Oggi è 
 
 
   
Prima Pagina > Cultura e Società > Recensioni > Recensione film “La Bella e la Bestia”

 venerdì 14 aprile 2017

CINEMA

Recensione film “La Bella e la Bestia”

di Maria Schillaci


alt

È dalla regia di Bill Condon, con tutto il suo cast e i protagonisti Emma Watson, Dan Stevens, che prende di nuovo vita una delle fiabe con cui siamo cresciuti, un classico Disney che insegna a guardare sempre oltre ogni apparenza, arrivando al cuore di chi ci è intorno. Il film Disney ci porta a Villeneuve, Paesino della Francia, dove la vita è ripetitiva, e Belle (Emma Watson), figlia dell’artista Maurice, si sente come un “pesce fuor d’acqua”, amando immergersi in nuovi mondi grazie alla lettura.

Gaston, ragazzo del Paese che si dava sempre delle arie, s’innamorò di lei, ma Belle non amava per nulla la sua arroganza e sapeva che non era il ragazzo giusto per lei. Come ogni anno, suo padre, era partito per un lungo viaggio. Questa volta, però, Maurice, inoltrandosi nel bosco oscuro, si trovò bloccato nella neve con il suo cavallo e si salvò, miracolosamente, dai lupi affamati grazie alla destrezza e intelligenza del suo cavallo. Così, Maurice cercò rifugio in un castello che sembrava abbandonato, poi se ne andò non fidandosi delle stranezze di quel posto e prese una rosa dal giardino, come regalo per Belle. Maurice non immaginava proprio che lì abitava una Bestia (Dan Stevens) e che, vedendolo come intruso nel suo castello, lo fece prigioniero.

Belle, nel frattempo, non vedendo arrivare suo padre a casa, preoccupata andò a cercarlo... trovò il castello e superando il terrore nel vedere la Bestia, prese il posto del padre, imprigionandosi in quella cella per salvarlo. Suo padre non avrebbe mai voluto tutto questo, così cercò aiuto nel Paese dove nessuno credeva alla storia del castello con dentro la Bestia. Gaston si offrì per aiutarlo, ma solo con l’interesse di voler sposare Belle. Non appena capì che il padre poteva essere d’intralcio per il suo piano, lo tramortì abbandonandolo nel bosco in mezzo ai lupi, con una crudeltà immensa. Maurice, per fortuna, venne salvato da una signora che lo curò.

Intanto, Belle al castello fa amicizia con Il candelabro Lumière, l’orologio Tockins, la teiera Mrs Brick, e gli altri simpatici oggetti animati che la accolsero con amore. Belle non sapeva che quegli oggetti e la Bestia erano sotto la maledizione di una maga che, nelle vesti di anziana signora, anni prima, vedendosi rifiutata dal principe (la Bestia), reagì dando loro quelle sembianze insieme a una rosa che ogni giorno perdeva un petalo e quando sarebbe sfiorita del tutto, l’incantesimo sarebbe durato per l’eternità. Solo un amore forte e vero avrebbe potuto spezzarlo, ridando vita al castello e i suoi abitanti.

Quei simpatici oggetti speravano, in cuor loro, che la ragazza giusta per rompere quella maledizione fosse Belle, così, pian piano diedero consigli alla Bestia per far sì che la conquistasse. Inizialmente, fu difficile, dato il dolore di Belle nel non poter vedere più suo padre e il sentirsi prigioniera tra quelle mura, ma pian piano, dopo esser stata salvata dalla Bestia nel bosco, dopo esser fuggita, capì che il cuore di quella belva non era malvagio. Giorno dopo giorno, si accorse della sua gentilezza, della passione per i libri che avevano in comune e nacque tra loro una splendida amicizia.

La Bestia desiderava dichiarare l’amore che provava per Belle, pur sapendo quanto fosse difficile e organizzò un ballo. La bellissima Belle entrò in sala con il suo splendido abito giallo da principessa, curato in ogni minimo dettaglio, con decori in oro e incantò ancora di più la Bestia. Belle, improvvisamente, grazie allo specchio magico, regalatole dalla Bestia, vide il padre in pericolo e la Bestia la lasciò libera di fuggire, di andare a salvarlo, pur pensando di non rivederla mai più.

Belle si trovò di nuovo di fronte alla cattiveria di Gaston che voleva rinchiudere suo padre al manicomio... dopo l’irruzione di tutto il Paese capitanato da Gaston nel castello della Bestia, i piani rocamboleschi degli oggetti animati per mettere in salvo la Bestia e il castello stesso, Maurice aprì le grate dove era rinchiuso con sua figlia Belle. Gaston voleva uccidere la Bestia, anche dopo aver visto che quest’ultima non era crudele e gli aveva salvato la vita. Sparò un colpo a tradimento, la Bestia cadde morente tra le lacrime di Belle che aveva cercato di salvarlo. Cadde l’oscurità, il gelo su quel castello, sulla teiera Mrs Brick, Lumiere e tutti gli altri ormai senza vita...

Le lacrime piene d’amore di Belle accanto alla Bestia, insieme alla dichiarazione del suo amore per lui, commossero una maga che spezzò per sempre quella maledizione. La Bestia tornò a essere un bellissimo principe, gli oggetti diventarono nuovamente umani e tutto nel castello s’illuminò pieno di vita, con la gioia dei tempi trascorsi. Il regno accolse felice Belle, dato che grazie alla sua forza, alla sua tenacia e al suo amore incondizionato, aveva salvato tutti loro. Con la benedizione di Maurice, Belle e il suo principe si sposarono e vissero per sempre la meravigliosa vita che avevano sognato.

La fiaba de “La Bella e La Bestia” anche oggi, nel 2017, rivivendo sui grandi schermi, grazie alla regia di Bill Condon e alla Disney fa rifiorire nuovamente i grandi valori della vita come l’amore per i propri familiari, la tenacia nel realizzare i propri sogni oltre ogni difficoltà e crudeltà, e lo sguardo dentro l’anima di chi ci è intorno, che molto spesso non è come appare esternamente, poiché in ognuno di noi esiste un mondo da scoprire e la chiave per farlo è proprio quella della saggezza, dell’amore che non conosce giudizi.


 


Altre Notizie su

Cultura e Società > Recensioni






 
Partner
 
 
© 2011/17 - Filo Diretto News | Reg. Tribunale di Messina n° 4 del 25/02/2011 | Dir. Resp. Domenico Interdonato | Condirettore Armando Russo
Redazione - Via Felice Bisazza 44, 98122 Messina - P.Iva 02939580839