Oggi è 
 
 
   
Prima Pagina > Sociale > Associazionismo > “Terremoti di Carta”, quando le scosse sono di carta

 sabato 21 ottobre 2017

DECIMA EDIZIONE

“Terremoti di Carta”, quando le scosse sono di carta

di Nicola Antonazzo


alt

Con il mese di ottobre, riprende la nuova stagione dei laboratori dell’Associazione Culturale “Terremoti di Carta”. Giunti, ormai, alla 10a Edizione i laboratori di scrittura creativa e lettura consapevole si propongono, ancora una volta, come esperienza di creatività e condivisione artistica. Non una scuola, quella proposta dall’Associazione, né tantomeno un corso dove imparare a scrivere attraverso sofisticate tecniche di composizione. Lo spirito associativo che spinge a offrire e condividere quest’esperienza culturale sta tutto nella ricerca di una relazione più profonda tra e con tutti gli amanti della cultura nelle sue più svariate espressioni. Le iniziative dell’Associazione si muovono sulla scia del Manifesto di impegno culturale e creativo del Movimento “Bombacarta”, una rete di persone e associazioni culturali, nata alla fine degli anni ‘90 dal gesuita messinese Antonio Spadaro, da cui traggono ispirazione e di cui sono una delle espressioni più significative in riva allo Stretto (l’altra raccoglie gli associati di “Pietre di Scarto” che da anni si riuniscono a Reggio Calabria).

Da questo Manifesto e dalle esperienze condivise a livello nazionale con le altre associazioni del movimento, si è rafforzato e consolidato negli anni uno stile culturale nuovo. Quello dei Terremoti (e di Bombacarta) è, infatti, un progetto culturale che guarda all’espressione creativa come momento di collaborazione, amicizia e solidarietà. Un movimento culturale che vede l’espressione artistica come un evento di autentica comunicazione di ciò che è più umano nell’uomo. Quello laboratoriale diventa sì esercizio e sperimentazione, ma tende ad andare oltre promuovendo, attraverso il lavoro all’interno di vere e proprie officine culturali, uno scambio di idee ed esperienze, attraverso il reciproco contributo costruttivo al lavoro del singolo. L’opera così realizzata, sia essa una poesia o una prosa, diventa un lavoro a più mani e patrimonio collettivo.I primi laboratori di quest’anno vengono ospitati dalla libreria “Doralice” (Via Consolare Pompea) hanno cadenza quindicinale e si protrarranno fino alla fine di novembre. L’Associazione dispone di un sito (www.terremotidicarta.it) e attraverso “scosse” periodiche aggiorna associati e non sulle iniziative in programma.


 


Altre Notizie su

Sociale > Associazionismo






 
Partner
 
 
© 2011/17 - Filo Diretto News | Reg. Tribunale di Messina n° 4 del 25/02/2011 | Dir. Resp. Domenico Interdonato | Condirettore Armando Russo
Redazione - Via Felice Bisazza 44, 98122 Messina - P.Iva 02939580839