cirenei per aiutarlo a portare la Croce. E la nostra vita cristiana senza questo non è cristiana. È una vita spirituale, buona… Gesù è il grande profeta, anche ci ha salvato. Ma Lui e io no... Tu con Lui! Facendo la stessa strada. Anche la nostra identità di cristiani deve essere custodita e non credere che essere cristiani è un merito, è un cammino spirituale di perfezione. Non è un merito, è pura grazia”.

O Redentore misericordioso, o Gesù Nazareno, nostro Salvatore. Sto qui, dinanzi a te, a venerarti. Ti prego Signore, con grande umiltà, volgi il tuo sguardo misericordioso e amorevole su di me. Dammi tutte le grazie che ho bisogno per servirti sempre per la tua gloria e la mia santità. O Gesù Redentore, fa che io ti assomigli nella tua tenerezza, umiltà e comportamento con tutti i miei fratelli e sorelle. Dammi un cuore che sente come il tuo. Dammi un cuore che comprende e mostra misericordia. O Gesù misericordioso fa che la carità e la pace regneranno sempre nelle nostre famiglie, paesi, città e società. Ti prego questo per mezzo del tuo grande amore. Amen.


 


Altre Notizie su

Cultura e Società > Riflessioni






 
Partner
 
 
© 2011/18 - Filo Diretto News | Reg. Tribunale di Messina n° 4 del 25/02/2011 | Dir. Resp. Domenico Interdonato | Condirettore Armando Russo
Redazione - Via Felice Bisazza 44, 98122 Messina - P.Iva 02939580839