Oggi è 
 
 
   
Prima Pagina > Notizie > Regionali > Formazione per i giornalisti: “La Chiesa Mediale. I giornalisti di fronte ai nuovi linguaggi digitali”

 giovedì 25 maggio 2017

NOTO

Formazione per i giornalisti: “La Chiesa Mediale. I giornalisti di fronte ai nuovi linguaggi digitali”

di Redazione


alt

Comunicazione, media, social media contribuiscono ‘a fare’ Chiesa. Potrebbe sembrare una delle tante ‘frasi fatte’, ma credo proprio che oggi, in questo scenario mediale dove non è più scontato distinguere con chiarezza cos’è online da cosa non lo è, non esiste occasione più alta che quella comunicativa per capire e fare comunità e quindi esperienza di Chiesa”. Lo ha detto don Alessandro Palermo, esperto in Comunicazione pastorale e Pastorale digitale, nel corso del seminario di formazione per i giornalisti sul tema: “La Chiesa Mediale. I giornalisti di fronte ai nuovi linguaggi digitali”, che si è svolto nell’aula Magna del Seminario Vescovile di Noto. Il seminario, che s’inserisce nell’ambito della 51a Giornata Mondiale delle Comunicazioni Sociali, è stato organizzato dall’UCSI Siracusa, dall’Ufficio delle Comunicazioni sociali della Diocesi di Noto, promosso dall’Ordine dei Giornalisti di Sicilia e dal Consiglio Nazionale dell’Ordine dei Giornalisti, con la collaborazione dell’Assostampa di Siracusa, dall’UCSI Sicilia e dal settimanale diocesano “La Vita diocesana”.

Il seminario è stato inserito nella settimana della comunicazione promossa dalla San Paolo e dalle Paoline. Al corso, hanno partecipato il direttore del settimanale “La Vita diocesana”, Giuseppe Malandrino, consigliere nazionale della FISC e il vicedirettore dell’ufficio Comunicazioni sociali dell’Arcidiocesi di Siracusa, Alessandro Ricupero. Il seminario, moderato dal presidente dell’UCSI Siracusa, Salvatore Di Salvo, consigliere nazionale dell’UCSI, è stato aperto con la relazione del vescovo di Noto, s.e. rev.ma monsignor Antonio Staglianò, delegato della Cesi per le Comunicazioni sociali, e l’intervento di don Alessandro Palermo. “Oggi, fare pastorale per praticare azioni di evangelizzazione – ha detto don Alessandro Palermo – significa anche attivare e compiere ‘azioni mediali’, usare i media non semplicemente per trasmettere notizie, ma per ascoltare e intercettare le domande delle persone che ogni giorno sono ed esistono realmente nei social network. Ecco perché parlare di Chiesa Mediale non significa fondare una nuova pastorale e un nuovo capitolo di ecclesiologia, significa, invece, parlare di umanità. Abbiamo bisogno di Diocesi e parrocchie aperte alla società e, quindi, appassionate di comunicazione e di umanità. Rimanere chiusi ai processi comunicativi può farci correre il rischio di rimanere assenti in un mondo dove per esserci sembra che occorre avere anche una chiara identità digitale. Un’identità consapevole dei limiti digitali, capace di evitare i rischi di disumanizzazione che possono innescarsi quando viene a mancare un’educazione mediale e una passione al dato umano”.

Il vescovo di Noto, mons. Antonio Staglianò, delegato della Cesi per le comunicazioni sociali, ha sottolineato che la “chiesa non può stare alla finestra”. “Siamo immersi in un impetuoso processo di trasformazione dell’universo comunicativo – ha detto il presule –. La Chiesa non può restare alla finestra, essa è chiamata a seguire con attenzione e discernimento questi mutamenti. In questo senso, è necessario che si attivino dei percorsi di formazione, per pensare la fede di fronte alle sfide che la rivoluzione digitale pone in essere. A partire dagli anni settanta, con l’impulso dettato dal Concilio, la Chiesa ha avviato un processo di rinnovamento, ponendosi sulle onde dell’evoluzione dei media, con l’affermazione di nuove tecnologie, coniugando gli aspetti della vita ecclesiale con le nuove realtà culturali e sociali, sino all’età contemporanea, soprattutto con l’avvento di Internet, della telefonia mobile, dell’iPod, dei social network, mutando la fisionomia del suo comunicare agli uomini del nostro tempo”.

Il messaggio per la Giornata Mondiale delle comunicazioni (2017) sembra che riproponga – ha detto il presidente dell’UCSI di Siracusa, Salvatore Di Salvo, consigliere nazionale dell’UCSI le stesse coordinate e chiavi di lettura contenute nel primo messaggio per la Giornata Mondiale delle comunicazioni sociali (1967). Sono ormai passati cinquant’anni e i ‘mezzi di comunicazione’ da massmedia (1967) sono diventati social-media (2017), sono, così, integrati nella quotidianità delle persone che è diventato quasi impossibile distinguere una comunicazione offline da una comunicazione mediata dalla tecnologia digitale. Forse, è arrivato il momento in cui bisogna ripartire da capo, cominciare a convincerci che la comunicazione, che sia mediata o face to face, fondamentalmente, è una questione umana”.


 


Altre Notizie su

Notizie > Regionali






 
Partner
 
 
© 2011/17 - Filo Diretto News | Reg. Tribunale di Messina n° 4 del 25/02/2011 | Dir. Resp. Domenico Interdonato | Condirettore Armando Russo
Redazione - Via Felice Bisazza 44, 98122 Messina - P.Iva 02939580839