Oggi è 
 
 
   
Prima Pagina > Notizie > Messina > Metti una sera a bordo con la Guardia di Finanza

 lunedì 7 agosto 2017

MESSINA IN FESTA SUL MARE

Metti una sera a bordo con la Guardia di Finanza

di Tiziana Santoro


alt

In occasione delle celebrazioni del 446° Anniversario dello Sbarco di Don Giovanni d’Austria, una volenterosa troupe di giornalisti, sotto la guida del capo Ufficio stampa del Network “Sulle Rotte di Lepanto”, Domenico Interdonato, è stata accolta a bordo della motovedetta della Guardia di Finanza G103 Trezza.A fare gli onori di casa è il ten. col. Salvatore Valea. Tutte le professionalità della Guardia di Finanza sono pronte ad accoglierci. L’impresa da condividere è navigare sulle acque dello Stretto fiancheggiando il veliero la “Signora del Vento” sino alla riviera, dove le contrade storiche di Paradiso, Pace, Grotte e Case Basse si misurano in una prova di velocità tra le onde.

Dopo l’emozionante imbarco, il clima a bordo diventa subito conviviale e collaborativo. Mentre Domenico Interdonato ci concede qualche indiscrezione sulle edizioni precedenti del Corteo Storico Navale che ricorda l’impresa della Cristianità a Lepanto, i giornalisti s’intrattengono con l’equipaggio. Sono tutti molto professionali e attenti alla nostra sicurezza, la motovedetta “corteggia” i fianchi della Signora del Vento, senza mai perderla di vista. Oggi, la signora delle acque dello Stretto è lei, con a bordo la rappresentanza del corteo storico. In un clima di lavoro e al contempo di festa, ci immergiamo nel paesaggio dello Stretto, cinti nell’abbraccio della Madonnina del Porto, a ogni passo sempre più vicina a noi. In contemporanea, imbarcati sul pattugliatore veloce P.V. 04 “Avallone”, al comando del capitano Giovanni Romeo, era presente un altro gruppo di giornalisti.

Approfittiamo dell’accoglienza dei membri dell’equipaggio per discutere con loro della vita condotta per mare, del delicato compito che sono chiamati a svolgere nelle nostre acque. Il pensiero torna a quella gelida notte del gennaio del 2007, quando una nave, speronando lo scafo in transito, ha causato 4 vittime e messo a dura prova le professionalità della Guardia di Finanza. La notte, il moto ondoso, il panico della folla: un’impresa da gestire per riportare in salvo i passeggeri. Una straordinaria giornata in cui la Guardia di Finanza ha dovuto fare appello a tutte le sue forze per mettere tutti in sicurezza, perché il mare, sì sa – prosegue il racconto dell’equipaggio – non perdona chi si sente sicuro sulle sue rotte e il pericolo è sempre un’incognita da considerare. Nonostante la commozione per il racconto che a lungo ha coinvolto gli animi dei presenti e della cittadinanza, che ha seguito lo svolgimento della tragedia attonita e impotente, l’equipaggio ha smorzato gli animi riportandoci al nostro presente di festa. Proprio perché di festa si tratta, il ten. col. Valea e l’equipaggio hanno concesso a noi tutti uno strappo alla regola: un rinfresco sotto coperta che ci ha avvicinato in modo conviviale gli uni agli altri.

Al centro della conversazione, questa volta, è il Mare Nostrum, l’apprensione per i migranti economici e per i richiedenti asilo. L’emozione degli sbarchi vista con gli occhi di Domenico Interdonato, che ci racconta della compostezza e del terrore di una donna col cappello, la quale con grazia e dignità infinita ha toccato il nostro suolo recando negli occhi il dramma della guerra e del viaggio incerto. Il ten. col. Valea ha sottolineato le significative responsabilità e l’impegno della Guardia di Finanza che è chiamata a operare sia per la messa in sicurezza delle rotte, sia per salvare i profughi e disciplinare il loro arrivo. Il clima in cui la Guardia di Finanza compie i suoi quotidiani ed eroici interventi è quello delle tensioni politiche tra governo e opposizione, che certamente richiedono molta diplomazia, discrezione e tanta umanità.

Dalla “Signora del Vento”, l’immagine che mi viene restituita adesso capovolge gli eventi: per un attimo non siamo più noi a rendere omaggio a Don Giovanni d’ Austria, ma sembra quasi che l’eroe della Cristianità si inchini al cospetto dei moderni eroi dello Stretto, che si misurano silenziosamente con le difficoltà quotidiane, dando prova di professionalità e umanità a difesa delle nostre coste, ma sempre pronti a praticare l’accoglienza.


 


Altre Notizie su

Notizie > Messina






 
Partner
 
 
© 2011/17 - Filo Diretto News | Reg. Tribunale di Messina n° 4 del 25/02/2011 | Dir. Resp. Domenico Interdonato | Condirettore Armando Russo
Redazione - Via Felice Bisazza 44, 98122 Messina - P.Iva 02939580839