Oggi è 
 
 
   
Prima Pagina > Cultura e Società > Cinema e Teatro > L’ora di ricevimento: la solitudine del docente al tempo della globalizzazione

 giovedì 14 dicembre 2017

FIRENZE

L’ora di ricevimento: la solitudine del docente al tempo della globalizzazione

di Tiziana Santoro


alt

Attualmente, in scena presso il Teatro della Pergola di Firenze e, prossimamente, nei maggiori teatri d’Italia, trionfa Fabrizio Bentivoglio, interprete di “L’ora di ricevimento”, scritto da Stefano Massini e diretto da Michele Placido. L’attore, nei panni del professore di letteratura Ardeche, si deve confrontare con le problematiche della periferia multietnica di Tolosa e misurarsi con le esigenze crescenti e specifiche delle famiglie dei suoi alunni. Sotto la luce dei riflettori è la cattedra del docente, la sua funzione di educatore, il suo ruolo nella società, il codice di comunicazione e la funzione della letteratura ai tempi della globalizzazione.Bentivoglio esordisce con un monologo di 25 minuti in cui, nel vano tentativo di garantire un percorso di crescita ai propri alunni, prova empaticamente a coglierne le peculiarità e ad organizzarli in tipologie: primobanco beffato dalla società, fuggipresto pronto a dileguarsi immediatamente al suono della campana, panorama proiettato verso l’interno e disinteressato alla lezione, raffreddore perennemente debilitato e affaticato, rassegnato chiuso in se stesso, invisibile ignorato da tutti, la campionessa sempre sull’onda del successo, la missionaria pronta a sacrificarsi per il bene di tutti, l’adulto a cui è stata negata l’opportunità di vivere la propria infanzia, il cartoon perennemente inadeguato al contesto, il boss e il bodyguard bulli di classe.

Il professore Ardeche prova a tenerli in pugno, la sua missione è non perderne nemmeno uno. Sono loro i protagonisti e al tempo stesso i grandi assenti dal palcoscenico e dalla cittadinanza attiva: quegli alunni, figli della globalizzazione, che le istituzioni a fatica provano a educare e a coinvolgere in un progetto di crescita collettivo. Poi, ci sono i genitori: ciascuno chiuso entro il proprio particolarismo etnico, sociale e religioso. Diventano per il professore Ardeche “il cliente da accontentare”. Per il docente l’impresa diventa ardua, gli aspetti educativi secondari e superflui. L’arte, la poesia, l’insegnamento non interessano a nessuno, ciascuno è trincerato nella propria roccaforte e nella difesa delle propria particolare identità. Il sapere e la cultura non assolvo più alla loro missione: non trasmettono la bellezza, non sensibilizzano gli animi, non migliorano la società.

Il sapere e la tradizione letteraria diventano un codice inaccessibile agli studenti. Alle nuove generazioni, non mancano i mezzi per comunicare, manca però il codice, il logos che nella continuità storica ha distinto l’uomo dalla bestia. Il docente non può insegnare, deve piuttosto “aggiustare”, “mettere la pezza”, “evitare i disastri”, “far quadrare i bilanci”, “sopravvivere”. Ardeche deve riscuotere i soldi per far riparare il vetro infranto dal gesto sconsiderato di un alunno, concordare il menù multietnico per la gita, giustificare le sue scelte didattiche e i temi dell’insegnamento, evitare che i voti attribuiti durante le verifiche, interferiscano con le aspettative dei genitori. Ogni giorno, si ripete sempre uguale da trent’anni e, con lucida consapevolezza, Ardeche ammette: “La verità è che alla fine io perdo”. Il ruolo del docente si è esaurito, la letteratura e la bellezza non salveranno il mondo. Così, i riflettori si spengono sulla “saggezza indiana e indiana rassegnazione” di un uomo che è stato lasciato da solo e senza mezzi a combattere contro l’imbruttimento delle coscienze e della società.

Con l’ora di ricevimento, i riflettori mettono in luce la crisi dei valori tradizionali, ma anche l’indifferenza delle famiglie e della società verso generazioni di giovani che diventano sempre più evanescenti, invisibili, inadeguati a fornire delle proposte utili alla cittadinanza. È nel confronto tra Ardeche e l’alunno invisibile che si consuma la vera tragedia, quella dei giovani senza risorse, che non sanno trasformare la loro rabbia personale in benzina per costruirsi un futuro e fornire risposte utili alle problematiche dei nostri tempi. Rimane solo la vendetta da consumarsi proprio verso quel professore che – lasciato da solo, con la propria tradizione e i propri pochi mezzi – non ha potuto dissipare paure, realizzare desideri e contrastare l’esclusione sociale. Soluzioni? Nessuna soluzione, sulla solitudine del docente cinico, disincantato e sofferente si spengono le luci e si chiude il sipario. Che la riflessione abbia inizio, dunque, a luci accese e lontano dalla scena.


 


Altre Notizie su

Cultura e Società > Cinema e Teatro






 
Partner
 
 
© 2011/18 - Filo Diretto News | Reg. Tribunale di Messina n° 4 del 25/02/2011 | Dir. Resp. Domenico Interdonato | Condirettore Armando Russo
Redazione - Via Felice Bisazza 44, 98122 Messina - P.Iva 02939580839