Oggi è 
 
 
   
Prima Pagina > Notizie > Messina > “CittadinanzAttiva”, lettera al ministro della Salute Beatrice Lorenzin

 mercoledì 17 maggio 2017

MESSINA

“CittadinanzAttiva”, lettera al ministro della Salute Beatrice Lorenzin

di Redazione


alt

Illustre sig. ministro, il Centro Oncologico di Eccellenza che avrebbe dovuto essere realizzato a Messina ha una storia molto lunga e poco edificante. Fu la conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato e le Regioni, nelle linee guida concernenti “la prevenzione, la diagnostica e l’assistenza in oncologia”, licenziate nel 2001, a prevedere la realizzazione di poli oncologici. In particolare, si raccomandava “la realizzazione di un efficace e organico coordinamento a livello regionale di tutta l’attività oncologica, per garantire qualità omogeneità ed equità di intervento […]. Nelle situazioni in cui tale rete regionale è insufficientemente sviluppata, ovvero i bacini di riferimento lo suggeriscano, l’alta integrazione può conseguirsi attraverso l’attivazione di poli oncologici che, in quanto dotati di oncologia medica, di chirurgia a indirizzo oncologici e di radioterapia, preferibilmente, insistenti in una stessa sede e, comunque, strettamente connesse in termini sia strutturali sia tecnico-funzionali, sono in grado di erogare risposte integrate e coordinate in funzione della complessità della patologia oncologica. Nel polo oncologico, dovrebbero essere, inoltre, presenti competenze di prevenzione oncologica e di epidemiologia, con apposite unità operative o strutture complesse, ove esistenti.

Per garantire un’effettiva attività integrata e di alta complessità, dovrebbero essere previste fra le attività del polo quelle proprie di anatomia patologica, ematologia, diagnostica strumentale e di laboratorio, endoscopia, specialità d’organo, anestesia e rianimazione, riabilitazione, psicologia, nutrizione clinica, genetica e il servizio farmaceutico. Il crono-programma prevedeva: per il luglio 2005: la creazione della Chirurgia toracica oncologica; per il settembre 2005: la Chirurgia ortopedica oncologica; e per il settembre 2005: un reparto di Oncologia per la degenza ordinaria. Per i primi cinque anni, la Regione si accollava gli eventuali disavanzi. Si sono spesi oltre 40 milioni di euro e nulla di tutto questo è stato realizzato. Le linee guida si concludevano con l’affermazione che “L’adeguamento delle strutture e delle modalità operative sopra indicate dovrebbe consentire, inoltre, di ridurre marcatamente la mobilità interregionale dei pazienti oncologici”. L’amara conclusione è che circa 10.000 siciliani si sono ammalati di cancro e, ogni anno, per farsi curare, ma, soprattutto, per sperimentare nuovi farmaci, sono costretti a emigrare fuori Regione, con notevole danno per le famiglie e l’erario regionale.

Dott. Giuseppe Pracanica, presidente regionale Sicilia di “CittadinanzAttiva”


 


Altre Notizie su

Notizie > Messina






 
Partner
 
 
© 2011/17 - Filo Diretto News | Reg. Tribunale di Messina n° 4 del 25/02/2011 | Dir. Resp. Domenico Interdonato | Condirettore Armando Russo
Redazione - Via Felice Bisazza 44, 98122 Messina - P.Iva 02939580839