Oggi è 
 
 
   
Prima Pagina > Notizie > Messina > CittadinanzAttiva – Utilizzare al meglio le potenzialità della Zona a Protezione Speciale (Zps)

 martedì 9 gennaio 2018

MESSINA

CittadinanzAttiva – Utilizzare al meglio le potenzialità della Zona a Protezione Speciale (Zps)

di Redazione


alt

Il segretario provinciale di “CittadinazAttiva” Messina, presenti il segretario e il vice segretario regionali, Pippo Greco e Concetto Trifilò, e la responsabile regionale dell’Area socio-assistenziale/Enti locali, Angela Rizzo, ha convocato i componenti dell’esecutivo provinciale, Franco Providenti, coordinatore dei procuratori dei cittadini, Antonio Giardina, TDM-CnAMC, e Massimo Gambino, Giustizia per i Diritti, assente giustificata Lea Ilardo. Con la partecipazione di Enzo Terzi e di moltissimi altri volontari, si sono affrontati i problemi che affliggono l’Isola tutta e Messina, in particolare, Enzo Colavecchio e Saverio Tignino hanno sostenuto che per poter utilizzare al meglio le potenzialità della Zona a Protezione Speciale (Zps) e, contemporaneamente, dare un concreto aiuto all’economia cittadina, si ritiene utile estrapolare dal perimetro della Zps la superficie che ricomprende il centro urbano e gli abitati dei villaggi e spostare un’area equivalente nella zona collinare e montana che presenta i requisiti di naturalità e seminaturalità che interessano la Zps.

L’individuazione delle zone prima citate avverrà mediante lo studio del territorio eseguito da “Cittadinanza Attiva”, Ordine degli Architetti di Messina e Legambiente nell’auspicio di coinvolgere ed avere la fattiva collaborazione anche di altri Ordini Professionali, Associazioni di Categoria e altri attori locali. Così facendo, sarà possibile tutelare l’ambiente naturale veicolando su di esso i finanziamenti comunitari destinati alla salvaguardia e conservazione del territorio prevenendo i fenomeni di dissesto idrogeologico in zone a rischio (es. Giampilieri, attualmente esclusa dalla Zps) e consentire la ripresa del settore edile in ambiente urbano. Subito dopo è intervenuto Marco Bonanno che ha sottolineato le gravissime carenze nell’assistenza ai bambini autistici, nell’assoluto disinteresse delle istituzioni preposte, denunziando fatti che potrebbero avere rilevanza penale. Franco Providenti e Nino Quartarone hanno proposto che l’avv. Gambino, in base alla documentazione in possesso, valuti se esistono le condizioni per adire la magistratura penale.

Luigi Beninati, in ordine alla situazione economico finanziaria del Comune di Messina, ha manifestato preoccupazione poiché i bilanci presentati restano gravemente carenti e la posizione dell’Ente non emerge con la chiarezza che le norme prevedono, tanto da rendere complicato se non impossibile avviare un serio risanamento dell’Ente che pare avviato solo ad allungare una stagione di ulteriore carico di spesa corrente a fronte di tutta una serie di difficoltà strutturali per le quali poco o nulla si è concretamente fatto per invertire il trend negativo. Infine, su tutti gli argomenti posti, Convegno su assistenza sociale, situazione ambientale della Valle del Mela e di Milazzo, rete ospedaliera (documenti Giardina-Terzi), mancata realizzazione del polo oncologico di Eccellenza, porto di Tremestieri, etc., si è deciso di approfondire gli argomenti con i coordinatori delle AT interessate.


 


Altre Notizie su

Notizie > Messina






 
Partner
 
 
© 2011/18 - Filo Diretto News | Reg. Tribunale di Messina n° 4 del 25/02/2011 | Dir. Resp. Domenico Interdonato | Condirettore Armando Russo
Redazione - Via Felice Bisazza 44, 98122 Messina - P.Iva 02939580839