Oggi è 
 
 
   
Prima Pagina > Notizie > Pr. Tirrenica > Convenzione con l’Ufficio di esecuzione penale. I condannati faranno lavori socialmente utili

 venerdì 24 febbraio 2017

MILAZZO

Convenzione con l’Ufficio di esecuzione penale. I condannati faranno lavori socialmente utili

di Redazione


alt

È stata sottoscritta la Convenzione tra il Comune di Milazzo e l’Ufficio di esecuzione penale esterna di Messina (“Uepe”), finalizzata a promuovere azioni concordi di sensibilizzazione nei confronti della comunità locale rispetto al sostegno e al reinserimento di persone in esecuzione penale, favorendo, così, la costituzione di una rete di risorse che accolgano i soggetti ammessi a misura alternativa o ammessi alla sospensione del procedimento con messa alla prova che hanno aderito a un progetto riparativo.

Con la firma della convenzione, l’“Uepe” s’impegna a segnalare al Comune il nominativo di ogni soggetto in misura alternativa o ammesso alla prova che aderisce alla proposta di svolgere attività a favore della collettività, previa acquisizione d’impegno scritto dell’interessato. L’“Uepe” fornirà una scheda di presentazione in cui verrà specificato il tempo che la persona può dedicare all’attività prescelta e l’eventuale specifica professionalità posseduta, al fine di poterla collocare al meglio all’interno delle strutture/risorse messe a disposizione dell’ente convenzionato.

L’Amministrazione comunale da parte sua dovrà individuare, all’interno delle proprie strutture operative, idonei ambiti d’impegno per lo svolgimento di attività di riparazione da parte delle persone ammesse alla sospensione del procedimento con messa alla prova; collaborare con l’“Uepe” per la redazione del programma di trattamento, individuando gli impegni specifici, il numero di ore e le modalità d’inserimento nell’attività di riparazione, e per sensibilizzare l’ambiente in cui saranno inseriti i soggetti segnalati e, ovviamente, collocare presso la struttura che verrà individuata, di volta in volta, il soggetto ammesso allo svolgimento di attività di riparazione.

Spetterà sempre al Comune designare un referente per il progetto riparativo, che indirizzi l’attività della persona, la supporti nello svolgimento del compito affidatole e mantenga i rapporti con l’“Uepe” producendo, al termine del periodo di svolgimento dell’attività riparativa, una relazione relativa all’attività prestata. La convenzione ha la durata di un anno ed è da intendersi tacitamente rinnovata di anno in anno, salvo disdetta scritta, da comunicarsi da una delle parti con almeno novanta giorni di preavviso.


 


Altre Notizie su

Notizie > Pr. Tirrenica






 
Partner
 
 
© 2011/17 - Filo Diretto News | Reg. Tribunale di Messina n° 4 del 25/02/2011 | Dir. Resp. Domenico Interdonato | Condirettore Armando Russo
Redazione - Via Felice Bisazza 44, 98122 Messina - P.Iva 02939580839