Oggi è 
 
 
   
Prima Pagina > Cultura e Società > Media > Giulio Scarpati, il nostro caro “Medico in Famiglia” si racconta per “FiloDirettoNews”

 giovedì 28 settembre 2017

L’INTERVISTA

Giulio Scarpati, il nostro caro “Medico in Famiglia” si racconta per “FiloDirettoNews”

di Maria Schillaci


alt

Tutto ebbe inizio, per caso, quando ad appena 12 anni debuttò al “Teatro delle Muse” di Roma in Passo Falso. Da lì, pian piano scoprì il suo amore, sempre più forte per la recitazione. A 16 anni, fu al fianco di Elsa de Giorgi in Sangue+fango=Logòs Passione. Vinse il biglietto d’oro a Taormina per “Orfani”, poi, il Premio come miglior attore emergente ed esordiente. Lo vediamo anche in Dostoievskij, Koltès... e altri importanti spettacoli teatrali.

Al cinema, grazie a Roma, Paris, Barcellona vince il Premio “De Sica”, il Sacher d’oro come migliore attore in Mario, Maria e Mario... tra i prestigiosi premi anche L’Efebo d’oro e il David di Donatello come protagonista de “Il giudice ragazzino”. Diventa, poi, famosissimo grazie al ruolo del medico più famoso d’Italia che ha conquistato ogni famiglia, tenendola incollata alla Tv. Stiamo parlando proprio di lui, Giulio Scarpati, il dottor Lele in “Un Medico in Famiglia” che ha risposto a delle domande (nonostante la grande folla di fans) con tanta gentilezza, simpatia, nella sua diretta speciale tramite Facebook. Giulio Scarpati, attore anche in Cugino e Cugino, la famiglia in Giallo, “L’uomo della Carità”, Don Zeno (e altri capolavori) e docente presso la sua Scuola di Recitazione Percorsi d’Attore, si racconta con amore, con passione per i lettori di “FiloDirettoNews”, facendoci viaggiare a bordo delle sue emozioni d’attore.

Qual è la “scintilla” che ti ha fatto capire di voler diventare attore?

Avevo un’attitudine, mi piaceva fare l’attore. Come capita, spesso, nel nostro campo... uno è timido e quando recita si sente più ‘protetto’ dal fatto che non sei tu. Questo, sicuramente, mi ha spinto. Quello che mi ha convinto è stato quando sul palcoscenico ho provato la sensazione di essere completamente a mio agio nel raccontare un personaggio e il pubblico seguiva perfettamente tutte le emozioni che raccontavo. Questo ti dà una felicità enorme, impagabile e quando la provi non vuoi smettere mai!”.

Cosa ami del tuo noto personaggio Lele di Un Medico in Famiglia?

Forse la sua capacità di saper ascoltare le persone. È una caratteristica vincente del personaggio. Non a caso, tutti si confidavano con lui. Gli confidavano preoccupazioni, pensieri, difficoltà. È una persona che dà fiducia... senti di potergli affidare un tuo problema, per questo, spesso, si trova nei ‘casini’ , perché doveva dar retta un po’ a tutti”.

Puoi mandare un saluto speciale a tutti i lettori di FiloDirettoNews?

Un Ciao a tutti i lettori di ‘FiloDirettoNews’ e... andiamo avanti!” (Sorride)


 


Altre Notizie su

Cultura e Società > Media






 
Partner
 
 
© 2011/17 - Filo Diretto News | Reg. Tribunale di Messina n° 4 del 25/02/2011 | Dir. Resp. Domenico Interdonato | Condirettore Armando Russo
Redazione - Via Felice Bisazza 44, 98122 Messina - P.Iva 02939580839