Oggi è 
 
 
   
Prima Pagina > Notizie > Nazionali > Un “bullo” in fuga si fa male da sé. “Insieme” di Pisapia e Bersani piace anche al Sud

 lunedì 3 luglio 2017

IL TACCUINO DI NUCCIO FAVA

Un “bullo” in fuga si fa male da sé. “Insieme” di Pisapia e Bersani piace anche al Sud

di Nuccio Fava


alt

La definizione di Renzi “bullo” non l’avevo mai sentita. Però, vedendolo arringare, con la solita foga, l’Assemblea dei circoli a Milano mi è parsa plausibile. L’ha inventata il solito Giampaolo Pansa, cronista di punta dei maggiori quotidiani e specialista, nelle sue numerose incursioni nella cronaca politica, di definizioni memorabili: la “balena bianca”, riferita alla Dc fu utilizzata da molti colleghi indicante, in fulminante sintesi, la complessità ed enormità dell’enorme corpaccione tratto dalla metafora di Melville. Si deve a Pansa anche “cavalli di razza”, riferiti a Moro e Fanfani, descritti in eterna contesa, ma anche in qualche modo collaborativi, perfino, nella complessa strategia della solidarietà nazionale che procurò a Moro quella barbara fine per mano dei brigatisti. Raccolgo impressioni, rigorosamente anonime, di un avvocato di Matera reduce dall’assemblea di Piazza Santi Apostoli, evidente la sua fisionomia meridionale che ricorda personaggi alla Montalbano.

Non so come abbiamo cominciato a chiacchierare – forse è stato lui a sfogarsi – aveva una gran voglia di parlare, perché era venuto apposta a sentire Bersani e Pisapia: una sorta di ultima spiaggia, ultima speranza per uscire dal renzismo e salvare l’Italia e l’Europa. La passione politica era evidente, ma ancora maggiore la delusione per come era stato ridotto il Pd. Definiva una “parata” inutile l’incontro milanese dei circoli Pd, vergognoso servilismo l’atteggiamento dei suoi sostenitori: senza Pd non c’è centrosinistra, senza Renzi capo non si va da nessuna parte. Secondo l’occasionale interlocutore lucano, non c’era alcuna attenzione critica, nessuna volontà a un qualche dialogo, ma solo: “gli altri convergano e si aggiungano alla strategia renziana”. Ancora una volta, del tutto ignorata la batosta del referendum, la sconfitta sonora alle amministrative, le gravi beghe per la Consip e l’improvviso mutamento propagandistico operato da Minniti sui migranti.

Un radicale pessimismo “cosmico” quello del mio interlocutore di Matera, che non nasconde, però in alcun modo, la sua invincibile passione civile. L’urgenza di promuovere una nuova politica che riesca a farsi capire anche dalle persone semplici, dal cittadino qualunque, soprattutto dai giovani e le loro famiglie preoccupate del futuro. Non si può continuare a fare demagogia con i bonus, a parlare qualunquisticamente di meno tasse per tutti, di favori alle banche, nemmeno raccontati con chiarezza e come indispensabili all’opinione pubblica. Sembra un fiume in piena l’avvocato di Matera. Faccio appena in tempo a chiedergli di Piazza Santi Apostoli, l’ex sindaco di Milano e l’ex segretario Pd gli sembrano persone vere, non usano effetti speciali, non tentano la caricatura mal riuscita di un obamanismo. Serve, prima di tutto, dare credibilità alla politica, sollecitare un impegno largo e diffuso, specie da parte dei giovani, dai tanti esclusi che non votano e vorrebbero una società migliore e più giusta.

In questa direzione, sarà forse possibile recuperare i tanti smarriti, molti dei delusi scomparsi per strada. Anche il maggior numero di quelli che hanno votato “no” al referendum costituzionale di Renzi, anche tra le fila della Lega, di Forza Italia e 5Stelle. La proposta di Piazza Santi Apostoli deve rivolgersi a tutti, senza subire ammucchiate di alcun genere e mantenendo chiara la lontananza da Berlusconi. Impresa molto difficile, anche perché stampa e tv non aiutano a far ragionare le persone, ma bene che vada raccontano uno sconfortante siparietto da opera dei pupi. Rocco Scotellaro e Carlo Levi, e molti altri intellettuali potrebbero aiutare, grandemente, ad allargare la mente e aprire nuovi orizzonti. Anche una seria rilettura di Moro e Berlinguer, dei loro disegni ideali e strategici potrebbe aprirci a una nuova fase di politica per la gente, come si diceva allora, puntando a superare quel “bipartitismo imperfetto” su cui rifletteva Giorgio Galli sul Mulino già negli anni ‘60. Non guardando indietro, tuttavia, ma sapendo interpretare le sfide dell’oggi che sono Europa e migranti. Non certo temi affrontati, adeguatamente e con sufficiente consapevolezza, anche da parte dell’Italia e del suo estroso ministro degli Interni.


 


Altre Notizie su

Notizie > Nazionali






 
Partner
 
 
© 2011/17 - Filo Diretto News | Reg. Tribunale di Messina n° 4 del 25/02/2011 | Dir. Resp. Domenico Interdonato | Condirettore Armando Russo
Redazione - Via Felice Bisazza 44, 98122 Messina - P.Iva 02939580839