AVVISO: Questo sito a breve non sarà più raggiungibile, Filo Diretto News con le sue notizie ed i suoi servizi sono disponibili al nuovo indirizzo web: www.filodirettonews.it
Oggi è 
 
 
   
Prima Pagina > Cultura e Società > Arte e Letteratura > “Percorsi della Memoria”: Messina prima, durante e dopo il terremoto

 mercoledì 7 giugno 2017

MESSINA

“Percorsi della Memoria”: Messina prima, durante e dopo il terremoto

di Tiziana Santoro


alt

Lo scorso 20 maggio è stata inaugurata, con successo di pubblico, la mostra sensoriale “Percorsi della memoria”. L’iniziativa, a cura dell’Associazione culturale “Art Revolution” e sotto la direzione artistica di Gabriella Sorti, è inserita nel progetto “Messina 28/12/2016, la Rinascita”. Hanno contribuito alla realizzazione dell’evento gli Enti a sostegno dell’“ARSS”, l’Assessorato regionale ai Beni Culturali, il Teatro “Vittorio Emanuele”, il Conservatorio “Corelli” e la Sovrintendenza col patrocinio dell’Ordine degli Architetti e del Comune di Messina. La mostra è stata fruibile ai cittadini sino all’1 giugno, nel foyer del Teatro “Vittorio Emanuele”. Ciascuno spazio espositivo costituisce un ambiente unico, in cui si susseguono momenti e racconti diversi.

Il direttore artistico ha, sapientemente, ricostruito, attraverso immagini, allestimenti, percorsi sonori, un “racconto intimo” che mette a fuoco le storie personali, i sentimenti, il patos emotivo dei cittadini che sono stati attori e protagonisti del tragico sisma del 1908. Era la notte di un lontano 28 dicembre quando un violento mare-moto, con epicentro tra Scilla e Cariddi, si abbatteva sulle Città di Messina e Reggio Calabria, causando la morte di circa 50/100 mila persone. L’intensità del sisma, rispondente al 10° grado della scala Mercalli, oltre al danno architettonico, ha segnato una ferita indelebile nel cuore e nelle menti dei cittadini coinvolti. Ancora oggi, attraverso numerose iniziative culturali, si tenta di ristabilire una continuità tra passato e presente, tra tradizione perduta e istanze di rinascita in progresso.

La mostra “Percorsi della memoria” si è prefissa questa difficile meta attraverso diverse tappe: muove, infatti, dal giorno antecedente al sisma, indugia sul racconto delle attività, degli usi e dei costumi tipici della comunità messinese prima della tragedia; successivamente, pone l’accento sul sisma e sull’impatto distruttivo che esso ha avuto sulla psiche della popolazione; l’ultimo significativo passaggio riguarda la ricostruzione: la gara di solidarietà, gli aiuti, le nuove istanze di rinascita. Il messaggio che veicola è attualissimo, ancora oggi la Città di Messina, ferita nella sua identità, fatica a “ricostruire se stessa”, ad ancorare giovani competenti, che troppo spesso emigrano per trovare fortuna e successo altrove. Pertanto, le iniziative correlate alla mostra coinvolgono i giovani talenti delle scuole della Città dello Stretto, gli alunni talentuosi sono stati invitati a realizzare opere pittoriche e disegni attraverso cui illustrare i “luoghi della memoria” segnati dalla furia del terremoto e modificati dai provvedimenti architettonici e urbanistici successi. Il 29 maggio, presso la Galleria “Vittorio Emanuele”, si è tenuto il convegno sui “Percorsi della memoria”. In chiusura, sono stati premiati gli alunni più meritevoli, le cui opere sono state oggetto di una mostra accessibile al pubblico.


 


Altre Notizie su

Cultura e Società > Arte e Letteratura






 
Sostenitori
 
 
© 2011/21 - Filo Diretto News | Reg. Tribunale di Messina n° 4 del 25/02/2011 | Dir. Resp. Domenico Interdonato | Condirettore Armando Russo
Redazione - Via S. Barbara 12, 98123 Messina - P.Iva 02939580839