Oggi è 
 
 
   
Prima Pagina > Notizie > Messina > Castanea: 400 cani al canile “Millemusi” rischiano di rimanere senza cibo

 martedì 25 ottobre 2016

DICCI LA TUA

Castanea: 400 cani al canile “Millemusi” rischiano di rimanere senza cibo

di Redazione


alt

Premesso che la “Lega Nazionale per la difesa del cane” gestisce, per conto del Comune di Messina e da oltre 20 anni, il Canile denominato “Millemusi” che, fino a sei anni fa, era ubicato al Forte “Schiaffino” dove era un canile comunale. Nel 2010, con un’operazione fortemente voluta dall’allora assessore Squadrito e dalla signora Merenda, all’epoca presidente della sezione della “Lega di Messina”, i cani sono stati trasferiti dal Forte “Schiaffino” nell’attuale struttura del Canile “Millemusi” diventando un canile privato sotto la gestione della “Lega”. Da diversi mesi si è sparsa la voce, nel territorio dell’estrema riviera nord, che i cani randagi, oltre 400, gestiti presso il canile ubicato nel villaggio Castanea, territorio ricadente nella VI Circoscrizione, a giorni resteranno senza cibo per la mancanza di risorse per provvedere a pagare il mangime ai fornitori. Il personale, composto da 5 dipendenti oltre il veterinario e gli operatori del canile, non percepiscono lo stipendio da diversi mesi creando disagi anche alle relative famiglie. Voce di popolo voce di Dio! Il Comune di Messina, per tutti i servizi erogati dalla “Lega”, paga € 350.000,00 l’anno, compreso di IVA ridotti € 295,000,00.

La “Lega, con queste somme, provvede a pagare l’affitto della struttura € 75,000,00 l’anno, al mantenimento dei 5 operai, del veterinario e per il pagamento di acqua, luce, farmaci necessari per curare gli animali, tasse e l’acquisto del mangime secco per i numerosi cani ricoverati anche appartenenti a razze pericolose. Si è sparsa la voce che solo per acquistare i croccantini necessitano circa € 5,500 al mese e l’amministrazione comunale non eroga la somma stabilita per convenzione da 8 mesi. Il Canile “Millemusi” è stato sottoposto a ben 4 controlli (da parte dei NAS – ASP – Polizia Municipale e Guardia di Finanza) e sembra che, a seguito dei suddetti controlli, il Canile e la sua gestione sono risultati in perfetta regola e, quindi, sciolti da ogni dubbio. Mi sembra di ricordare che il canile è stato oggetto di sopralluogo anche da parte di qualche consigliere comunale. Si è sparsa la voce, inoltre, che il “Millemusi” sia stato giudicato il miglior “Canile” ricadente in Sicilia.

Ricordo che i cani randagi, accalappiati nel territorio di Messina e allocati presso il Canile privato di Castanea, sono di proprietà del sindaco, il quale deve provvedere al loro benessere al mantenimento con cure mediche e cibo in base alla legge 15/2000. Premesso ciò, chiedo all’assessore per il “Benessere Animali” Daniele Ialacqua, avendo lo scrivente molta fiducia sul suo operato, di indire una riunione, urgentissima, da tenersi presso gli uffici dell’assessorato alla presenza del sindaco, del dirigente alla sanità comunale, del responsabile della “Lega” che gestisce il Canile “Millemusi” ed il sottoscritto. Bisogna fare presto perché il Canile è in ginocchio e non possiamo fare morire i nostri migliori amici. Ciò diverrebbe un reato penale.

Mario Biancuzzo, consigliere della VI Circoscrizione – Messina


 


Altre Notizie su

Notizie > Messina






 
Partner
 
 
© 2011/17 - Filo Diretto News | Reg. Tribunale di Messina n° 4 del 25/02/2011 | Dir. Resp. Domenico Interdonato | Condirettore Armando Russo
Redazione - Via Felice Bisazza 44, 98122 Messina - P.Iva 02939580839