Oggi è 
 
 
   
Prima Pagina > Cultura e Società > Riflessioni > Un servizio di conforto

 lunedì 19 febbraio 2018

MALTA

Un servizio di conforto

di Fra Mario Attard


alt

Nel mondo in cui viviamo, c’è un grandissimo bisogno del conforto. Non dimentichiamoci che oggi il deserto non è soltanto recato alle nostre città, come ha ben soffermato il grande Carlo Carretto, ma, in un modo particolare, il deserto si trova perfino alle nostre famiglie e comunità! È davvero brutto che questi nidi d’amore sono arrivati a questi livelli vergognosi! Ma chi può veramente darci quel conforto del quale realmente abbiamo bisogno? Nella sua omelia dell’1 settembre 2015, Papa Francesco ci insegna che una fede certa nell’incontro finale con Cristo più forte del dubbio e così salda da rallegrare ogni giornata, non si radica a suon di chiacchiere e futilità, ma nel “conforto” che i cristiani sanno darsi “a vicenda” in Gesù. Nel suo vangelo, Gesù concretamente ci conforta! Basta menzionare alcuni versi che Gesù stesso ci dice nei vangeli, specialmente in quello di Giovanni. Non sia turbato il vostro cuore. Abbiate fede in Dio e abbiate fede anche in me (Gv 14,1). Vi ho detto queste cose perché abbiate pace in me. Voi avrete tribolazione nel mondo, ma abbiate fiducia; io ho vinto il mondo! (Gv 16:33).

Si come noi, come cristiani, attraverso il battesimo che abbiamo ricevuto in Cristo, la nostra vera pace e consolazione, vive in noi, abbiamo con lui, in lui e tramite lui la sua missione di confortare gli altri. Questa missione ce la fa ricordare San Paolo nella sua seconda lettera ai Corinzi quando scrive: “Sia benedetto Dio, Padre del Signore nostro Gesù Cristo, Padre misericordioso e Dio di ogni consolazione, il quale ci consola in ogni nostra tribolazione perché possiamo anche noi consolare quelli che si trovano in qualsiasi genere di afflizione con la consolazione con cui siamo consolati noi stessi da Dio. Infatti, come abbondano le sofferenze di Cristo in noi, così, per mezzo di Cristo, abbonda anche la nostra consolazione. Quando siamo tribolati, è per la vostra consolazione e salvezza; quando siamo confortati, è per la vostra consolazione, la quale si dimostra nel sopportare con forza le medesime sofferenze che anche noi sopportiamo. La nostra speranza nei vostri riguardi è ben salda, convinti che come siete partecipi delle sofferenze così lo siete anche della consolazione (2 Cor 1,3-7)”.

Un signore maltese, Mario Cauchi, ha preso sul serio questo brano biblico. Infatti, Mario si è profondamente impegnato di consolare tante persone che soffrono in silenzio. Ogni giorno, Mario manda tanti messaggi a tante persone nei loro cellulari. Il bello è che lui fa questo servizio assai importante gratis. Quante persone si sentono incoraggiate proprio grazie a questi messaggi di grande incoraggiamento! Il servizio che Mario fa si chiama Way of Living (Modo di Vivere). A causa della grande domanda per questi messaggi, Mario li sta anche traducendo in italiano. Difatti, questo aureo servizio copre quelli che parlano il maltese, l’inglese e l’italiano. A Malta, Mario è anche un ospite televisivo presso un programma F’Living Show, condotto dal bravo presentatore e attore Karl Bonaci sull’emittente privata Favorite Channel TV.

Ecco alcuni dei messaggi che Mario manda quotidianamente a persone italiane che sono iscritte in questo servizio sia a Malta e anche in Italia: Molti argomenti possono essere evitati se impariamo che due persone possono vedere la stessa cosa, ma in due modi diversi. /È normale avere ‘dubbi’ nella nostra fede. Ma con la grazia di Dio possiamo travolgerli e crescere nella stessa fede. / Le persone potrebbero spingerti via e ignorarti a causa del tuo passato e dei tuoi errori. Ma Dio rimane SEMPRE al tuo fianco e non ti abbondonerà indipendentemente da quello che hai fatto. / La fede non deve essere sepolta in un linguaggio teologico e parole pompose, ma radicata nel modo in cui viviamo. / Il silenzio nelle nostre vite è molto importante. È il modo più efficace per disciplinare noi stessi e lasciare che Dio prenda il controllo. / La più grande tragedia non è la povertà... ma l’ISOLAMENTO e l’INDIFFERENZA l’uno verso l’altro”.

Un messaggio del genere non ti costa nulla, ma può costare la tua vita e anche alle persone che tu ami e vuoi un mondo di bene. Se vuoi iscriverti a questo servizio di consolazione manda un sms vuoto a questo numero: 0035699045605. Dài a te stesso e te stessa l’opportunità di essere consolato e consolata gratuitamente dal Signore dal conforto della tua casa o dal tuo posto di lavoro o divertimento. Condividi questo servizio con le persone angosciate che il Signore ti fa incontrare nel cammino della tua vita. Un messaggio confortante può ridarti la vita!


 


Altre Notizie su

Cultura e Società > Riflessioni






 
Partner
 
 
© 2011/18 - Filo Diretto News | Reg. Tribunale di Messina n° 4 del 25/02/2011 | Dir. Resp. Domenico Interdonato | Condirettore Armando Russo
Redazione - Via Felice Bisazza 44, 98122 Messina - P.Iva 02939580839