Oggi è 
 
 
   
Prima Pagina > Notizie > Pr. Nebrodi > Mons. Guglielmo Giombanco incontra i giovani

 martedì 27 giugno 2017

CARONIA

Mons. Guglielmo Giombanco incontra i giovani

di Santina Folisi


alt

Prima visita a Caronia di mons. Guglielmo Giombanco, vescovo della Diocesi di Patti, consacrato da due mesi circa, in occasione del conferimento del sacramento di Cresima che ha interessato trenta giovani di cui diciannove della Parrocchia di S. Nicolò di Bari e undici della Parrocchia Maria SS. Annunziata della Cittadina nebroidea. Sabato scorso, infatti, nella Chiesa Madre del centro, si è svolta la liturgia e durante la celebrazione eucaristica serale, presieduta dallo stesso vescovo, concelebrata dall’arciprete don Antonio Cipriano e da don Basilio Scalisi, si è svolto il rito della Confermazione.

Il parroco, dopo l’accoglienza e il saluto al vescovo, ha esternato la grande gioia proprio nel giorno di grazia e di festa, per il “regalo” della sua presenza nella comunità di Caronia, unita per amministrare il sacramento della Confermazione. Quindi, ha presentato i giovani che, negli anni, hanno appreso le verità di fede e che con la Cresima ne testimonieranno la presenza di Cristo, di cui invoca il dono dello Spirito Santo, su di loro e sulla comunità caronese “rendendola un cuor solo e un’anima sola”. Ai giovani, infatti, ha augurato che, con la confermazione dinnanzi alla comunità essi rafforzino la fede già ricevuta nel battesimo e la custodiscano durante il cammino. Suor Rosa, in nome del gruppo catechisti, ha tracciato, invece, il percorso cristiano dei giovani effettuato negli anni, fino alla confermazione che “apre il vero cammino di inserimento nella comunità cristiana come adulti nella fede” con l’auspicio che con costanza possano testimoniare Gesù misericordioso. Poi, a mons. Giombanco, ha assicurato il ricordo nella preghiera.

Emozionante e tenero il primo “cordiale e fraterno saluto” a tutti, in particolare ai cresimandi, rivolto dal Vescovo che si è soffermato sul sacramento della Confermazione, con cui questi ultimi riceveranno il dono dello Spirito Santo, effuso su di loro e su tutta la comunità. Poi, nell’omelia ha evidenziato la “felice circostanza liturgica della solennità della natività di San Giovanni Battista”, autentico modello, di testimonianza di fede umana e cristiana. Infine, ha augurato la felicità, che non va ricercata nelle cose “che affannosamente cerchiamo e ci appagano”, ma nel proprio cuore con la gioia della preghiera che è “respiro di fede”, nel dialogo e presenza continua con Dio. Quindi, dopo il rinnovo delle promesse battesimali, il monsignore ha proceduto all’imposizione delle mani e alla crismazione dei giovani, tra canti e preghiere. Conclusa la celebrazione eucaristica con la benedizione ai fedeli, il vescovo, nel prendere la via di ritorno verso la diocesi, ha salutato, affettuosamente, con una stretta di mano i fedeli e quanti ancora in chiesa.


 


Altre Notizie su

Notizie > Pr. Nebrodi






 
Partner
 
 
© 2011/17 - Filo Diretto News | Reg. Tribunale di Messina n° 4 del 25/02/2011 | Dir. Resp. Domenico Interdonato | Condirettore Armando Russo
Redazione - Via Felice Bisazza 44, 98122 Messina - P.Iva 02939580839