Oggi è 
 
 
   
Prima Pagina > Notizie > Regionali > Agrigento, imprenditorialità giovanile per il riutilizzo sociale dei beni confiscati alle mafie

 venerdì 17 novembre 2017

CONTRO LA MAFIA

Agrigento, imprenditorialità giovanile per il riutilizzo sociale dei beni confiscati alle mafie

di Redazione


alt

L’Associazione “Libera. Associazioni nomi e numeri contro le mafie” promuove un percorso sull’educazione all’imprenditorialità giovanile, la cooperazione e l’economia civile, attraverso la valorizzazione del patrimonio locale, con particolare riferimento al riutilizzo sociale dei beni confiscati alle mafie. I destinatari sono 10 giovani del territorio, in particolar modo facenti parte di cooperative sociali, costituite o in via di costituzione, che attraverso laboratori didattici, lezioni frontali, esperienze sul campo e incontri con testimoni privilegiati potranno sviluppare progetti innovativi d’impresa sociale per lo sviluppo locale.

Il progetto, più in generale, vuole promuovere l’occupazione, l’imprenditoria e la cooperazione sociale giovanile attraverso la valorizzazione di beni pubblici, con l’obiettivo specifico di ridurre il numero di giovani disoccupati residenti nella provincia di Agrigento, coinvolgendoli in attività mirate alla promozione del lavoro autonomo e alla creazione d’impresa valorizzando e usufruendo del bene confiscato alla mafia sito in contrada Robadao a Naro.Tra le altre attività previste dal progetto ci sarà l’attivazione di uno spazio di coworking, un incubatore di imprese in grado di fornire le competenze, abilità e il network di relazioni indispensabili all’avvio di un’attività nell’ambito dell’imprenditorialità sociale, con particolare attenzione all’ambito agricolo biologico.


 


Altre Notizie su

Notizie > Regionali






 
Partner
 
 
© 2011/18 - Filo Diretto News | Reg. Tribunale di Messina n° 4 del 25/02/2011 | Dir. Resp. Domenico Interdonato | Condirettore Armando Russo
Redazione - Via Felice Bisazza 44, 98122 Messina - P.Iva 02939580839