Oggi è 
 
 
   
Prima Pagina > Notizie > Messina > VIII Raduno regionale A.S.A.S. “Tra arte e tradizioni pietrine”

 domenica 23 luglio 2017

PIETRAPERZIA

VIII Raduno regionale A.S.A.S. “Tra arte e tradizioni pietrine”

di Redazione


alt

Con la programmazione dei propri eventi l’“A.S.A.S.” intende recuperare le tradizioni siciliane del passato, di grande valore anche nel mondo attuale, facendo incontrare l’arte poetica e pittorica con la natura, le tradizioni e le bellezze artistiche della Sicilia e di Messina, al fine di rivalorizzare e porre all’attenzione pubblica i luoghi artistici, monumentali e naturalistici e per favorire un ulteriore interscambio culturale tra i vari poeti e artisti, saldando nuovi legami di amicizia e conoscenza tra i partecipanti. Con l’VIII Raduno regionale comprendente il recital poetico dei partecipanti e la mostra collettiva di pittura, che sarà allestita con la collaborazione dell’“Archeoclub” di Pietraperzia dal 20 al 24 settembre 2017 nel Chiostro dell’ex Convento di Santa Maria del Gesù di Pietraperzia, si visiteranno i palazzi e le chiese del borgo pietrino, il santuario Madonna della Cava e il Castello Barresio-Branciforte che racconta la sua storia millenaria testimoniata da insediamenti umani sparsi nei ben 50 siti preistorici del suo territorio: come quello esistente in località di Cuddaru d’ Crastu (Tornabé-Mercato d’Arrigo), una fortezza in parte intagliata nella pietra che ha restituito ceramiche della Cultura di Castelluccio. Secondo recenti studi, tale sito corrisponde all’antica Città di Krastos, dove nacque il fondatore della commedia greca, il filosofo e poeta Epicarmo.

L’antica Petra fu popolata dai Sicani, che controllavano i bacini dei fiumi Himera inferiore e del Salso, dalla sua “porta” d’ingresso costituita da Sabucina e Capodarso, su cui Petra domina come una fortezza. In questa località, fu trasferita la popolazione di una colonia di Siracusa in Calabria chiamata Caulonia. Petra è citata da Cicerone nelle Verrine. Si evidenziano: - i Palazzi Tortorici e Deliella, progettati dall’arch. Ernesto Basile e del governatore; - la Chiesa Santa Maria del Gesù; - la Tilèdda, esposta nei locali del Teatro Santa Margherita; - la Chiesa del Rosario con l’ex Convento dei Domenicani (Municipio); - il prezioso crocifisso ligneo della Chiesa della Caterva; - la Chiesa Madre con i sarcofagi marmorei della Famiglia Barresi, scolpiti dai Gagini nel 1523, e la pala d’altare di Filippo Paladini; - la Chiesa dedicata a Maria SS. del Soccorso detta del Carmine ove si pratica il culto di “Lu Signuri di li fasci”.


 


Altre Notizie su

Notizie > Messina






 
Partner
 
 
© 2011/17 - Filo Diretto News | Reg. Tribunale di Messina n° 4 del 25/02/2011 | Dir. Resp. Domenico Interdonato | Condirettore Armando Russo
Redazione - Via Felice Bisazza 44, 98122 Messina - P.Iva 02939580839