Oggi è 
 
 
   
Prima Pagina > Notizie > Polizie e Forze Armate > L’esercito ricorda Caporetto con un’esibizione delle bande e fanfare militari

 martedì 24 ottobre 2017

MEMORIA STORICA

L’esercito ricorda Caporetto con un’esibizione delle bande e fanfare militari

di Redazione


alt

Da Udine a Trapani, passando per Bologna, Pisa, Roma, Cosenza e per molte altre province d’Italia, decine di fanfare e bande militari dell’Esercito Italiano si sono esibite tutte e contemporaneamente alle ore 19.00 di oggi, per ricordare, sulle note del “Silenzio d’ordinanza”, il Centenario della Battaglia di Caporetto. Anche in Sicilia, la Banda della Brigata “Aosta” a Messina e la Fanfara del 6° Reggimento Bersaglieri a Trapani hanno ricordato Caporetto, esibendosi nel cuore delle due Città al suono di clarinetti e ottoni. Il flash-mob, organizzato dallo Stato Maggiore dell’Esercito, è legato alle commemorazioni del Centenario della Grande Guerra per l’anno 2017 e ha voluto ricordare il legame profondo tra i militari di oggi e le generazioni di soldati italiani che cento anni fa si sono immolati per la Patria e nel segno del quale hanno creduto e combattuto.

Il Capo di Stato Maggiore dell’Esercito, nel tratteggiare le attività in cui oggi è impegnata la Forza Armata, ha dettoLa scelta di servire l’Esercito significa essere pronti a mettersi in gioco, con orgoglio e convinzione, per la comunità nazionale, per l’Italia e, soprattutto, per i valori democratici che essa difende e promuove a favore degli ultimi e degli indifesi in ogni parte del mondo”. Il 2017 è il terzo anno dedicato alle commemorazioni per il Centenario della Grande Guerra. Così come avvenuto negli anni scorsi con “L’Esercito marciava…” e “L’Esercito combatte”, la Forza Armata ha voluto realizzare una serie di attività ed eventi su tutto il territorio nazionale volti a favorire presso le giovani generazioni e verso cittadinanza in generale, la conoscenza dell’evento bellico che ha segnato la nostra nazione e ha contribuito alla costruzione dell’identità nazionale.

Il 1917 fu l’anno della ritirata di Caporetto, della crisi economica, il periodo più duro della guerra, ma fu anche l’anno in cui l’Esercito Italiano dimostrò una grande capacità di resistenza, l’anno in cui fu costituita la linea di difesa lungo il Piave, punto di partenza e chiave di volta della successiva vittoria della guerra. Da qui, l’idea di chiamare il progetto generale delle attività legate alla commemorazione della Grande Guerra per il 2017 “L’Esercito rESISTE”, perché oggi come ieri, l’Esercito “esiste”, “resiste” nel tempo e “continua” la sua opera di difesa della Patria e per la sicurezza dei cittadini.


 


Altre Notizie su

Notizie > Polizie e Forze Armate






 
Partner
 
 
© 2011/17 - Filo Diretto News | Reg. Tribunale di Messina n° 4 del 25/02/2011 | Dir. Resp. Domenico Interdonato | Condirettore Armando Russo
Redazione - Via Felice Bisazza 44, 98122 Messina - P.Iva 02939580839