AVVISO: Questo sito a breve non sarà più raggiungibile, Filo Diretto News con le sue notizie ed i suoi servizi sono disponibili al nuovo indirizzo web: www.filodirettonews.it
Oggi è 
 
 
   
Prima Pagina > Cultura e Società > Arte e Letteratura > Coppe d’Artista quando l’arte invita alla sostenibilità ambientale

 martedì 23 maggio 2017

MESSINA

Coppe d’Artista quando l’arte invita alla sostenibilità ambientale

di Redazione


alt

Si è tenuta, dall’11 al 17 maggio, “Coppe d’artista”, la mostra collettiva di arte del riciclo giunta oggi alla X Edizione. Un appuntamento molto interessante quello che si tiene, annualmente, a Messina, nelle sale post industriali dell’EcoLab di Via Croce Rossa n. 8, un luogo dove arte e tecnologia, storia e ingegno, cultura e civiltà, trovano spazio e forma. L’evento, ideato e curato da Linda Schipani, ingegnere per l’ambiente e il territorio e artista, fa parte di un progetto culturale ambizioso e concreto, tanto che, in dieci anni, ha potuto dimostrare, grazie al coinvolgimento di oltre un centinaio di artisti, come la creatività possa valorizzare materiali, altrimenti destinati alla discarica: nel 2008, furono bobine avvolgicavo in legno, poi sfere di illuminazione in pvc, pedane, tubo corrugato, cilindri e carte dielettriche, alberelli natalizi, armature dei lampioni stradali e lampadine.

Un esempio strategico, soprattutto in una Città come Messina, costantemente, sommersa da rifiuti di ogni genere, ingombranti, domestici e industriali. E, in effetti, proprio l’ing. Schipani propose attraverso il “Piano della raccolta differenziata”, redatto per l’AtoMe3, nel 2006, di attivare piattaforme dove mettere a disposizione dei cittadini i tanti arredi e oggetti che, quotidianamente, si trovano in prossimità dei cassonetti, consiglio che, però, non fu accolto. Ma torniamo a questa interessante mostra, dove protagonisti sono 34 artisti che hanno trasformato in opere d’arte coppe in vetro dei lampioni stradali, oggetti destinati a divenire reperto industriale, perché sostituiti da schemi piatti che riducono l’inquinamento luminoso.

La mostra, è stata presentata, come avviene ormai dalla I Edizione, dal critico e giornalista Gigi Giacobbe. Le “Coppe d’artista” entrano, così, a far parte della Collezione di Linda Schipani, centinaia di opere nate da scarti di impianti elettrici che, al di là del valore estetico o dell’importanza dei suoi autori, hanno una forte componente etica legata ai virtuosi principi di sostenibilità ambientale. La Collezione di arte del riciclo, ospitata all’EcoLab in forma permanente, viene in parte esposta, con mostre itineranti, in altri spazi ed è tutt’ora in corso, e in continua evoluzione da giugno 2016, la Mostra “EcoLab” all’Atelier sul Mare di Antonio Presti.

Opere d’arte in grado di trasmettere esempi concreti all’insegna della “bellezza”, della rigenerazione e del buon senso, è questa l’arte contemporanea all’EcoLab di Messina, un luogo suggestivo e formativo, aperto ai singoli cittadini, ai gruppi e alle scuole, solo previo appuntamento telefonico al 328.2066948 o prenotazione email a lischi2000@yahoo.it.


 


Altre Notizie su

Cultura e Società > Arte e Letteratura






 
Sostenitori
 
 
© 2011/21 - Filo Diretto News | Reg. Tribunale di Messina n° 4 del 25/02/2011 | Dir. Resp. Domenico Interdonato | Condirettore Armando Russo
Redazione - Via S. Barbara 12, 98123 Messina - P.Iva 02939580839