AVVISO: Questo sito a breve non sarà più raggiungibile, Filo Diretto News con le sue notizie ed i suoi servizi sono disponibili al nuovo indirizzo web: www.filodirettonews.it
Oggi è 
 
 
   
Prima Pagina > Cultura e Società > Spettacolo e Tv > Quella lunga serata con Fiorella Mannoia

 venerdì 7 luglio 2017

IL TACCUINO DI NUCCIO FAVA

Quella lunga serata con Fiorella Mannoia

di Nuccio Fava


alt

Non era proprio previsto che andassi all’Auditoriom Parco della Musica. Volevo, anzi, tornare in serata stessa nella mia casa tra Orvieto e Bagnoregio per ritrovare quiete e silenzio, ormai impossibili a Roma anche a notte fonda. Fiorella regge magnificamente la scena, la sua voce ed energia restano quelle degli inizi. Smuove emozioni profonde che ti restano dentro, ma anche riflessioni e pensieri. Che in qualche modo ti accompagnano e ti spingono a unirti al canto e a danzare: lo fanno in tanti sulle gradinate della Cavea dell’Auditorium, specie ragazze e ragazzi.L’atmosfera è quella della festa alla quale Fiorella si rivolge “Mi sento a casa mia in ogni parte d’Italia, ma Roma è una patria davvero speciale. Sono con la testa sotto i vostri piedi”. Non si sente in competizione con il grande raduno di Modena per Vasco Rossi, coperto in diretta dalla Rai.

Un’artista come Fiorella Mannoia non ama raffronti fuori luogo, prosegue per la sua strada, arricchendo di continuo la sua ricerca musicale e civile. Lo si è visto con il secondo posto raggiunto in quel grande baraccone che è diventato Sanremo. Il nuovo direttore generale, dopo il contratto a Fazio, ha promesso ogni sforzo per assicurarsi Benigni e affidare alla Clerici la conduzione del festival. Speriamo ci sia risparmiata la sezione speciale dei bimbi sotto i dieci anni e un “angolo del cuoco” riservato agli stessi concorrenti.Di poltiglie siffatte la Mannoia non è mai stata responsabile, gelosa della sua ispirazione genuina, del suo fluire canoro che mette gaiezza e sollecita anche “presenza e impegno”. Da qualche anno, Fiorella è promotrice di “Progetto Axé Italia”, una Onlus che appoggia una ONG con sede a Salvador de Bahia, sensibilizzando e affrontando l’enorme tema dell’educazione dei “bambini di strada”. Un progetto educativo ormai trentennale, di grande valore etico-civile anche nel nostro Paese: si pensi alla grave quota di dispersione scolastica, non solo nei quartieri degradati di Napoli, ma almeno in tutto il Centro Sud e alle nuove e crescenti emergenze per il dramma dell’immigrazione, gli zingari e i tanti senza lavoro e senza tetto.

Fiorella, nel suo album, si dedica a questa frontiera, intitolandolo appunto “Combattente”. Lo svolge con ardore e in modo affascinante, ma vale anche come invito a ciascuno di noi per prendere posizione. Non voltandosi altrove, impegnandosi, concretamente, per una società migliore e più giusta. A partire dai ragazzi di strada e dal loro principale bisogno che è quello di essere accompagnati in un originale e singolare percorso educativo, che li renda sempre più essere umani liberi e maturi.


 


Altre Notizie su

Cultura e Società > Spettacolo e Tv






 
Sostenitori
 
 
© 2011/22 - Filo Diretto News | Reg. Tribunale di Messina n° 4 del 25/02/2011 | Dir. Resp. Domenico Interdonato | Condirettore Armando Russo
Redazione - Via S. Barbara 12, 98123 Messina - P.Iva 02939580839